Archivi tag: auguri

Buon anno 2018

ANO-NOVO2017-2018:
un passaggio pieno di progetti e gratitudine
o una routine piena di rumore?

A fare la differenza saremo noi, sarà il nostro modo di vivere, sarà ciò che sceglieremo di essere e di costruire.
Dietro di noi un vissuto carico di opportunità e di sconfitte; davanti a noi la possibilità di crescere, di cambiare, di fare la differenza, di non arrendersi, di costruire. Continua a leggere Buon anno 2018

Buon anno 2017!

Dietro di noi tanta vita vissuta.
Davanti a noi infinite possibilità per vivere, per scegliere, per fare la differenza.img_0890

Dietro di noi speranze e delusioni, gioie e lacrime, sofferenze e morte.
Davanti a noi scelte, opportunità, progetti per regalare al mondo e a noi stessi un nuovo futuro, nuove vie da percorrere, nuove parole da donare, nuovi pensieri da condividere. Continua a leggere Buon anno 2017!

Profeti di speranza – Santo Natale 2014

Auguri di Natale

Un timido e deciso raggio di sole che vince il cupo buio della notte…
Il sorriso spontaneo di un bambino che stempera la durezza della preoccupazione…
Una lieve melodia che risveglia ricordi felici in cuori induriti dalla disperazione…

… Questo è Natale! Questa è la novità di una vita che sboccia e fa esplodere il futuro, illumina di fiducia l’oggi e raccoglie con la sola forza della tenerezza ogni lacrima. Questa è forza travolgente del Natale se gli permetti di esistere, se gli dai spazio, se non gli vieti di entrare.

Alza lo sguardo, il futuro è davanti ed è possibile!
Apri le mani, esiste ancora un amore capace di riempirle!
Spalanca il cuore, fuori di te, oltre la tua disperazione, esiste qualcuno che sta aspettando il tuo sorriso, la tua bontà, la tua voglia di esistere e di amare…    Continua a leggere Profeti di speranza – Santo Natale 2014

Ai Bambini, regaliamo la speranza!

Carissimi genitori, insegnanti, catechisti, parroci, educatori,Farfalla colorata mi piacerebbe sapere a cosa pensate quando i mezzi di informazione riempiono le nostre e vostre case di notizie che hanno a che fare con violenze subite dai bambini a opera di genitori, insegnanti, parroci, educatori… Sono notizie che entrano con una violenza inaudita nelle nostre case e non chiedono permesso di dimora. Entrano e sconvolgono la nostra serenità, ma soprattutto sconvolgono il cuore e la fiducia dei nostri ragazzi e vostri figli.

Quando tutto questo accade, io penso a loro. Penso alle domande che si scatenano, silenziose, ma tremende, nel cuore dei nostri bambini, dei più piccoli, quando sentono che una mamma ha ucciso il proprio bambino. Capitemi bene, qui non vogliamo fare il processo a nessuno, ma una cosa dobbiamo farla e con urgenza: capire cosa tutto questo fiume in piena di sofferenza sta provocando nei piccoli. Quali sono le loro paure? Quali le domande quando, la mamma e papà, com’è naturale, li rimproverano? Cosa si scatena in loro quando vi vedono e ci vedono tristi o arrabbiati?    Continua a leggere Ai Bambini, regaliamo la speranza!

Un nuovo anno per un nuovo inizio!

lanterna

Ci dicono che è difficile credere nel futuro…
Ci stanno raccontando che la ripresa sarà lontana… o forse no. Storie su storie, verità su verità… tutto è possibile e allo stesso tempo tutto è falso.

E noi siamo qui con le nostre storie, le infinite lacrime, la voglia di una felicità possibile, il desiderio di un amore forte da vivere, la passione instancabile per una vita che non vogliamo perdere e la stanchezza, sempre in agguato, per una speranza, a volte difficile da sperare!

La notte è nel pieno del suo corso e forse l’alba nuova non sarà domani!

Ci è chiesto di attendere, di non mollare, di non darla vinta allo scoraggiamento, di non cedere alla rabbia che vorrebbe prendere in mano le redini della nostra vita e governare il futuro.

La notte… per quanto lunga e oscura non potrà impedire al sole di sorgere, e non potrà impedire a noi di ricominciare… ad amare, a sognare, a credere, a sperare, a vivere.

Il 2014, nel suo sorgere, sarà per tutti noi una nuova possibilità per riappropriarci di noi stessi e della nostra vita.
Sarà una possibilità per svoltare e cambiare pagina, per costruire un “nuovo” ancora possibile, bello e giusto per tutti.

La notte non è il tempo della disperazione, ma dell’attesa.
Non delle lacrime, ma della lungimiranza.
Di notte, ognuno può dire a se stesso come vivere il nuovo giorno…

Buon 2014 a tutti, cari amici!
Buon nuovo inizio nel segno della pace,
della fraternità,
della speranza, sempre instancabilmente possibile!

Buon anno 2014

E’ Natale… per questo sperare è possibile!

i pastori che lodano
Dio si è fatto carne
e la vita esplode 

Ti sei fatto carne, Dio dell’universo perché nessuno su questa terra potesse dire di non aver visto, di non aver conosciuto, di non aver incontrato.
Ti sei fatto storia, per portare l’infinito nel tempo, per essere il Dio prossimo in ogni evento, il Dio vicino in ogni istante.
Ti sei fatto persona, perché ogni uomo e donna non cercasse Dio guardando il cielo e scrutando le stelle.

Sei tra noi, Dio povero. Sei con noi, Dio viandante. Sei uno di noi, Dio uomoe la vita, quella di ogni giorno, quella fatta di istanti normali che trascorrono uno dopo l’altro senza troppa importanza, si riempie di senso ed esplode di novità.

Non più soli, non più anonimi, non più in balia di credenze…
Non più ignoti, non più affidati al caso, non più figli di nessuno…      Continua a leggere E’ Natale… per questo sperare è possibile!

Ultimi giorni… l’attesa lascia spazio alla fretta

Ultimi giorni, ultime ore, ultimi acquisti, ultimi istanti per confezionare regali e poi sarà Natale…

Luci, luccichio per le strade e nelle vetrine, sui balconi e nelle case. Tutto sembra uguale, ma tutto è diverso!

Le città sono state vestite a festa, quasi per incanto, inaugurando, quest’anno, un nuovo Carnevale… perché le luci oggi sembrano delle maschere, necessarie più che mai per camuffare, almeno per un po’,  la poca speranza, le tante paure, la grande povertà che attraversa vicoli, percorre viali ed appesantisce i cuori.

Eccolo il Natale che scorre sotto i nostri occhi… eppure tra luci, tavole imbandite, strade affollate, ricerche ansiose e disperate di ultime occasioni e possibilità qualcosa sfugge… resiste… mette in discussione e ci raggiunge, proprio qui, proprio oggi, proprio in questo senso di povertà e impotenzaQualcosa, anzi  Qualcuno entra come novità e scardina certezze!

…il Natale sotto ai nostri occhi… istantanee

Ma può veramente bastarci? Possiamo far sì che il Natale, almeno per un cristiano, diventi una corsa sfrenata?

Davvero possiamo permetterci, di ridurre l’attesa a frenesia? Possiamo concedere alla fretta il privilegio di distrarci dall’essenziale?

Tradizioni, cucina, regali, Babbo Natale, addobbi (anche liturgici)… tutto è più importante dell’unico vero dono da accogliere: dono che raggiungendoci ha la possibilità di svelare a noi, noi stessi e il senso più pieno e profondo della nostra vita.

Buon’attesa, cari amici! Con coraggio e controcorrente, continuiamo a guardare la realtà, a volte troppo dura, di questo momento storico e continuiamo ad attendere il Signore, invocando e portando la sua presenza amante, tra le numerose situazioni di povertà e disperazione materiale e interiore. E se anche questo Natale dovesse essere più povero, noi possiamo far sì che per i poveri che conosciamo possa essere più Natale!

Vieni Signore Gesù

2012 – Anno di Vita!!!!

Ci siamo! Il 2012 è tra le nostre mani, in balia delle nostre scelte, delle tante manie, voglie, desideri, speranze o depressioni…

Ci avevate pensato? Spesso ci auguriamo che il nuovo anno sia migliore del vecchio, ma by-passiamo l’ipotesi che molto possa essere proprio nelle nostre mani. Non possiamo tutto… non possiamo decidere cosa vivere, è vero! Ma sicuramente possiamo scegliere come vivere, chi essere e chi diventare. E nulla può negarci questo diritto che, null’altro è, se non diritto alla vita.

Vi auguriamo di cuore che il 2012 sia anno di vita e di una vita piena in ogni situazione!

Vi auguriamo di costruire vita quando davanti a voi ci saranno annunci di morte!
Vi auguriamo di scegliere la speranza, quando ogni sogno vi si sgretolerà davanti!
Vi auguriamo passione e determinazione, quando tutto attorno a voi vi deluderà.
Vi auguriamo la pace del cuore, quando non saprete dove battere la testa.
Vi auguriamo la fiducia nell’altro per ogni volta in cui l’altro vi tradirà.
Vi auguriamo uno sguardo sul futuro, tutte quelle volte in cui il presente la farà da padrone.
Vi auguriamo di preferire e proporre la forza profetica del sacrificio, quando il benessere vi illuderà.
Vi auguriamo la solidarietà, quando l’individualismo vi chiederà di difendere i vostri beni.
Vi auguriamo di sentirvi padri e madri del futuro, quando il passato vi tranquillizzerà come padroni di ciò che avete raggiunto.

Vi vorremmo augurare tanto altro, ma vi auguriamo di imparare dalla vita, ciò che la vita, passo dopo passo, vorrà insegnarvi.
Vi auguriamo di essere uomini e donne aperti a un futuro da costruire e non nostalgicamente chiusi in un passato da ammirare.

Buona vita, cari amici, e sia Vita per tutti coloro che in questo nuovo anno sfiorerete e da cui sarete sfiorati!

Buon 2012 a tutti voi, cari amici, con cui, dalle pagine di Cantalavita abbiamo imparato a condividere spazi importanti della nostra vita, della ricerca di bene che ha fatto vibrare il nostro e vostro cuore.

Buon 2012 a tutti voi, che da tante parti del mondo avete condiviso con noi, la fertile forza di un link, che con noi avete costruito rapporti di semplice e vitale condivisione.

Buon 2012 a chi non ci ha mai letto e che abbiamo raggiunto con la forza del desiderio e con la preghiera.

Buona anno di Vita… una vita da scegliere, da costruire, da moltiplicare in noi e attorno a noi,  colorandola con creative ed effervescenti sfumature di carità.

Buon 2012!

český:

Požehnaný nový rok 2012 vám všem, drazí přátelé, s nimiž jsme si na stránkách Cantalavita zvykli sdílet touhu po dobru a důležité okamžiky našeho života, které rozechvívaly naše i vaše srdce.

Požehnaný nový rok 2012 vám všem, kteří jste skrze obdivuhodnou sílu hypertextového odkazu s námi sdíleli svůj život a vytvářeli tak obyčejné a přesto živé vztahy.

Požehnaný nový rok 2012 i všem těm, kteří náš blog nečetli, a k nimž jsme dosáhli pouze silou touhy a modlitby.

Požehnaný rok plný Života… života, pro který se rozhodujeme, který utváříme, a který šíříme  kolem nás, zabarvujíce jej pestrými odstíny lásky.

Požehnaný nový rok 2012!

español

Feliz año 2012 para todos ustedes, queridos amigos, que por medio de las paginas de “Cantalavita” hemos aprendido a compartir hechos importantes de nuestras vidas, de las búsquedas del bien que ha hecho vibrar nuestro y vuestro corazón.

También, Feliz ano 2012 para todos ustedes, que desde  muchas partes del mundo, habéis compartido con nosotros, la fuerza fértil de un link, construyendo juntos relaciones de simplicidad y de vital valor del compartir.

Nuevamente, Feliz 2012 para quienes aún non ha tenido la oportunidad de leernos, mas los hemos alcanzado por la fuerza del deseo de comunicarnos y con la oración. 

En fin para todos Feliz año de vida … una vida para escoger, construir, y para multiplicarla en nosotros y alrededor nuestro, colorándola con creativas chispas de sutil caridad.

Feliz 2012

English:

A great and blessed year 2012 to all of you, dear friends; with you through Cantalavita we have learned to share important events and dealings of our lives, in our search for what is good and right that has touched our hearts and that of yours.

A great and blessed year 2012 to each and everyone, that coming from numerous parts of the world you have shared with us, the potentials of a web-link, and with us you have constructed simple and essential dialogues.

A great and blessed year 2012 to those who have not read us, but  we have reached through the power of desire and prayer.

A great and blessed year of life, a life that has to be chosen, to be constructed, to be developed in us and around us, coloring and drawing it with creative and  effervescent shades of love.

A great and blessed year 2012!

Português:

Feliz 2012 para todos vós carissimos amigos, com quem temos aprendido a partilhar, espaços importantes da nossa vida nas páginas do Cantalavita, na busca do bem que fez vibrar o nosso e vosso coração.

Feliz 2012 atodos vós, que de tantas partes do mundo partilhas-tes connosco, a força fecunda com um link, que connosco construistes relações de simples de partilhas de vida. 

Feliz 2012 aquem nunca leu, mas que chegamos com a força do desejo e com a oração. 

Bom ano de Vida…uma vida a escolher, a construir, a multiplicar em nós e à nossa volta, colorindo-a com creatividade e com tons fervorosos de caridade. 

Feliz 2012!

Français:

Bonne Année 2012  à vous tous, chers amis, avec qui, d’après les pages de “Cantalavita”, nous avons appris à partager  des “espaces” importants de notre vie, de la recherche du bien qui a fait vibrer notre coeur et le vôtre.

Bonne Année 2012 à vous tous qui, de diffétents lieux de part le monde, avez partagé avec nous, la force féconde d’un link, qui avez  tissé avec nous des rapports d’échanges simples et vitaux.

Bonne Année 2012 à qui ne nous a jamais lu et que nous avons rejoint avec la force du désir et avec la prière.

Bonne année de Vie… une vie à choisir, à costruire, à  amplifier en nous et autour de nous, la colorant avec créativité  et par des  petites touches  de pétillante charité.

Bonne Année 2012 !


E infine, un grato augurio a chi ha creduto in Cantalavita e continua a crederci, donando il suo tempo, entusiasmo, creatività, energie, passione, intelligenza e competenza. Grazie a tutti: redazione, collaboratori, sostenitori, laici/e Paolini/e e sorelle Figlie di San Paolo di ogni parte del mondo.
Buon tutto, per tutti!!!!!

Natale: alla frontiera tra l’emozione e l’indifferenza

Li vedete attorno a voi i segni del Natale?
Vivo in un posto in cui il Natale, tradizionalmente, continua a richiamare, nel cuore della gente, il caro vecchio presepe. Qui, non solo nelle chiese, ma anche nella case, Natale significa grotta, carta roccia, ruscelli, angeli e pastori, la madonnina e san Giuseppe e poi lui… il Bambino, l’atteso… Gesù! Ma dalla tradizione ogni anno sparisce sempre qualcosina e anche dei segni, resta sempre meno.
Ho chiesto ai bambini quali sono i segni del loro Natale e, spontaneamente, mi hanno risposto, con occhi sfolgoranti di attese: “L’alberoooo!!!”

Io però, vorrei invitarvi a entrare con me lì dove chi ha vissuto il Natale, lo ha fatto a proprie spese. Vorrei invitarvi a fermarvi con me accanto a chi non è sempre stato una statuina ingessata. Venite, restiamo accanto ai pastori in quella notte squarciata dal luminoso canto degli angeli. Entriamo con loro nella povertà di Betlemme, nella povertà di Dio, nel vagito umano della Parola divina, nella verità del Dio fatto uomo, della parola fatta carne, entriamo portati per mano da Maria, la vergine Madre… entriamo nella grotta dell’irrazionale, dell’inaudito, dell’assurdo… entriamo lì dove Dio, Creatore, ha scelto di restare impotente nelle mani delle creature, dove il custode d’Israele è stato custodito, e Betlemme, la casa del Pane, ha donato al mondo il Pane della vita.

Entriamo, Maria, la Madre di Dio, ci attende.

“Venite con me! Entrate in questa notte, nella notte di Dio piena di luce. Nella notte in cui l’umanità, tutta l’umanità, senza distinzione alcuna, è stata chiamata: amata!
Voi mi invocate Vergine Madre, ma riuscite a sentire quanta durezza c’è in queste parole? Riuscite a sentire lo stridore di ciò che dite?
Queste parole ritornano a voi smascherando i vostri pensieri. Siete sicuri di poter credere alla purezza di un grembo che ha generato? Riuscite a crederlo, voi che, nella migliore delle ipotesi, avete relegato la purezza al cuore, vietandola al vostro corpo, agli occhi, alla bocca, alle mani, ai pensieri? Tra le strade affollate del vostro tempo invocano purezza tutti i corpi violati, resi impuri da chi li sfrutta e da chi li ha in dono; da chi li usa e da chi dovrebbe custodirli. Urla la verità! Chiede quella purezza soffocata dalla manipolazione; chiede la purezza per quei pensieri che, nutriti con banalità e superficilità, relativismo e fondamentalismo, non riescono più a educare alla libertà.

Venite con me, ma non vi porto accanto al mio Bambino, vostro Dio. Lo avete con voi, sempre, e non lo vedete.
Venite, voglio portarvi a conoscere la nuova creazione, quella in cui la luce e le tenebre non vengono distinte, ma convivono; quella in cui Dio non è l’irrangiungibile, ma il Presente. A Betlemme, pastori e re del ricco Oriente sono uguali nell’adorare lo stesso Dio; la stessa povertà li accoglie e ricevono lo stesso dono: la salvezza, Gesù!
Questa è la nuova creazione! Quella dei puri, dei miti, dei sofferenti, di tutti coloro che oggi, nella vostra società evoluta, sarebbero definiti perdenti, fuori posto, diversamente abili;

  • gente da poco in un mondo che condanna la xenofobia e discrimina sui futuri nati
  • gente inutile per un mondo che sceglie in funzione dell’apparenza e non sa più guardare il cuore
  • gente improduttiva lì dove governa la ricchezza e la povertà non è più maestra

Guardate Betlemme prima di ritornare a guardare le vostre strade; scendete con coraggio in questa povertà, in questo mondo così diversamente ricco, in questa purezza così paradossalmente libera, in questa fragilità onnipotente.
Ora, guardate il Bambino, contemplate il Figlio di Dio, imparate da Lui… altra forza non esiste, altro amore non fa rinascere, altra ricchezza non sfama il cuore.
E adesso, con me, prendetelo tra le braccia, custoditelo con la vostra vita e allontanatevi con lui da questa grotta. Andate nel mondo, ritornate sulle vostre strade affollate, e non voltatevi, la nostalgia vi rallenterebbe… andate, portate lui e non stupitevi quando scoprirete di essere portati: è la forza di quella ricca povertà, di quella sua umana divinità che ha salvato il mondo. Andate, non tentennate! Andate Lui è l’Emmanuele, questo è il suo nome: Dio con voi!”

E noi scegliamo di andare, cari amici, andare portando Dio per scoprire di essere da Lui portati… Lui, l’Emmanuele! Lui, il Dio sempre con noi! Andiamo, augurando a tutti voi e a ciascuno non un buon Natale di 24 ore, ma il Natale [la nascita] di una vita nuova in Lui.

Tantissimi auguri 

sr.Mariangela, fsp
e tutta la redazione
di Cantalavita

Hai partecipato al campo “La perla preziosa”? Il post è per te!

Carissimi giovani partecipanti…
non potevamo concludere questa esperienza e non raggiungervi! Un post dedicato a voi, soprattutto a tutti voi che avete vissuto quest’esperienza on line, era necessaria. I tempi, i differenti luoghi, la novità di un campo tra Roma e la Rete, da vivere e di cui cogliere ogni sfumatura, non hanno permesso a noi animatori di esservi accanto con commenti, suggerimenti o risposte ai vostri passaggi.

Vi siamo stati accanto con la preghiera, sostenendovi giorno per giorno, accompagnandovi in tutti quei passaggi che eravamo certe il Signore avrebbe fatto anche nella vostra vita.

Grazie allora a tutti voi: partecipanti romani e partecipanti on line. Grazie per esserci stati, per aver risposto al Signore che ha chiamato, per esservi messi in gioco, per aver accolto provocazioni, appelli; per aver accettato la sfida di camminare insieme verso Dio!

Grazie al Signore, di tutta la storia e della nostra storia personale, per averci raggiunti tutti con il suo amore, per aver operato in noi meraviglie, per aver posto nel nostro cuore la perla delle perle: Gesù il Signore, che per tutta l’umanità dà la vita; per averci fatto scoprire il volto del Padre che come mercante cerca noi, la sua umanità amata, e per noi dà tutto; per aver aperto per noi i tesori immensi della sua tenerezza.

Grazie a chi ha permesso, che il campo fosse on line con aggiornamenti in tempo reale, credendo, come risposta a uno specifico carisma, che il Vangelo desidera correre sulle strade della rete, raggiungendo tutti e permettendo a tutti di essere sfiorati, toccati, raggiunti da Dio e dal suo amore.

Buon cammino a tutti: voi e noi!
Buon cammino in Dio, con Dio e per Dio! Buon cammino, fatto di passi concreti.
Buon cammino nella certezza dell’amore ricevuto.
Buon cammino verso questo nuovo anno perchè diventi un anno di vita, di perle preziose da ricevere e donare, di amore vissuto con gratitudine e Vangelo!

 Buon cammino da tutta l’equipè di animatrici reali e on line:
sr. Mariangela, sr. Silvia, Nikki, Veronica e Dalia