Archivi categoria: Giornata Mondiale di preghiera per le Vocazioni

Buona domenica! – IV di Pasqua – Anno A

pecore cvConosco le mie pecore
e le mie pecore conoscono me

Dal Vangelo di Giovanni  (Gv 10,14)
IV DOMENICA di PASQUA – Anno A

Al tempo di Gesù le pecore venivano radunate durante la notte e chiuse in un basso recinto fatto di pietre accatastate. A volte, ad aumentare un po’ la sicurezza, di aggiungeva una fila di rovi spinosi, in modo da impedire ai ladri e ai lupi di accedere e di fare scempio del gregge. Il recinto, normalmente, sorgeva nei pressi del villaggio e radunava le pietre di numerosi proprietari. A turno, poi, questi si alternavano per la veglia della notte: si ponevano nell’unica apertura del recinto di pietre e, seduti, si appoggiavano con la schiena ad uno stupite e con le gambe rannicchiate chiudevano il passaggio: diventavano loro stessi la “porta” del recinto.
Impedivano così ai malintenzionati di avvicinarsi. Sul fare del mattino, quando arrivavano i singoli proprietari, bastava una voce per svegliare le proprie pecore che, a questo punto, venivano lasciate passare per andare a pascolare. Avendo ora davanti agli occhi questa immagine capiamo meglio l’allegoria usata da Gesù nel decimo capitolo del pecore2 cvvangelo di Giovanni e che leggiamo ogni anno, dividendola in tre parti, durante la quarta domenica di Pasqua.

LA PORTA
Gesù è quel pastore che passa la notte a vegliare, accovacciato all’apertura del recinto di pietre, diventando egli stesso la porta che lascia passare solo chi ha a che fare con le pecore e tiene lontano i nemici, i briganti, i ladri. Le pecore fanno gola a molti, allora come oggi. Noi pecore, spesso, veniamo coinvolte da persone cui non stiamo a cuore. Dai politici che hanno bisogno del voto dei cattolici, come se esistesse un voto dei cattolici! Da alcuni che pensano sempre di coinvolgere i cristiani a diventare gli infermieri della Storia per tamponare le gravi inadempienze di uno Stato ormai allo sbando. Da coloro che pensano di trarre profitto dalla fede, anche economico, ora che il Papa “tira” e sta diventando un personaggio fin troppo amato. Molti, troppi, si avvicinano a noi con seconde intenzioni, a volte, purtroppo, all’interno della stessa Chiesa. Come i devoti del tempo, i sacerdoti e i farisei, che trattavano le pecore come dei beoti da indottrinare e condurre, come persone senza spina dorsale da usare come specchio del proprio ego spirituale.  Come chi pensa di ottenere un tornaconto dalle pecore, veri mercenari. Continua a leggere Buona domenica! – IV di Pasqua – Anno A

Buona domenica! – IV di Pasqua – Anno C

mani cv«Nessuno le strapperà dalla mia mano»

Dal Vangelo di Giovanni (Gv 10, 27-30)
IV DOMENICA DI PASQUA – Anno C

Oggi parliamo di pastori, come ogni quarta domenica di Pasqua. Gesù si propone come pastore cosa che non stupisce in un paese in cui la pastorizia era una delle principali fonti di sussistenza. Ed è l’occasione, nella Chiesa, per interrogarci su chi è Chiesa e su come, in questa Chiesa, ognuno abbia delle responsabilità reciproche e sul fatto che alcuni fratelli siano chiamati a indicare il Pastore e a radunare attorno a lui il gregge. La vita è un tempo che ci è dato per imparare ad amare. Scoprirsi amati da Dio scoprire in lui la sorgente dell’amore è l’esperienza più bella che possiamo fare e questa esperienza è il cuore dell’annuncio della Chiesa. Anche in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo (ma esistono tempi “facili”?). Oggi vogliamo ascoltare la parola del Pastore, l’unico, che ci incoraggia e ci sprona ad avere fiducia nel Padre.

