Campo online/2° giorno_pomeriggio

La Parola si fa voce:
l
a forza apostolica della comunicazione.

La comunicazione oggi è il nuovo grembo in cui ogni essere umano nasce e matura, ereditandone automaticamente rischi e opportunità […]
Tutti, siamo immersi nello straordinario e sempre stupefacente (positivamente e non) mondo dei new media, dei personal media dove paradossalmente la comunità appare ma non c’è, dove con un click mi coinvolgi o mi elimini, mi lasci entrare o mi escludi dalla tua vita; dove tutti avanzano diritti e pretese; dove si moltiplicano i maestri e, in compagnia di migliaia di amici, inizio a sentirmi sempre più solo. Eccolo il pianeta comunicazione, questo sconfinato universo senza limiti, né misure, in cui sempre più urgente diventa annunciare il Vangelo perché nell’incontro vero con la Parola, l’uomo può incontrare il vero se stesso. È in questa nuova piazza che l’uomo si intrattiene; qui trascorre lunghe ore del giorno; qui lo troviamo!
Il punto è: quale Dio viene annunciato? È ancora vivo il Cristo Risorto? È viva la sua Parola? Si riconoscerebbe dalle descrizioni? Ci considererebbe annunciatori del suo messaggio?
Fondamentalismo, fideismo, immaginette sdolcinate, cristi luminosi o trafitti, madonne luccicanti… ma quanto Vangelo corre sulla rete? Chi cerca Dio, quale Dio trova? […]

La voce della parola divina deve risuonare anche attraverso la radio, le arterie informatiche di Internet, i canali della diffusione virtuale on line, i cd, i dvd, i podcast e così via; deve apparire sugli schermi televisivi e cinematografici, nella stampa, negli eventi culturali e sociali…

Questa nuova comunicazione, rispetto a quella tradizionale, ha adottato una sua specifica grammatica espressiva ed è, quindi, necessario essere attrezzati non solo tecnicamente, ma anche culturalmente per questa impresa.
La Parola, afferma san Paolo, deve potersi diffondere e, per questo, ha bisogno della comunicazione.
Ma come siamo chiamati a donarlo? Come, oggi qui, possiamo anche noi dare Gesù al mondo?…


7 pensieri su “Campo online/2° giorno_pomeriggio”

  1. Beh. . .questo tema mi tocca davvero nel profondo…vi scrivo con un apparecchio tipo i.Pad,steso comodamente sul letto, mentre faccio comodamente colazione. Quindi sento particolarmente adatta a me qst riflessione sull`annuncio del Vangelo con i nuovi dispositivi tecnici, che tanto del bene possono fare. Quello che mi viene particolarmente in mente e’ come qst tipo di comunicazione faccia cambiare anche il tipo adesione al messaggio evangelico. Ad esempio tanti sono i contenuti sullaa fede online, ma pochi richiedono un reale investimento, e quindi rischiano di esserci sena pero essere realmente d’aiuto nel cammino difede

    1. Ma credo che questo possa essere un rischio da correre, pur di riempire ogni pagina di Cristo, Via, Verità e Vita. Fasciare la rete della sua Parola, parafrasando un grande Santo.
      (ora vi sto scrivendo con il portatile perchè, per quanto possa essere utile l’i-Pad, è davvero scomodo scriverci😉 )

  2. Riporto due affermazioni del Beato Alberione che mi hanno partcolarmente colpita :”L’inchiostro degli scrittori della fede è lo spirito divino:la loro penna non scrive sulla carta,ma nei cuori” “Facciamoci penna e bocca di Dio,per Gesù Cristo,nostro Maestro”Si innescano automatiche delle domande:io cammino su questa strada?Se sì procedo bene,impiego tutte le mie energie?

  3. Questo tema mi sta particolarmente a cuore!!!
    Mi sta a cuore il verbo COMUNICARE e tutto ciò che lo riguarda, ma soprattutto COMUNICARE IL VANGELO utilizzando i cosiddetti new media.
    Qualche anno fa, una suora mi disse una cosa che mi fece molto pensare: “Claudia noi comunichiamo il Vangelo soprattutto con il nostro atteggiamento e comportamento, perchè TU SEI COMUNICAZIONE è questo che le persone guardano!!!”.
    Questa frase mi risuona molto forte e anche grazie a questa riflessione, oggi, con cuore sincero davanti a Dio mi chiedo: “Cosa sta comunicando la mia vita? Chi sto comunicando? E come lo sto comunicando?”

  4. Ciao a tutti ragazzi! come procede il campo??
    E’ bello avere la possibilita di condividere insieme questo campo…..
    …proposte di riflessione e preghiera davvero provocanti….
    consideravo che se è “difficile” riuscire a tagliarsi un po’ di momenti, o come suggeriva Mariangela, “perdere tempo con Dio” durante un esperienza di campo (parlo di me ovviamente!), tanto di più lo è stasera a casa mia…..come se trovare un po’ di silenzio, un angolo insonorizzato fosse un privilegio eccessivo o una richiesta improponibile (dipende dai punti di vista)……
    E’ un po’ disarmante rendersi conto che “Dio, in Gesù, è colui che “perde tempo”, che dedica tempo
    all’uomo, che gli dedica il tempo che avrebbe potuto dedicare a ben altro, magari semplicemente a se stesso!”……
    A tutti voi buona serata!!!…
    …e grazie /A!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...