Archivi tag: catechisti

Pagine scomode – Buona domenica! – VII TEMPO ORDINARIO – Anno C

«Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla». (Lc 6,53).  

Avete già letto il Vangelo? No? Allora fermatevi un attimo e provate a leggerlo.
Qual è stata la prima reazione che avete avuto? No, non ci dovete pensare troppo: qual è stata la prima e più immediata?
Magari a voi non sarà capitato… magari voi siete molto più avanti di me: beati voi!
AMAREMa a me è venuta una gran voglia di chiudere il Vangelo e dire: «Caro Signore, ti ascolterò un’altra volta!». E non vi scandalizzate, sono umana… semplicemente umana. E allora davanti a queste parole non possono non venirmi in mente tutte le volte, le infinite volte in cui non sono proprio riuscita ad amare. Già… proprio così! Perché non so voi, ma io nell’amore descritto da questa pagina di Vangelo ci credo veramente. Credo che ciò che Gesù chiedeva non sia semplicemente un ideale a cui tendere… perché crederlo metterebbe al sicuro la mia coscienza. In fondo non uccido, non faccio del male, anzi, tendo a giustificare il male ricevuto, a comprendere chi lo compie, non penso di essere invidiosa o vendicativa… Ma questo non basta. Quel poco di bene non è l’amore che Gesù ci chiede. Le motivazioni che sono alla base di ogni scelta non sono impastate di quell’Amore con la A maiuscola. Quell’Amore sarebbe davvero capace di far fiorire i deserti del cuore, di curare ferite insanabili, di far risorgere dalla morte dell’anima. beatitudini e felicità di Fano
Quell’Amore sprizza da ogni poro gratuità e pace. Quell’Amore sa far sentire a casa chiunque: è braccia sempre aperte per tutti, generosi o meno, disarmati o meno, benintenzionati o meno.
Oggi, insieme, prendiamo un impegno: proviamo a crederci insieme. Proviamo vivere credendo che quell’amore vissuto da Gesù e chiesto a noi sia uno stile di vita veramente possibile, anche per noi.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Insegnaci ad amare

Cosa chiederti, Signore?
Null’altro, se non: «Insegnaci ad amare!».
È ciò che conta davvero, è ciò di cui noi stessi
e il mondo abbiamo bisogno.
Ma non: amare quando conviene
e chi ci conviene.
Amare seriamente: amare chi ci odia;
amare chi ogni giorno ci ferisce,
amare chi ci umilia
e prende a schiaffi la nostra autostima.
Amare chi minaccia la nostra serenità.
Ma non ignorare. No!
Non vedere, far finta di niente, accettare impotenti. No!
Amare. Insegnaci ad amare di quell’amore
che sa far fiorire il deserto.
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA  (Lc 6,27-38)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«A voi che ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male. A chi ti percuote sulla guancia, offri anche l’altra; a chi ti strappa il mantello, non rifiutare neanche la tunica. Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro.
E come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro. Se amate quelli che vi amano, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori amano quelli che li amano. E se fate del bene a coloro che fanno del bene a voi, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra ricompensa sarà grande e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi.
Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook, google plus e twitter.

VII tempo ordinario_preghiera

VII tempo ordinario_fb
Scarica la cover per facebook
VII tempo ordinario_google
Scarica la cover per google
VII tempo ordinario_twitter
Scarica la cover per twitter

Beati noi se… – Buona domenica! – VI TEMPO ORDINARIO – Anno C

«Sulla tua parola getterò le reti». (Lc 5,5).  

Beati noi se…
Che cosa ci renderebbe davvero felici?
Cosa sarebbe in grado di regalarci quella serenità interiore inossidabile, capace di farci superare intemperie, di renderci stabili in situazioni difficili e destabilizzanti?guardare il cielo cv
Il Vangelo secondo Luca con i suoi elenchi di beatitudini e maledizioni sembra chiederci, con coraggio, di riprenderci in mano per fare verità in noi stessi; per chiederci chi vogliamo essere di fronte alla vita, alla storia e a Dio. La questione è sostanziale. È capire se ci basta l’oggi o se viviamo come appartenenti all’eterno. Se tutto è in funzione di ciò che posso possedere o se vivo in forza di ciò che posso costruire. Se la mia vita e le mie scelte ruotano attorno al mio ombelico o se dare un senso a ogni cosa c’è il domani, il futuro, le generazioni, l’eternità.timida felicità cv
Dobbiamo fermarci, ascoltare la Parola e poi interrogare noi stessi e le nostre concrete scelte di vita. Dobbiamo poter dire a noi stessi cosa ci rende tristi o felici, cosa ci fa sentire dei fortunati beati o dei reietti, dei maledetti, dimenticati da tutti.
È difficile, ma proprio lì sta il segreto della vera beatitudine. L’uomo e la donna la cui vita è in funzione della vita del mondo, parte indivisibile dell’eternità, sa cercare la sua felicità interiore nel compiersi della storia, nel realizzarsi storico di una salvezza che è per tutti, nel fiorire di una giustizia che è per tutti, nel germogliare di una fraternità universale che ci consente di chiamare seriamente Dio, Padre.
E allora non c’è malattia o sofferenza o povertà o incomprensione che tenga… tutto ciò che viviamo può diventare strada da percorrere, scegliendo chi essere e cosa donare a ogni bivio.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Beati noi che non ci accontentiamo

Signore risorto, Dio della vita e del futuro,
ridonaci il gusto dell’oltre;
spingici a non accontentarci di ciò che abbiamo già,
dei risultati ottenuti, dell’ormai raggiunto.
Facci assaporare la risurrezione, la vita nuova
che ogni situazione e persona custodisce,
e che non possiamo possedere né controllare.

Dio della vita e del futuro,
rendici felici nell’attendere
e nel generare la vita che non muore.
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA  (Lc 6,17.20-26)

In quel tempo, Gesù, disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne.
Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
«Beati voi, poveri, Non arrendersi - Beati voi
perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi, che ora avete fame,
perché sarete saziati.
Beati voi, che ora piangete,
perché riderete.
Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
Ma guai a voi, ricchi,
perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
Guai a voi, che ora siete sazi,
perché avrete fame.
Guai a voi, che ora ridete,
perché sarete nel dolore e piangerete.
Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook, google plus e twitter.

VI tempo ordinario_preghiera
Scarica la fotopreghiera
VI tempo ordinario_fb
Scarica la cover per facaebook
VI tempo ordinario_google
Scarica la cover per google plus
VI tempo ordinario_twitter
Scarica la cover per twitter

Attivare l’audio – Buona domenica! – V TEMPO ORDINARIO – Anno C

«Sulla tua parola getterò le reti». (Lc 5,5).  

Continua a leggere Attivare l’audio – Buona domenica! – V TEMPO ORDINARIO – Anno C

Sdegno o fiducia? – Buona domenica! – IV TEMPO ORDINARIO – Anno C

«Nessun profeta è bene accetto nella sua patria». (Lc 4,24).  

Continua a leggere Sdegno o fiducia? – Buona domenica! – IV TEMPO ORDINARIO – Anno C

Scrivo a te – Buona domenica! – III TEMPO ORDINARIO – Anno C

«Lo Spirito del Signore è sopra di me». (Lc 4,18). 

Continua a leggere Scrivo a te – Buona domenica! – III TEMPO ORDINARIO – Anno C

Non hanno più vino! – Buona domenica! – II TEMPO ORDINARIO – Anno C

«Riempite d’acqua le anfore». (Gv 2,7).  

Continua a leggere Non hanno più vino! – Buona domenica! – II TEMPO ORDINARIO – Anno C

Il popolo attendeva – Buona domenica! – Battesimo del Signore – Anno C

«Sei il Figlio mio, l’amato». (Lc 3,22).  

Continua a leggere Il popolo attendeva – Buona domenica! – Battesimo del Signore – Anno C