Germogli di gioia – Buona domenica! – III AVVENTO – Anno B

«Io sono voce di uno che grida nel deserto». (Gv 1,23) 

Perché ogni anno celebriamo il Natale?
Forse perché abbiamo bisogno di far memoria di qualcosa che conta, che fa ancora la differenza, che può ancora cambiare la vita dei popoli e la storia: Dio è tra noi, viene per noi, ci incontra nella nostra stessa fragile natura. E lo fa per dirci che siamo degli amati, dei non dimenticati, dei liberati, dei redenti. E questo – in un momento storico segnato da profonde solitudini e da gravi lacerazioni umane – è il più straordinario degli annunci possibili.
La luce vera risplende per chi vive e giace nelle tenebre; la vita vera germoglia in lande secche e desertiche; il pane vivo si spezza e l’acqua zampillante sgorga, ininterrottamente, saziando e dissetando ogni fame e ogni sete di senso e di amore. Cosa potevamo aspettarci di più? Cosa chiedere di più?
Nel dono di Dio, in quel suo farsi carne di cui a Natale facciamo memoria, Dio ci ha consegnato germogli di gioia perché fioriscano e diano frutti abbondanti nella nostra vita e nella vita del mondo.
Ed è questo che i profeti hanno annunciato. È ciò che Giovanni ha indicato, la luce di cui egli stesso ha brillato. Dio è l’eterno veniente, il Creatore che ha fatto del «venire verso ogni creatura» la sua stessa condizione.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Germogli di gioia

Vieni tra noi, Signore Gesù, vieni per noi
e la tua venuta accenda la speranza nel mondo.
Vieni tra noi, Signore, come uno di noi
e la tua presenza inauguri
nuovi possibili spaccati di umanità.

Il Padre ti offre al mondo, Signore,
e tu diventi per noi germoglio di gioia,
seme di pace, raggio di tenerezza, radice di umanità.
Vieni, Signore Gesù, e rallegra il nostro cuore,
insegnaci a diventare per il mondo microfoni di gioia,
di quella gioia vera e profonda
che sa di avere in te il suo unico e stabile fondamento.
Vieni, signore Gesù, vieni!

PREGHIERE DEI FEDELI

Queste preghiere possono essere pregate dai bambini durante la celebrazione eucaristica domenicale, ma anche in un momento dell’incontro di catechesi dopo averli introdotti al vangelo della domenica.

Leggi il testo e scarica il pdf >>> III Avvento – Preghiere dei fedeli

GUIDA O CELEBRANTE: Il Signore Gesù è vicino e la sua venuta rallegra ogni cuore, dona gioia a ogni vita, porta luce nel buio, guarisce cuori spezzati e fascia con l’amore ogni profonda ferita. Preghiamolo e invochiamolo insieme: Vieni, Signore Gesù.

LETTORE: Vieni, Signore Gesù, nella tua Chiesa, perché diventi ogni giorno testimone di salvezza, instancabile costruttrice di pace, seminatrice di gioia. Noi ti preghiamo. Rit.

Vieni, Signore Gesù, in ogni famiglia che ha bisogno di sentirsi raggiunta dalla gioia, dalla tenerezza dell’amore e del perdono. Noi ti preghiamo. Rit.

Vieni, Signore Gesù, in ogni comunità ecclesiale che ha bisogno di riscoprirti, di rimetterti al centro, di sentirsi chiamata e radunata dal tuo amore. Noi ti preghiamo. Rit.

Vieni, Signore Gesù, nel cuore di ogni persona chiamata da te a essere come Giovanni: voce della tua Parola e segno vero della tua presenza. Noi ti preghiamo. Rit.

TUTTI I BAMBINI INSIEME:
Signore Gesù, tu sei vicino a noi e il nostro cuore è pieno di gioia! Nasci in noi, ma non nella culla del presepio: nasci nella culla già pronta nel nostro cuore, nella nostra famiglia. Siamo felici, Signore Gesù, e aspettarti ci rende allegri. Sappiamo che tu ci donerai il dono più importante: l’amore. Vieni, Signore Gesù, vieni!

DAL VANGELO DELLA DOMENICA  (Gv 1,6-8.19-28)

Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.7259_700
Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa».
Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».
Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook, google plus e twitter.

III Avvento_preghiera
Scarica la fotopreghiera
Scarica la cover per facebook
Scarica la cover per google plus
Scarica la cover per twitter

Prepararsi- Buona domenica! – II AVVENTO – Anno B

«Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri ». (Mc 1,3) 

