Archivi categoria: Trinità

Quando pregate, dite… – Buona domenica! – XVII Tempo Ordinario – anno C

«Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto» Lc 11,9

Quando preghiamo che cosa diciamo? Quali sono le parole che riempiono le nostre preghiere?
Se non ci avete mai pensato, fermatevi un attimo e focalizzate le vostre preghiere… le parole che le compongono, le espressioni che fate arrivare a Dio. Facciamolo insieme!
Poi prendiamo il Padre nostro e proviamo a scoprire quanto il nostro modo di pregare sia vicino all’unica preghiera che Gesù ha insegnato ai suoi.padre figlio
Magari mi direte: ma mica possiamo pregare sempre e solo il Padre nostro? No, infatti. Il punto è che con la preghiera del Padre nostro Gesù ha comunicato uno stile e un contenuto. Proviamo a chiederci: chi sta al centro della preghiera? Quali sono le prime “richieste formulate”? Che ruolo ha la volontà di Dio rispetto ai desideri di colui che prega? Chi prega che cosa chiede?
Non bisogna essere teologi per accorgersi che il Padre nostro mette al centro Dio e la sua volontà, il suo agire verso di noi e verso il mondo. Chi chiede, chiede prima di tutto la sua presenza, il suo sostegno, il compiersi del suo Regno. E a quanto pare questa dovrebbe essere la invocare il padrepreghiera dei figli che si rivolgono al Padre. Una preghiera fatta sì di richieste, ma mai personali, individualistiche, legate alla realizzazione di bisogni personali. Quel «chiedete e vi sarà dato», va allora misurato su queste premesse. Spesso ci limitiamo ad annotare sul nostro rapporto con Dio le tante richieste non corrisposte, le guarigioni non ottenute, le preghiere non andate a buon fine. Ma siamo davvero certi che quel chiedere rappresentava il nostro vero bene? O forse non avremmo dovuto chiedere, e con la giusta insistenza, il dono dello Spirito Santo, l’unico davvero capace di insegnarci cosa chiedere? Al dono dello Spirito, il Padre non dice mai no! Ed è lo Spirito Santo il vero dono che può rendere la nostra vita un capolavoro, qualsiasi sia la nostra personale situazione.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Insegnaci a pregare

Signore Gesù, insegnaci a pregare;
insegnaci a chiamare Dio: Padre;
insegnaci a importunarlo,
chiedendogli senza sosta il dono della salvezza.
Insegnaci, Signore Risorto,
una preghiera che sia capace non di richiesta,
ma di ringraziamento, di affidamento,
di abbandono fiducioso nelle sue mani.
Insegnaci una preghiera che non pretenda
di dirigere la tua volontà,
ma che dalla tua volontà si lasci orientare.
Signore, insegnaci la preghiera di chi si affida e si fida.
Amen.

DAL VANGELO della domenica [Lc 11,1-13]

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
“Padre,padre buono
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione”».
Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.
Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.
Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook

XVII TO_C_preghiera

XVIi TO_fb
Scarica la cover per facebook
XVII TO_C_twitter
Scarica la cover per twitter
XVII_C_google
Scarica la foto per i social

 

Custodire – Buona domenica! – XVI Tempo Ordinario – anno C

«Ti affanni e ti agiti per molte cose» Lc 10,42

 Continua a leggere Custodire – Buona domenica! –  XVI Tempo Ordinario  – anno C 

Questione d’amore – Buona domenica! – XV Tempo Ordinario – anno C

«Va' e anche tu fa' lo stesso» Lc 10,37

 Continua a leggere Questione d’amore – Buona domenica! –  XV Tempo Ordinario  – anno C 

Andare e seminare pace – Buona domenica! – XIV Tempo Ordinario – anno C

«La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai!» Lc 10,2

Continua a leggere Andare e seminare pace – Buona domenica! – XIV Tempo Ordinario – anno C

Dio in noi – Buona domenica! – Solennità della Santissima Trinità – anno C

«Lo Spirito vi insegnerà ogni cosa» Gv 14,26 

Continua a leggere Dio in noi – Buona domenica! – Solennità della Santissima Trinità – anno C

Buona domenica! – Trinità – Anno A

«Dio ha tanto amato il mondo
da dare il Figlio»

Dal Vangelo di Giovanni (Gv 3,16)
SANTISSIMA TRINITA’ – Anno A

Trinità… quante difficili parole spiegano questo grande mistero.
Bibbia_giovaniEppure c’è una storia, un evento, un incontro che ce lo racconta con grande semplicità e forza: Gesù di Nazaret, la sua vita, le sue parole e i suoi gesti, i suoi incontri, le sue promesse e la sua Risurrezione.
Non c’è mistero, non c’è segreto, non c’è nulla che dica distanza tra noi e quel Dio Trinità.
Non si tratta di inventare nulla… ci è semplicemente chiesto di guardare, ma non come chi lo fa con superficialità e preso dalla fretta.
Ci è chiesto di entrare in profondità in quelle parole e in quei gesti che Gesù, passo dopo passo, ha vissuto e proposto ai suoi, alle folle, ai peccatori, ai cercatori, ai desiderosi di perfezione.
Ci è chiesto di non restare a guardare dall’esterno, ma di comprometterci in quell’esistenza così radicalmente segnata dalla forza di un amore folle, dalla radicalità di una gratuità scomoda, dal perdono offerto a coloro che hanno ucciso, consapevolmente e insensatamente.    
Continua a leggere Buona domenica! – Trinità – Anno A

Buona domenica! – Santissima Trinità – Anno C

associationGloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
a Dio, che è, che era e che viene

Acclamazione al Vangelo (Ap 1,8)
SANTISSIMA TRINITA’ – Anno C

Non abbiamo ancora capito tutto, così ribadisce, per la quinta volta, il Maestro Gesù invitandoci ad attendere lo Spirito. Poi lo Spirito è arrivato e continua ad arrivare, abbondantemente: scende su di noi, colma i nostri cuori, allarga le nostre menti. Lo Spirito soffia, incoraggia, stravolge, motiva, rinsalda. E spiega. Ci voleva lo Spirito per aiutarci a capire che Dio non è solutidine, che è comunione, che è mistero trinitario. Ma qui, al solito, ci areniamo. Facciamo fatica a capire chi siamo noi, cos’è la vita, come funziona il mondo: perché mai dovremmo sforzarci di capire anche chi è Dio (se c’è?). Nella vita dobbiamo affrontare temi ben più seri che non seguire complicati ragionamenti teologici che usano parole usurate e incomprensibili come persona, generato e non creato, sostanza…! Siamo onesti: il rischio è davvero umanità perplessa cvdi farci travolgere da un’inutile e ridondante esercizio di retorica clericale. Eppure.

IL DIO DEMONIACO
Lo scrivo e lo dico spesso: mi sono convinto che tutti portiamo nel cuore un’immagine di Dio, anche chi crede di non credere. Non sempre bella, sinceramente: un’idea spontanea, inconscia, culturale, legata alla nostra educazione e nutrita da qualche distratto ascolto di predica o di catechismo. Dio c’è, certo, ma è incomprensibile, lunatico, inaccessibile. Ti ama, si dice, ma poi incontro Marta che tre giorni prima di sposarsi ha scoperto di avere un tumore in fase avanzata a trentasei anni. È onnipotente, ma non difende il bambino venduto per prostituirsi. C’è, opera, ovvio. Ma non fa quasi mai il mio bene. Meglio blandirlo Dio, non si sa mai. Meglio trattarlo bene, sperando che non ti capiti una disgrazia. E, a dirla tutta, forse io sarei capace di operare meglio di lui e di risolvere qualche bel problemino mondiale. L’idea di Dio che portiamo nel cuore, siamo onesti, è mediamente orribile. Finché è arrivato Gesù e ha sconvolto le nostre piccole idee di Dio. amici cvE ne ha parlato come nessuno ne aveva parlato e ha inviato lo Spirito perché, infine, capissimo.

IL DIO DI GESU’
Gesù ci svela che Dio è Trinità, cioè comunione. Ci dice che se noi vediamo “da fuori” che Dio è unico, in realtà questa unità è frutto della comunione di un Padre/Madre che ama un Figlio e questo amore è talmente intenso da diventare una persona: lo Spirito Santo. Talmente uniti da essere uno, talmente orientati l’uno verso l’altro da essere totalmente uniti.  Dio non è solitudine, immutabile e asettica perfezione, sommo egoista bastane a se stesso, ma è comunione, festa, famiglia, amore, tensione dell’uno verso l’altro. Solo Gesù poteva farci accedere alla stanza interiore di Dio, solo Gesù poteva svelarci l’intima gioia, l’intimo tormento di Dio: la comunione. Una comunione piena, un dialogo talmente armonico, un dono di sé talmente realizzato, che noi, da fuori, vediamo un Dio unico. sposi cvDio è Trinità, relazione, danza, festa, armonia, passione, dono, cuore.
Allora finalmente capisco l’inutile lezione di catechismo di quando, bambino, vedevo il parroco tracciare sulla lavagna l’addizione: 1+1+1=1 e disegnava un triangolo equilatero. Tenero. Con l’amore medio che un bambino ha per la geometria si era infilato in un bel pasticcio! Oggi ho capito. Sbagliava operazione. In Dio 1x1x1=1. Proprio perché il Padre ama il Figlio che ama il Padre e questo amore è lo Spirito Santo, che noi, da fuori, vediamo un’unità assoluta.
E a me? Se Dio è comunione, in lui siamo battezzati e a sua immagine siamo stati creati; questa comunione ci abita e a immagine di questa immagine siamo stati creati. La bella parabola della Genesi ci ricorda di come Dio si sia guardato allo specchio, sorridendo, per progettare l’uomo. Ma, se questo è vero, le conseguenze sono enormi.
La solitudine ci è insopportabile perché inconcepibile in una logica di comunione, perché siamo creati a immagine della danza. Se giochiamo la nostra vita da solitari egoisti non riusciremo mai a trovare la luce interiore perché ci allontaniamo dal progetto. Sartre diceva: “L’enfer c’est les autres”, unità cvGesù ci ribadisce: “Siate perfetti nell’unità”. E se anche fare comunione è difficile, ci è indispensabile, vitale, e più puntiamo alla comunione e più realizziamo la nostra storia, più ci mettiamo alla scuola di comunione di Dio, più ci realizzeremo.
La Chiesa, va costruita a immagine della Trinità. La nostra comunità prende ispirazione da Dio-Trinità, guardiamo a lui per intessere rapporti, per rispettare le diversità, per superare le difficoltà. Guardando al nostro modo di essere, di relazionarci, di rispettarci, di essere autentici, chi ci sta intorno capirà chi è Dio e per noi l’idea di un Dio che è Trinità diventerà luce.  Questo è il Dio che Gesù è venuto a raccontare. Volete ancora tenervi il vostro vecchio Dio?

(PAOLO CURTAZ)

Lodi all’Altissimo di Marco Frisina
in Tu sei bellezza (San Paolo 2003)