RAGAZZI & DINTORNI – Ottobre 2012 – “… in Dio Padre”

DIO, PADRE NOSTRO

di Veronica Bernasconi

In questo articolo tutte le tappe per un incontro di preghiera da fare con i ragazzi.

Il catechista prepara un percorso nelle vicinanze, da compiere processionalmente, predisponendo alcune soste. In ogni tappa metterà in evidenza un elemento della creazione. In un angolo della sala colloca la Bibbia aperta, con il cero acceso.

Catechista: «Padre nostro» è l’appellativo, comunicatoci da Gesù, per rivolgerci a Dio, e ci dice quanto sia immenso e delicato l’amore con cui ciascuno di noi è amato da lui. Gesù ci rivela il Padre e ci mostra come comunicare con lui. Può capitare di pregare il «Padre nostro» senza troppa attenzione e di non cogliere le dimensioni che caratterizzano Dio, Padre amorevole, Creatore provvidente e misericordioso.
Cantiamo a lui, ora, con più consapevolezza.

A questo punto della celebrazione si può cantare un canto di lode.

Solista: si sceglie un ragazzo che proclamerà la Parola di Dio e precisamente Matteo 6,7-15.

Catechista: Dio è amore. Per amore ha creato l’universo, le piante, gli animali, gli uomini e le donne e se ne prende cura, donando tutto ciò che è loro necessario. Oggi, con animo riconoscente a Dio creatore, guardiamo il mondo con occhi nuovi per scorgere ovunque la sua mano premurosa. Ringraziamolo per ogni suo bene con il canto.

In questo momento si può cantare un canto di ringraziamento.

Il gruppo, in silenzio, esce dalla sala. Il catechista conduce i ragazzi lungo il percorso predisposto e li invita a guardasi intorno. In ogni tappa mette in evidenza un elemento della creazione. È utile, per sperimentare la grandezza di Dio con tutta la persona, far adoperare tutti i sensi (sentire il canto degli uccelli, il profumo dei fiori, la freschezza dell’acqua…).
In una sosta è opportuno mostrare qualche prodotto dell’ingegno umano, che è sempre dono del Padre (come una casa, un’antenna televisiva…). Ogni volta i ragazzi, dopo aver comunicato quello che hanno notato, recitano insieme il Gloria al Padre. Poi tornano nella sala.
 
Catechista: A Dio, Padre amorevole e provvidente, rivolgiamoci, come figli, con la libertà e l’affetto di Gesù. Accogliendo il suo amore, ci comporteremo, anche noi, da fratelli e sorelle, per condividere con gioia le ricchezze che il Padre quotidianamente ci offre.

Un solista può proclamare questa preghiera/riflessione:

Non dire «Padre», se ogni giorno non ti comporti da figlio.
Non dire «nostro», se vivi soltanto nel tuo egoismo.
Non dire «che sei nei cieli», se pensi solo alle cose terrene.
Non dire «venga il tuo Regno», se lo confondi con il successo materiale.
Non dire «sia fatta la tua volontà», se non l’accetti quando è dolorosa.
Non dire «dacci oggi il nostro pane quotidiano», se non ti preoccupi della gente che ha fame.
Non dire «non ci indurre in tentazione», se continui a peccare.
Non dire «liberaci dal male», se non ti opponi al male.
Non dire «amen», se non prendi sul serio le parole del Padre nostro.

Si prega insieme il Padre nostro e si conclude con un canto finale.

Questo e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi sul numero di Ottobre dell’inserto Ragazzi & Dintorni dossier mensile di Catechisti Parrocchiali.

Per info, abbonamenti e novità:

—> Clikka sull’immagine <—

In preghiera per il Sinodo sulla nuova evangelizzazione

In questi giorni, e precisamente dal 7 al 28 ottobre, come Chiesa stiamo vivendo un importantissimo evento: il Sinodo dei vescovi. E’ un evento di portata mondiale che raduna attorno al Papa, Benedetto XVI, vescovi provenienti da tutto il mondo, per riflettere su questioni attuali e sfidanti per la vita e la missione della Chiesa, nel mondo.

“La nuova evangelizzazione per la trasmissione delle fede cristiana”: è il tema dell’assemblea. Tema particolarmente caldo per una umanità che fatica sempre di più a scoprire i segni della presenza di Dio e per una Chiesa che di fatto sta rischiando di confondere la sua voce alle voci della terra, rendendo silenziosa la voce instancabile di Dio.

“La Chiesa sente come un suo dovere – leggiamo nello Strumento di Lavoro del Sinodo – riuscire a immaginare nuovi strumenti e nuove parole per rendere udibile e comprensibile, anche nei nuovi deserti del mondo, la parola della fede che ci ha rigenerato alla vita, quella vera, in Dio” – cfr. IL 8.

Con il Papa e i vescovi, altri fratelli e sorelle, vivranno quest’esperienza sinodale cercando di accogliere le istanze impellenti della società contemporanea e i fermenti di novità che lo Spirito sta seminando nei solchi della storia. Per loro e con loro, vogliamo unirci in una fraterna preghiera che ci renda tutti partecipi, in unione di spirito, a quest’evento, qualsiasi sia la nostra condizione, le nostre attese, la nostra personale situazione. Il Sinodo ricorda a tutti noi un dovere speciale: sentirci parte viva di una Chiesa viva che è comunione di chiamati, e di cui, ognuno di noi è responsabile in forza del Battesimo.

Nella preghiera e nell’offerta delle personali sofferenze, consapevolmente facciamoci carico di quanto, in questi giorni, il Papa e i Vescovi saranno chiamati a discernere e rioffrire a tutti noi, Chiesa radunata in Cristo Risorto, perchè possiamo con coraggio e audacia percorrere nuovi sentieri per una nuova evangelizzazione, che porti, OGGI, Dio all’uomo e l’uomo a Dio.