PASTORE GRINTOSO
Tutti pensiamo al pastore che va in cerca della pecora che si è persa e che la riporta caricandosela sulle spalle. Immagine dolcissima e commovente che ci consegna Luca e che, in trasparenza, svela l’esperienza interiore dell’evangelista. Ma il pastore di Giovanni, quello di cui si parla nel Vangelo di oggi, assume altre caratteristiche: è duro e determinato e lotta strenuamente per difendere il gregge dai lupi e dai mercenari. Un pastore che veglia, che lotta, disposto a dare la propria vita per la salvezza del gregge, diversamente da come fanno i pastori per professione. Gesù ci sta dicendo che siamo nelle sue mani, in mani sicure, che nessuno ci strapperà mai dal suo abbraccio, che solo in lui riceviamo la vita dell’Eterno. Ma per seguirlo occorre ascoltare cvascoltarlo e riconoscere la sua voce, cioè frequentare la sua Parola, meditarla assiduamente. Quella Parola che diventa segno della sua presenza, che illumina ogni altro segno della presenza del Risorto.

UDITORI
Diventare adulti nella fede significa scoprire ciò che Gesù dice: nulla mai ci potrà allontanare dalla mano di Dio. Gesù ci tiene per mano, con forza. Ci ama, come un pastore capace, come qualcuno che sa dove portaci a pascolare. Non come un pastore pagato a ore, ma come il proprietario che conosce le pecore ad una a una. Siamo stati comprati a caro prezzo dall’amore di Cristo. Perché dubitare della sua presenza? Nulla mi può separare dalla sua mano. La fonte della fede, l’origine della fede è l’ascolto. Ascolto della nostra sete profonda di bene e di luce. Ascolto della Parola che Gesù ci rivolge svelando il Padre. Questo ascolto ci permette di ascoltare la nostra vita in maniera diversa, di mettere il Vangelo a fondamento delle nostre scelte. Ci conosce, il Maestro. Conosce il nostro limite, la nostra fatica, ma anche la nostra costanza e la gioia che abbiamo nell’amarlo. E Gesù, oggi, ci esorta: niente ti strapperà dal mio abbraccio. Non il dolore, non la malattia, non la morte, non l’odio,POPE FRANCIS INAUGURATION MASS non la fragilità, non il peccato, non l’indifferenza, non la contraddizione di esistere. Nulla. Nulla ci può rapire, strappare, togliere da Lui. Siamo di Cristo, ci ha pagati a caro prezzo. Siamo di Cristo.

PASTORI NEL PASTORE
Sono tempi grandiosi, per la Chiesa. La Quaresima che abbiamo appena vissuto ha visto la rinuncia di Benedetto (che, come previsto, fa esattamente ciò che ha detto di voler fare: si nasconde e prega per noi!) e l’accettazione di Francesco, diretto ed evangelico, che ha ridato grande speranza a tutti i discepoli. Molti perdono fiducia nella Chiesa e nei suoi pastori, guardando alle mele marce (che necessitano della nostra preghiera, ma anche di essere fermate) e scordando le centinaia di migliaia di preti, di catechisti, di religiosi che vivono con generosità e correttezza il loro ministero. Questa domenica, dedicata alla preghiera per i pastori, diventa, quest’anno, densa di significato e di coinvolgimento. È questo il momento di pregare per i nostri pastori, questo il momento di fare penitenza, di andare all’essenziale. Di chiedere preti santi, a immagine del Santo. Quanta sofferenza mi raccontano i miei fratelli, persone trasparenti, evangeliche, veramente avvinte dal Signore, travolti dalle cose da fare, spesso ingabbiati in una struttura e nelle attese della gente che li considera dei funzionari e non dei fratelli nella fede! sacerdote cvA loro papa Francesco ricorda:

Chi non esce da sé, invece di essere mediatore, diventa a poco a poco un intermediario, un gestore. Tutti conosciamo la differenza: l’intermediario e il gestore “hanno già la loro paga” e siccome non mettono in gioco la propria pelle e il proprio cuore, non ricevono un ringraziamento affettuoso, che nasce dal cuore. Da qui deriva precisamente l’insoddisfazione di alcuni, che finiscono per essere tristi, preti tristi, e trasformati in una sorta di collezionisti di antichità oppure di novità, invece di essere pastori con “l’odore delle pecore” – questo io vi chiedo: siate pastori con “l’odore delle pecore”, che si senta quello.

È questo silenzio preghiera cvil tempo della preghiera e della conversione. È l’intero corpo che soffre e l’intero corpo deve guarire, purificandosi, facendo penitenza. Con sguardo profetico e spirituale, papa Francesco invita tutti noi ad accettare questo momento non per chiuderci a riccio, o lamentarci, o metterci sulle difensive, ma per stringere, forte, la mano del Signore. Nulla ci può rapire dalla sua mano. Anche se siamo un gregge testardo, incoerente, spelacchiato, il Signore non ci abbandona. Ancora per dire e per dirci che la Chiesa non è il popolo dei perfetti, ma dei perdonati. Non il popolo dei giusti, ma dei figli.

(PAOLO CURTAZ)

21 aprile 2013
GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA
PER LE VOCAZIONI poster 2013 cv
Le vocazioni, segno della Speranza fondata sulla Fede
(Spe Salvi, 34)

 

Tra note e realtà – Rispondere all’amore si può!

Mi ritrovo qui su questo palcoscenico, di nuovo io.
Mi ritrovi qui perché il tuo appuntamento adesso è uguale al mio.
Hai visto il giorno della mia partenza,
nel mio ritorno c’è la tua poesia.
Stare lontani è stata un’esperienza, comunque sia…
Non ho mai smesso di amare te;
non ho mai tolto un pensiero a te;
non ho mai smesso!
Ho cercato la bellezza e l’ho trovata in fondo alla semplicità
Ho cercato il mio passato perché mi hanno detto che così si fa
Cerchiamo tutti la strada del bene
e
la troviamo nelle vite altrui… 
e questa notte adesso ci appartiene…
Non ho mai smesso di amare te 
Non darei qualcosa che non c’è 
E a modo mio (a modo mio)
So bene quanta fantasia ci vuole per partire 
Si ritorna solo andando via…
(Laura Pausini, Non ho mai smesso)

Rispondere all’amore può risuonare in noi con la forza di uno slogan forte al punto da toccare il cuore, farlo vibrare e poi lasciarlo uguale a prima.
Rispondere all’amore si può se la strada dell’amore ha trovato in noi terreno libero per essere desiderata, progettata, costruita, custodita e protetta, perchè preziosa.
In quest’ultimo tempo mi è capitato spesso di sostare sulle parole del canto di Laura Pausini e di sentire vibrare la strana forza di quella passione, di quel sogno, di quel progetto che ognuno di noi porta dentro e che attraverso noi vorrebbe vivere, anzi no! Vorrebbe esplodere!
Esplodere nell’energia, nelle scelte, nella determinazione, in uno stile di vita nuovo segnato dalla pienezza e dall’audacia di chi, con coraggio, sceglie di darsi, di non trattenere nulla, di non mollare, di non nascondere, per paura di perdere, l’oro prezioso che porta dentro.
Ci sono momenti della nostra storia in cui ci allontaniamo da ciò che conta e, con il tempo, ci ritroviamo a vivere frammenti di una vita che non è più la nostra vita, quella che avremmo voluto, quella che ci ha fatto sperimentare istanti di pienezza incontenibile e irrancontabile, sogni condivisi e sognati, forze messe insieme e moltiplicate.
C’è qualcosa in noi, che continua a vivere, nonostante il nostro dubbio o le paure.
C’è qualcosa che vive e non si perde perchè è radicato nel più profondo della nostra identità.
E’ ciò che, pur coprendo a noi stessi, continua a farci vibrare.
E’ ciò che continuiamo ad amare e che fa splendere in noi scintille d’infinito…

E’ quel sogno d’amore che portiamo dentro da sempre, progetto di vita che ci unisce a Dio e ci chiede di abitare la storia attraverso scelte radicali e decise, pregne di quell’amore che scuote e apre all’altro, qualunque sia la sua storia e il suo volto. E’ quel sogno d’amore che Dio sogna per noi e che rende la nostra vita eterna, come eterno è Dio.Non siamo fatti per la terra. La terra ci fa, ma non può ridurci… Il cielo e i suoi orizzonti fanno di noi persone amate, uniche e preziose in ogni istante, in ogni condizione, in ogni sentimento provato e sofferto…
L’amore vive e ci fa vivere… ma se nel cuore i rimpianti lo frenano, lo stringono, lo soffocano… ai rimpiati sussurrate:
Non è il caso che voi continuiate a vivere! Si ritorna solo andando via… e io oggi scelgo di tornare, di rispondere, di vivere, di amare!”

di suor Mariangela fsp

Guarda il video