Ma ancora non credevano – Buona domenica! – IV Domenica Di Pasqua – anno B

 «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore» Gv 10,11

Di fronte a una pagina evangelica come quella del Buon Pastore (Gv 10,11-18), si dovrebbe far tacere ogni cosa per far riecheggiare il cuore e il senso stesso del Vangelo: «Conosco le mie pecore», dice il buon Pastore, «e do la mia vita per loro». famiglia e anziani
È significativo il modo con il quale il Maestro di Nazaret si presenta: colui che dà la vita. Alla nostra fede, e quindi al nostro annuncio, non dovrebbe servire altro, non dovremmo cercare altro.
Mentre Gesù e i suoi evangelisti e apostoli hanno annunciato e fatto conoscere alle genti, in modo asciutto, solo ciò che conta, noi continuiamo a riempire la nostra fede in lui di orpelli e fronzoli, di clausole e corollari.
Con coraggio, alle nostre genti, ai nostri giovani, ai malati, ai bambini, agli anziani… dovremmo preoccuparci di far sapere loro che sono degli amati alla follia, sono persone preziose e conosciute da Dio, sono perle preziose per cui Dio darebbe tutto, sono figli e figlie per la cui salvezza Dio dà tutto se stesso.
carcereNo, non ci sono «ma» che tengano.
Dio non dà la sua vita solo per un giusto, per un perfetto, per uno che rispetta i Dieci Comandamenti. Dio dà la sua vita, perché chi è morto viva; perché chi ha fatto del male possa avere una seconda opportunità, riconciliato con il mondo e con se stesso; perché chi non ha più speranza possa trovare in lui un senso nuovo.
Questo è il Dio che Gesù ha rivelato.
Questo è il Dio di cui possiamo sperimentare l’amore.
Questo è il Dio che vuole ogni suo figlio e figlia felice, pieno, amato, libero.

Questo è il Dio che, amando, chiama instancabilmente.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Chiamaci a te

Gesù risorto, chiamaci a te,
attiraci al tuo amore,
al tuo perdono, alla tua salvezza.

Ci conosci uno per uno,
e nulla di noi ti è nascosto.
Ci conosci e ci ami
nella pienezza di un amore gratuito,
liberante, totale.
Prendici per mano e insegnaci a fidarci di te,
a credere nel tuo disarmante amore,
ad affidarci al tuo perdono senza condizioni.
Noi ti lodiamo, Signore della vita e dell’amore.
Amen.

PREGHIERE DEI FEDELI

Queste preghiere possono essere pregate dai bambini durante la celebrazione eucaristica domenicale, ma anche in un momento dell’incontro di catechesi dopo averli introdotti al Vangelo della domenica.

GUIDA O CELEBRANTE: Gesù continua a chiamare, anche oggi, anche noi. Lui dà la sua vita per salvarci da ogni male, e ci propone di restare con lui per imparare ad amare come lui ama. Diciamogli insieme: Signore Gesù, noi ti preghiamo, insegnaci ad amare.

LETTORE: Signore Gesù, ti preghiamo per tutta la Chiesa, chiamata a far vedere al mondo il tuo volto di pastore buono che ama e protegge ogni suo figlio e figlia. Noi ti preghiamo. Rit.

Signore Gesù, ti preghiamo per le nostre famiglie, sempre così bisognose di amore da ricevere e donare, di amore da imparare a coltivare con gratuità, di amore da far germogliare. Noi ti preghiamo. Rit.

Signore Gesù, ti preghiamo per tutti i giovani che, ogni giorno, Signore, chiami a seguirti: imparino da te a dare la vita con generosità e senza condizioni. Noi ti preghiamo. Rit.

Signore Gesù, ti preghiamo per le nostre comunità parrocchiali, chiamate a essere luoghi vitali in cui imparare a donare la vita per il Vangelo, ognuno secondo i doni particolari. Noi ti preghiamo. Rit.

TUTTI I BAMBINI INSIEME:
Signore Gesù,noi lo sappiamo, tu non salvi il mondo da solo. Prima hai chiamato i dodici apostoli, poi tanti discepoli, e oggi continui a chiamare anche noi. Ci chiedi di restare con te, per imparare ad amare come te. Sappiamo che a volte è difficile, ma noi vogliamo credere nella tua parola, fidarci di te, imparare da te. Insegnaci ad amare. Amen.

Scarica le preghiere in pdf —>Preghiere dei fedeli IV di Pasqua – Anno B

DAL VANGELO della domenica [ Gv 10,11-18]

In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. buon pastore_Lopez
Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore.
Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook

IV di Pasqua_ preghiera

IV Pasqua_fb
Scarica la cover per facebook
IV Pasqua_google
Scarica la cover per google
IV Pasqua_twitter
Scarica la cover per twitter

Ma ancora non credevano – Buona domenica! – III Domenica Di Pasqua – anno B

 «Mostrò loro le mani e i piedi» Lc 24,40 

Continua a leggere Ma ancora non credevano – Buona domenica! – III Domenica Di Pasqua – anno B

Tracce di vita – Buona domenica! – Domenica Di Pasqua – anno B

 «Egli doveva risorgere dai morti» Gv 20,9  

Cosa c’è nel sepolcro vuoto? Chi entra, che cosa vede? Quali sono le tracce certe e sicure che consentono ai discepoli di vedere e credere? Che cosa trova colei che ha vegliato di notte per poter essere la prima a onorare con oli e profumi il corpo del suo Signore?
Nulla… amore morte_fano
Il sepolcro è vuoto. Il corpo sparito. La pietra rotolata.
Cioè che resta sono solo poche tracce: tracce mute e incapaci di raccontare; insufficienti per convincere… Eppure sono tracce di vita. Sono segni di un evento accaduto, visto, sofferto: la morte dell’amato Maestro, del Messia sperato, del Salvatore seguito.
Sono segni che grondano lacrime di delusione per quei sogni di liberazione infranti; per quei desideri di salvezza ormai naufragati con la sua morte.
Eppure qualcosa non torna: la pietra è stata rimossa, il corpo inerme del crocifisso morto non c’è, il sudario e i teli sono nudi, vuoti. Ma il vuoto parla, l’assenza interroga, l’imprevisto mette in questione la fede dei discepoli, o forse – più onestamente dovremmo dire – la loro disperazione. La loro e la nostra!
Cristo è risorto, ma noi non abbiamo prove per crederci.
Cristo è vivo, ma non ci sono dimostrazioni scientifiche che tengano.
Fragili tracce di vita ci raccontano la sua presenza, la sua vittoria quotidiana sulla morte, la sua salvezza donata, senza misura, a tutti.
Credere non è un miracolo, non è la conseguenza di una dimostrazione ben riuscita. Per noi come per i discepoli, credere è l’atto più determinato di una fiducia disarmata e povera… Una fiducia che proprio di fronte a tracce mute e povere sa cantare il suo straordinario “Io credo, Signore!”.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Donaci vita, Signore risorto

Donaci vita, Signore risorto.
Risollevaci dalla sfiducia,
liberaci da ogni chiusura,
riaprici alla speranza.

Il sepolcro è vuoto, il tuo corpo assente,
ma nel mondo esplode la tua vita,
risuona la tua Parola, brilla la tua presenza.
Vogliamo accorgercene, Signore risorto,
Vogliamo poter avere occhi capaci di vedere
e cuore libero per credere. Amen.

DAL VANGELO della domenica [ Gv 20,1-9]

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Giovanni al sepolcroGesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook

Scarica le foto pre gli auguri >>> CLICCA QUI <<<

Pasqua 2018: fai gli auguri con una foto

Gli auguri quest’anno falli con una foto: scegli la tua preferita, scaricala, inviala, condividila con chi ami e sui social! Siano per tutti auguri di pace, amore, speranza, luce… risurrezione!!!

Scarica i meme auguri di Pasqua (clicca sulla foto che preferisci, poi tasto destro del mouse e “salva con nome”)

 Scarica le fotopreghiere di Pasqua

Scarica le cover per facebook, twitter e google plus

Non mi sono tirato indietro – Buona domenica! – Domenica delle Palme – Anno B

«Osanna al Figlio di Davide.
Benedetto colui che viene nel nome del Signore:
è il Re d'Israele.
Osanna nell'alto dei cieli» (Antifona Domenica delle Palme) 

Continua a leggere Non mi sono tirato indietro – Buona domenica! – Domenica delle Palme – Anno B

Vogliamo vedere Gesù!- Buona domenica! – V QUARESIMA – Anno B

«Vogliamo vedere Gesù».(Gv 12,21). 

Continua a leggere Vogliamo vedere Gesù!- Buona domenica! – V QUARESIMA – Anno B

Tu sei salvezza!- Buona domenica! – IV QUARESIMA – Anno B

«La luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce».(Gv 2,19). 

Continua a leggere Tu sei salvezza!- Buona domenica! – IV QUARESIMA – Anno B

vita… solo chi ne scopre il senso può cantarne la bellezza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: