Annunciatori liberanti – Buona domenica! – Ascenzione del Signore – anno C

«Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo». Lc 24,53

Ci penso da giorni, ci prego e mi convinco sempre di più. La nostra vita, la vita di ogni cristiano dovrebbe essere niente di più e niente di sunflower-290496_960_720 meno che un annuncio, un instancabile racconto di conversione e perdono dei peccati.
Già, non dovremmo preoccuparci di null’altro se non di questo: raccontare ai nostri fratelli e sorelle la conversione. Ma non quella che abbiamo imparato a suon di ricatti e penitenze. La conversione biblica, quella raccontata da chi ha conosciuto Dio, quella annunciata, come lieto messaggio, da Gesù.
Conversione come ritorno a casa, come capacità di voltarsi dalla parte giusta, come spazio dato a chi può cambiarci e renderci migliori…
Conversione come cambiamento irreversibile, ma sempre continuo, verso il bene.carezza
Dobbiamo annunciarla, non possiamo tacere, perché chi accetta di vivere convertendo il proprio cuore, volgendolo a Dio, ogni giorno, come il girasole verso il sole, rischia davvero di incontrare il suo sguardo, di sentirsi amato, di scoprire che nell’errore si può essere perdonati, guardati con fiducia, invitati a camminare nella luce, amati.
E di questa liberazione interiore dobbiamo infuocare il mondo, di questa esperienza di gratuità dobbiamo appassionare i cuori. Ma non ci sono altri mezzi se non i gesti e le parole, che la tecnologia potrà sì potenziare fino a farli arrivare agli angoli più estremi della terra, ma la cui forza sta in quell’esperienza vissuta a tu per tu con lui, il Signore della vita.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Signore risorto,
rendici testimoni,
capaci di gesti e parole di vita
che sappiano far rinascere la vita,
che sgorghino da un’esperienza
di amore e libertà vissuta con te.
Rendici testimoni
della bellezza della vita
che abbiamo ricevuto dalle tue mani.
Rendici annunciatori liberanti
della gratuità del perdono
che tu stesso ci hai donato.
Amen.

ALLENIAMOCI IN MISERICORDIA

Questa settimana, ormai protesa verso la Pentecoste, l’esercizio è uno: annunciare con gesti e parole la gratuità e la bellezza del perdono di Dio.

DAL VANGELO della domenica [Lc 24,46-53]

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati,ascensione fano cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io
mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto»
.
Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social (le fotocopertine presto online)

Ascensione

Pace! – Buona domenica! – VI Domenica Di Pasqua – anno C

«Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore». Gv 14,27

 

La pace… c’è forse qualcosa di cui oggi avremmo più bisogno. E credetemi, per quanto sappia quanto necessaria sia la pace tra i popoli, in questo momento, di fronte al Vangelo di Giovanni e a quella bellissima promessa di Gesù – «Vi lascio la pace, vi do la mia pace» –, penso a un altro tipo di pace, e credo sia la più urgente, per quanto decisamente più ignorata: la pace del cuore. cuore caldo cv
Se infatti penso alle parole e ai gesti di Gesù non come a delle formule magiche, capaci di risolvere i problemi del mondo con interventi divini straordinari, allora quella promessa di pace mi sembra qualcosa di molto più sconvolgente, che interpella la coscienza e non può essere silenziata.
Il dono della pace di Gesù si radica in profondità; è un dono interiore, che annienta il timore e annulla le titubanze; è quella pace profonda che rende ogni persona capace di ascoltare lo Spirito, i suoi moti interiori, le sue istanze, i suoi effervescenti suggerimenti. La pace di Gesù, che lui è pronto a donare a ognuno, rende la nostra interiorità una dimora accogliente, dove lo Spirito può parlare e il Padre può amare; dove il Risorto può continuare a far germogliare vita nella storia di oggi e di ogni tempo.
È questa la pace che dobbiamo continuamente chiedere, nella consapevolezza che è un dono promesso e che, se accolto, rende ognuno strumento di pace… con lo stile di Dio!

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Donaci la pace, Signore risorto,
e sia la tua pace, impastata di dono e di futuro.
Dona pace al nostro cuore inquieto;
donala alle nostre delusioni;
donala alle incontrollabili paure
e ai sempre nuovi risentimenti.

Dona pace al nostro cuore, Signore,
per divenire costruttori di pace
ovunque e verso tutti,
in ogni relazione e in ogni scelta.
Amen.

ALLENIAMOCI IN MISERICORDIA

Questa è la settimana della pace… pace che ci prepariamo ad 21_Allenarsi Misericordia VI Pasquaaccogliere come dono e a costruire come impegno personale: è una delle più necessarie sfumature della misericordia.

DAL VANGELO della domenica [Gv 14,23-29]

In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
«Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.Fano pace VI pasqua
Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social

Scarica la fotopreghiera
Scarica la fotopreghiera
Scarica la cover per facebook
Scarica la cover per facebook
Scarica la cover per google plus
Scarica la cover per google plus
Scarica la cover per twitter
Scarica la cover per twitter

Amate! – Buona domenica! – V Domenica Di Pasqua – anno C

«Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri». Gv 13,34

Continua a leggere Amate! – Buona domenica! – V Domenica Di Pasqua – anno C

Nessuno vi strapperà da me! – Buona domenica! – IV Domenica Di Pasqua – anno C

«Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono» Gv 10,27  

Continua a leggere Nessuno vi strapperà da me! – Buona domenica! – IV Domenica Di Pasqua – anno C

Avete da mangiare? – Buona domenica! – III Domenica Di Pasqua – anno C

«Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». Gv 21,6  

Continua a leggere Avete da mangiare? – Buona domenica! – III Domenica Di Pasqua – anno C

Entra Signore Risorto! – Buona domenica! – II Domenica Di Pasqua – anno C

«Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!» 

Continua a leggere Entra Signore Risorto! – Buona domenica! – II Domenica Di Pasqua – anno C

vita… solo chi ne scopre il senso può cantarne la bellezza

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.093 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: