Archivi tag: battesimo

TESTIMONI – BUONA DOMENICA! II del TEMPO ORDINARIO – ANNO A

«Ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio ». Gv 1,34

Mi viene in mente una domanda, una di quelle domande più volte sentite e che lasciano senza parole: «Come riuscire a credere? Come si può credere in Gesù? Come possiamo sapere che sia davvero esistito?». C’è un elemento da cui non possiamo prescindere. La fede in Gesù ha una sua caratteristica propria: è testimoniale. Non è questione di prove scientifiche, di DNA della Sindone, di prove storiche. Per quanto ci possano essere fonti da rintracciare, la nostra fede nel Figlio di Dio si fonda su testimonianze oculari. Di chi, cioè, ha visto e raccontato. E devono aver visto così da vicino e raccontato con tanta convinzione da essere stati talmente credibili da generare conversioni, capovolgimenti radicali, risurrezioni, guarigioni. Gli stessi Vangeli non sono altro che testimonianze di fede di intere comunità che hanno visto Gesù, creduto alle sue parole, aderito al suo messaggio, testimoniato il suo amore.
L’atteggiamento di Giovanni, descritto dal Vangelo di questa II domenica del Tempo Ordinario, è straordinario. Di Giovanni sappiamo alcune cose: è la voce, e Gesù è la Parola; è la lampada, e Gesù è la luce; è il testimone, e Gesù è la Rivelazione di Dio Padre; è colui che indica, e Gesù è la salvezza da incontrare. È come se la vita di Giovanni non avesse altro senso se non in funzione di Gesù di Nazaret. È come se ogni sua azione non avesse altro senso se non in vista dell’incontro con Gesù di Nazaret. È come se ogni sua parola non avesse altro perché se non rimandare a lui. Ed è anche grazie a lui che i primi hanno visto, hanno capito, hanno seguito.
E allora possa Giovanni insegnarci a essere voce della Parola, testimoni di Salvezza, annunciatori di Vita. Possa ognuno di noi, con coraggio e audacia, indicare lui, Gesù di Nazaret, come luce vera, ricchezza piena che riempie di senso a ogni vita.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Testimoni!

Rendici testimoni, Signore, come Giovanni,
che ha visto, ascoltato e testimoniato.
Rendici capaci di raccontare quelle meraviglie
che vediamo accadere sotto i nostri occhi,
anche se scomode e non allineate
con la mentalità corrente.
Rendici attenti a scoprire la tua luce, Signore,
che pur nelle notti dell’umanità brilla e rischiara.
Rendici testimoni di te,
della tua presenza, del tuo amore.
Tu sei colui che dona salvezza al mondo.
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Gv 1,29-34)

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Scarica la fotopreghiera
Scarica la cover per facebook
Scarica la foto per i social
Scarica la cover per twitter

ASCOLTATELO! – BUONA DOMENICA! BATTESIMO DEL SIGNORE – ANNO A

«Questi è il Figlio mio, l’amato». Mt 3,17

Gesù sembra sapere il fatto suo: vuole ricevere il battesimo che Giovanni sta predicando.
Riusciamo a immaginare la scena? Gesù, che fino a ieri abbiamo visto essere omaggiato da pastori e re d’Oriente, oggi è in coda con coloro che si ritengono peccatori. Lui, il Messia, colui che chiamerà Dio suo Padre, che insegnerà nelle sinagoghe, si dichiara pubblicamente peccatore, bisognoso di essere battezzato da Giovanni, di ricevere un battesimo di conversione.
La vogliamo usare la parola magica? Scandalo! Quello che Giovanni è costretto a vedere e a compiere ha dello scandaloso. Lui stava predicando la venuta di colui che avrebbe usato la scure contro il peccato, che avrebbe bruciato la paglia, che avrebbe suscitato figli di Abramo dalle pietre. E invece colui che avrebbe dovuto fare tutto questo, l’Atteso, il Messia, si mette in fila tra i peccatori come fosse un peccatore.
Scandaloso! Ecco fino a che punto arriva la concretezza dell’incarnazione. Il Dio fatto carne continua a rivoluzionare la vita di coloro che incontra: Maria, Giuseppe, i pastori, i Re Magi, Giovanni…
Il Salvatore è in coda tra i peccatori: riusciamo a immaginare la portata di questo gesto? Come stupirsi se poi ha mangiato con loro, se si è messo in gioco per loro, se si è lasciato condannare e uccidere per loro… per noi.
Dio e il peccatore non sono distanti come certe tradizioni ci vogliono far credere. Il peccato non ci allontana da Dio, non ci impedisce di raggiungerlo. L’incarnazione di Dio ci ricorda ogni giorno che Dio è dalla nostra parte: Gesù per noi si fa via per accompagnarci al Padre, al suo amore, al suo perdono. Lui ci viene consegnato come l’Amato per eccellenza, perché in Lui possiamo sentirci donne e uomini amate, amati. Non ci resta che ascoltarlo e credere alle sue parole! Buon cammino “ordinario”!

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Ascoltatelo!

Signore Gesù,
Dio Padre ti offre a noi come l’Amato,
Colui nel quale possiamo incontrare il Dio dell’amore,
Colui nel quale possiamo toccare il Dio della vita,
Colui nel quale possiamo lasciarci raggiungere
dal Dio della compassione.
Possa il nostro cuore aprirsi alla tua Parola.
Possano i nostri pensieri
lasciarsi sconvolgere dalla tua novità.
Possa ogni parte di noi lasciarsi abitare da te,
Figlio Amato. Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Mt 3,13-17)

In quel tempo, Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui.
Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare.
Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Cover facebook
Cover twitter
Immagine social

Allenarsi per FAR VIVERE – Step3 di “Training di misericordia”… con il Vangelo di domenica 9 febbraio

L’ESERCIZIO su cui allenarsi è: FAR VIVERE!

E non stiamo parlando di una ripetizione dello step precedente… ma di una sua conseguenza diretta. Vivere, vivere bene, vivere dando senso alla propria vita, significa far vivere, seminare vita, diffondere un buon profumo nel mondo attorno a noi: è questo ciò che vogliamo allenarci a fare in questa terza tappa del percorso. Buon cammino a tutti noi!

Il brano biblico di riferimento – Mt 5, 13-16

«In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che lucecosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli».  

Continua a leggere Allenarsi per FAR VIVERE – Step3 di “Training di misericordia”… con il Vangelo di domenica 9 febbraio

Vivere da CHIAMATI! – preparandoci a domenica 26/01/2014

vivere da CHIAMATI!

Infinito e luceDal Vangelo della III Domenica del Tempo Ordinario, piccoli suggerimenti per mantenere il ritmo e continuare ad allenarci per Vivere (VIVERE = parola chiave che dà il ritmo al mese di Gennaio)…

Il brano biblico di riferimento – Mt 4, 12-23

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

Terra di Zàbulone terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta.

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”.
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: “Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini”. Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Vivere da CHIAMATI

Una speranza, porto nel cuore, mentre scrivo queste poche righe: che il brano possa essere letto per intero, così come qui lo riportiamo, e non nella sua forma breve. Seppur domenica a Messa, questa sarà la scelta, ognuno, almeno nella preparazione, provi a non ridurre troppo la Parola alle esigenze del tempo e della fretta.

Qualche spunto per riflettere insieme    Continua a leggere Vivere da CHIAMATI! – preparandoci a domenica 26/01/2014

Vivere da cercatori… per NON morire – preparandoci a domenica 19/01/2014

vivere da cercatori…

per NON morire!

vivere

Nuove indicazioni per mantenere il ritmo e continuare ad allenarci per Vivere (VIVERE = parola chiave che dà il ritmo al mese di Gennaio)…

…continuiamo ad allenarci, entrando nel Vangelo della II domenica del Tempo Ordinario. 

Il brano biblico di riferimento – Gv 1, 29-34

Il giorno dopo, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: “Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele”. 

Giovanni testimoniò dicendo: “Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio”.

Vivere da CERCATORI

Spesso ci dicono che la vita ha senso se sai perchè esisti, da dove vieni, chi sei… Ci convincono che è fatta di risposte, di sicurezze, di solide fondamenta su cui costruire tutto il resto. Però pochi hanno il coraggio di dirci che le cercarecertezze da sole neutralizzano, che le sicurezze a tutti i costi ci indeboliscono, che le risposte date per abitudine prima o poi ci svuotano, che il senso vero di un’ esistenza piena sta nel lasciarsi raggiungere, nel coraggio di cercare, nella capacità di restare aperti all’imprevedibile. 

Così in fondo, è stata l’esistenza di quel Giovanni, detto il Battezzatore. Uomo pronto e disposto ad attendere, a lasciarsi raggiungere da tutti e anche da Dio. Verso di lui avanzano i peccatori e avanza colui che dal peccato avrebbe liberato il cosmo, le galassie, il mondo.

Gesù, uomo tra gli uomini, avanza verso Giovanni e, il testimone che cerca, che scruta, che attende, che scopre, come una lampada su un tavolo fa splendere la luce vera. “E’ Lui!” – lo indica, lo riconosce, sente risuonare in profondità la voce del Dio delle antiche promesse, del Misericordioso che non dimentica, del Padre fedele che ama. Giovanni cerca in Dio la risposta. Giovanni scruta la sua stessa interiorità, il suo esistere, il suo agire. Va in profondità e proprio lì ascolta e riconosce la voce di colui che lo aveva mandato.

Giovanni ascolta, perché la Voce parla, instancabilmente. Riconosce, perché Dio non si nasconde, ma si rivela costantemente; non gioca con l’uomo, ma si offre senza limiti.

“Ecco l’agnello di Dio” – dicono oggi i tanti testimoni del Risorto – “Ecco colui che ha inchiodato per cristo monrealesempre ogni colpa sul legno della croce e ci ha salvato. E’ lui che dobbiamo cercare per non morire!
Ecco il Figlio in cui lo Spirito discende e rimane.
Eccolo, per voi, l’amato da sempre, che resta ininterrottamente in relazione con il Padre, che vive alla sua presenza, che sceglie, mosso, sostenuto, determinato da quello stesso Spirito che le rende strettamente UNO con il Padre. E’ lui che dobbiamo seguire per non morire; è così che dobbiamo vivere perché la vita sia vera!”

L’azione da vivere… subito!     Continua a leggere Vivere da cercatori… per NON morire – preparandoci a domenica 19/01/2014

Allenarsi per vivere – Step2 di “Training di misericordia”

L’ESERCIZIO su cui allenarsi in Gennaio è: Vivere!

Lo faremo lasciandoci accompagnare dai brani che, di domenica in domenica, la liturgia in queste settimane ci proporrà.

Il brano biblico di riferimento – dalla liturgia della Festa del Battesimo del Signore

«Così dice il Signore: “Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto di cui mi compiaccio. Ho posto il mio spirito su di lui; egli porterà il diritto alle nazioni.  

Vivere da amati!   Continua a leggere Allenarsi per vivere – Step2 di “Training di misericordia”

CATECHISTI PARROCCHIALI – Aprile 2013 – I DONI DEL RISORTO

Catechisti Aprile 2013

L’OLIO DELL’UNZIONE

di Fabrizio Carletti

L’olio, oggi, è utilizzato e ritenuto dai bambini un alimento, ma nel passato era un bene prezioso, usato anche come medicamento o per realioliozzare cosmetici e profumi. Costituiva, inoltre, un simbolo cultuale importante.

Con l’olio, nell’Israele antico, si ungevano re e sacerdoti per esplicitare che l’incarico che assumevano era da svolgere nel nome di Dio e a favore del suo popolo.

Nei libri dei profeti si parlerà, poi, di unzione spirituale, in chiave metaforica, quindi, fino a giungere al significato pregnante che avrà per la persona di Gesù Cristo.
Il termine «Cristo», parola di origine greca, traduce l’ebraico «messia» che significa «unto», cioè scelto, consacrato, inviato di Dio.
All’inizio del III secolo si hanno le prime testimonianze di «unzioni» nelle comunità cristiane: con l’olio dei catecumeni, prima del lavacro battesimale, e con il crisma, dopo.
Il primo si riferisce all’olio dei lottatori: come i gladiatori erano cosparsi di olio, per sfuggirla_cresimae alla presa degli avversari, così il battezzato, tramite quest’olio, sfugge alla presa del maligno.
Il crisma (olio e profumo) rende chi è unto, sacerdote, re e profeta. Esso si usa per i cresimandi, sulle mani di chi ha ricevuto l’ordine del presbiterato, sul capo di chi diventa vescovo.

L’unzione rappresenta un vero e proprio sigillo spirituale, «il marchio» dello Spirito Santo. Ricorda il sigillo, che si usava nell’antichità su soldati e schiavi, per identificare l’appartenenza di una persona al suo capo. Con il battesimo siamo stati unti e immersi nella grazia dello Spirito. Abbiamo fatto, così, il nostro ingresso nella famiglia di Dio, nella comunità cristiana.

Olio_OlivePer sottolineare il valore di questo simbolo, realizziamo un contenitore decorato per olio.
Materiale: un piccolo contenitore in vetro per olio, un tappino di sughero, colori per vetro, modelli di disegni da prendere come riferimenti, olio, essenza oleosa profumata, pennelli.
Al lavoro:
• Si decora il contenitore con i colori per vetro;
• Si mettono a disposizione dei ragazzi alcuni soggetti da disegnare: simboli raffiguranti lo Spirito Santo (fuoco, colomba…), il pesce simbolo del cristiano, la croce, ecc.;
• Si dipingono i simboli, sui lati del contenitore, con i colori per vetro;
• Decorata la boccetta di vetro, si versa dentro olio di oliva e alcune gocce di essenza profumata; poi si mescola il tutto, per amalgamare bene i due liquidi;
• Basterà richiudere il contenitore con il suo tappo per terminare il nostro lavoro.

Si può usare il simbolo realizzato, facendo con i ragazzi memoria del battesimo, quello che hanno ricevuto quando erano piccoli, e sottolineando l’importanza che ha il simgnificato dell’unzione, ed infine si prega insieme dicendo:

Santo Spirito, che nel battesimo
ci hai donato la tua grazia, sii luce all’intelletto,
fiamma ardente nel cuore;
sana le nostre ferite con il balsamo del tuo amore.
Difendici dal nemico, reca in dono la pace,
la tua guida invincibile ci preservi dal male.
Luce d’eterna sapienza, svelaci il grande mistero
di Dio Padre e del Figlio, uniti in un solo Amore. Amen.

Questi e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi nel numero di Aprile di Catechisti Parrocchiali

Per info, abbonamenti e novità:

—> Clikka sull’immagine <—