Come inizia il «Vangelo» di Dio per l’uomo?
Come inizia la «notizia buona» che Dio sta donando all’umanità e che si chiama Gesù?
Secondo l’evangelista Marco, l’inizio del Vangelo di Gesù è segnato da una certezza: Dio manda messaggeri perché preparino le strade (le vite, i cuori, i desideri) per il Signore che viene (cfr. Mc 1,1-3). Lo ha fatto nei tempi antichi con i profeti; lo ha fatto in modo radicale mandando suo Figlio.
Dio non si scoraggia, non si lascia fermare dai deserti, dalle strade divelte, da valli scoscese o da irte salite montuose. No! Non si ferma davanti a cuori ibernati, a vite sbarrate dalla disperazione, a desideri spezzati dalla delusione, a speranze deluse da eterne attese.
Dio manda ogni giorno messaggeri che, come Giovanni, non temono di richiamare la nostra attenzione su ciò che davvero conta; non hanno paura di indicarci vie nuove da percorrere; non temono di dirci con delicata carità che stiamo sbagliando strada, che dovremmo imparare a cambiare direzione per con-vertirci a Dio.
Ma se Dio fa questo per noi, allora l’Avvento è il tempo giusto per prepararsi: 1. ad ascoltare quelle voci che lui attiva per noi; 2. a diventare noi stessi voce per coloro che ci pone accanto.
A diventare «voce» però non devono essere le parole né la nostra imperiosa voce. È la parola di Dio a dover diventare «voce» in noi, vera nei gesti che compiamo, visibile nella nostra vita semplice e quotidiana, credibile nelle nostre scelte.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Insegnaci la con-versione

Tu sei l’atteso, Signore Gesù:
colui che può riaccendere l’amore nei cuori;
colui che può riaprirci allo stupore della gratuità;
colui che può farci risentire il sapore dell’amore vero.

Libera il nostro cuore e la nostra vita
da tutto ciò che la ingombra e che toglie spazio all’attesa.
Insegnaci a voltarci verso di te, a tendere verso il tuo ritorno,
ad attendere il compimento di ogni promessa.

Insegnaci, Signore Gesù,
la conversione, il cambiamento di direzione,
perché, liberi e fiduciosi, possiamo preparare,
come Giovanni, la strada per accogliere te,
Salvatore dei popoli.
Vieni, Signore Gesù; vieni!

PREGHIERE DEI FEDELI

Queste preghiere possono essere pregate dai bambini durante la celebrazione eucaristica domenicale, ma anche in un momento dell’incontro di catechesi dopo averli introdotti al vangelo della domenica.

Leggi il testo e scarica il pdf >>> II avvento – Preghiere dei fedeli

Guida o celebrante: Gesù viene, ma noi, come diceva Giovanni il Battista, dobbiamo preparargli la strada, dobbiamo aprire il cuore agli altri, dobbiamo eliminare le cose superflue, dobbiamo fare spazio perché lui possa nascere dentro di noi, dobbiamo convertirci e credere. Diciamogli insieme: Vieni, Signore Gesù.

LETTORE: Vieni, Signore Gesù, e nasci ancora nel cuore della Chiesa, per brillare nella vita di tutti i fratelli e sorelle, di tutti i popoli del mondo. Noi ti preghiamo. Rit.

Vieni, Signore Gesù, e con il tuo amore spalanca ogni porta, abbatti ogni ostacolo, raddrizza ogni strada: noi vogliamo incontrarti. Noi ti preghiamo. Rit.

Vieni, Signore Gesù, ogni famiglia ha bisogno di te per ricominciare a sperare, per continuare a credere nell’amore vero. Noi ti preghiamo. Rit.

Vieni, Signore Gesù, ogni persona scoraggiata o sofferente, disperata o delusa ha bisogno di sapere che tu ci sarai sempre per tutti. Noi ti preghiamo. Rit.

Vieni, Signore Gesù, perché anche quest’anno dal Natale possiamo imparare a essere messaggeri di speranza per tutti – ma proprio tutti – i nostri amici. Noi ti preghiamo. Rit.

TUTTI I BAMBINI INSIEME:
Vieni, Signore Gesù, e insegnaci ad ascoltare i tuoi messaggeri che anche oggi, come Giovanni Battista, ci invitano ad aprirci all’amore, a lasciare le vie del male per imparare ogni giorno a fare scelte buone e generose. Vieni, Signore Gesù, e trasforma il nostro cuore, rendilo come il tuo: un cuore pieno di amore.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA  (Mc 1,1-8)

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
Come sta scritto nel profeta Isaìa:
«Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero:
egli preparerà la tua via.
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri»,
vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.
Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook, google plus e twitter.

Scarica la cover per facebook
Scarica la cover per google plus
Scarica la cover per twitter

Vegliare – Buona domenica! – I AVVENTO – Anno B

«Vegliate dunque... fate in modo che giungendo all'improvviso non vi trovi addormentati». (Mc 13,35-36) 

Continua a leggere Vegliare – Buona domenica! – I AVVENTO – Anno B

Che cosa attendere?- Buona domenica! – Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo – Anno A

«Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me». (Mt 25,40) 

Continua a leggere Che cosa attendere?- Buona domenica! – Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo – Anno A

Come attendere? – Buona domenica! – XXXIII domenica del Tempo Ordinario – Anno A

«Prendi parte alla gioia del tuo padrone». (Mt 25,21) 

Continua a leggere Come attendere? – Buona domenica! – XXXIII domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Attendere non basta – Buona domenica! – XXXII domenica del Tempo Ordinario – Anno A

«Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora». (Mt 25,13) 

Continua a leggere Attendere non basta – Buona domenica! – XXXII domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Opere e parole – Buona domenica! – XXXI domenica del Tempo Ordinario – Anno A

«Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato». (Mt 23,12) 

Continua a leggere Opere e parole – Buona domenica! – XXXI domenica del Tempo Ordinario – Anno A

vita… solo chi ne scopre il senso può cantarne la bellezza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: