Archivi tag: liturgia

Sì, Signore! – BUONA DOMENICA! XXX Tempo Ordinario – ANNO A

«Amerai il tuo prossimo come te stesso» Mt 22,39

Oggi, fermiamoci un attimo e, prima di leggere e pregare il Vangelo che questa trentesima domenica ci propone, chiediamoci: «Qual è la parola chiave della nostra fede? Della mia fede?».
Se dovessi scegliere una parola, se dovessi dire ad amici non credenti il cuore di tutto ciò in cui credo, se avessi solo un verbo per raccontare ogni cosa, che cosa sceglierei?
Quale sarà la domanda che Dio mi rivolgerà all’inizio dell’eternità?
Amare.
Non ne esiste altra.
Potremo fare miracoli, ma se non avremo amato nulla avrà valore.
E amare non è un verbo manipolabile. Quando si ama si fa vivere. Punto, non ci sono storie.
Possiamo giustificare in mille modi i nostri atteggiamenti e le nostre intenzioni, ma amare fa rima con delicatezza, premura, attenzione, gratuità, fiducia, cura, affidamento. A volte amare significa correggere, ma mai nell’ombra, mai con scaltrezza, sempre con benevolenza e nella luce.
Ed è questo ciò che la nostra fede ci chiede.
L’amore scarnifica proprio perché è luminoso, e illuminando fa vedere.
Ti mette davanti la verità di te stesso, di ciò che sei, e ti chiede di migliorarti.
L’amore ti mette davanti la verità dell’altro e ti chiede di diventarne casa.
L’amore ti mette davanti la verità di Dio e ti chiede di seguirne le vie, sempre molto oltre le nostre vie.
Amare. È il più grande e il primo dei comandamenti della nostra fede, e Gesù di Nazareth, con i suoi gesti e con le sue parole, con la sua vita e con la sua morte ci ha svelato il modo di comprenderlo e di viverlo.
L’amore unisce Dio e l’altro, il fratello e la sorella verso il quale sono chiamato a farmi prossimo, vicino.
L’amore avvicina. Ci avvicina. A Dio e all’altro. È via da percorrere. È sfumatura della vita. È sapore da dare a ogni incontro. È il ritmo di ogni scelta.
Crede in Dio, ama Dio, sceglie Dio colui o colei che sa ricominciare ogni giorno ad amare, facendosi vicino a ogni porzione di umanità.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Vivere amando

Signore Gesù,
in te abbiamo conosciuto l’amore,
dalle tue parole e dai tuoi gesti
abbiamo imparato come farci prossimi
di ogni fratello e sorella in umanità.

Insegnaci a vivere amando.
L’amore diventi il perché di ogni scelta.
L’amore sia il senso dei nostri sì al Padre.
L’amore ci renda casa per tutti. Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Mt 22,34-40)

In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

Liturgia completa su >>> CLICCA QUI

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Classificazione: 5 su 5.