Archivi tag: lavorare in gruppo

RAGAZZI & DINTORNI – Novembre 2012 – “… in Gesù Cristo”

IO CREDO IN GESÙ CRISTO

di Tonino Lasconi

Gesù di Nazaret è il pilastro della nostra fede. Credere in lui è ciò che ci fa cristiani e ci distingue dalle altre religioni monoteistiche: l’ebraismo e il musulmanesimo. Questo risalta dal Credo degli Apostoli che dedica a Gesù dieci delle sedici affermazioni di cui si compone: «… e (credo) in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, – il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, – patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; – il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, – siede alla destra di Dio, Padre onnipotente; – di là verrà a giudicare i vivi e i morti».
Nel proporre ai bambini e ai ragazzi il cristianesimo non dobbiamo mai dimenticarci che esso è la fede in Gesù. Tutto il resto vale se conduce a lui, ruota intorno a lui, si riferisce a lui.
Il fondamento di questa centralità sta nel suo essere vero uomo e vero Dio. L’antichissimo Simbolo apostolico lo evidenzia molto bene: fu concepito e nacque da Maria, da una donna, come noi (vero uomo), ma di Spirito Santo (vero Dio); patì sotto Ponzio Pilato, un personaggio della nostra storia (vero uomo), risuscitò da morte, cosa che non accade nella nostra storia (vero Dio). Perciò, quello che dobbiamo annunciare a bambini e ragazzi (e a tutti!) è Gesù, vero uomo e vero Dio. A questo scopo, sono utili alcune attenzioni.

GESÙ «VERO UOMO»: Per scolpire questa verità nei ragazzi è importante che, fin dai primi incontri, evitiamo ogni modalità comunicativa che assomigli alla favola, al fantastico, alla leggenda. Anche con i piccoli, che non hanno ancora la capacità di reggere un discorso storico vero e proprio, la comunicazione migliore è prendere una cartina della Palestina e indicare dov’è Nazaret, Betlemme, Cafarnao, Gerusalemme, Roma…, per continuare con immagini, fisse o in movimento, sui ritrovamenti archeologici dei luoghi evangelici. Questa storicità dovrà essere, poi, approfondita e arricchita man mano che i ragazzi crescono e a scuola studiano la storia.
Quanto detto fin qui, vale anche per il Natale. La televisione, la grande catechista dei nostri giorni, si è impadronita di questa festa e, per scopi pubblicitari, ne parla e straparla, accentuando gli elementi favolistici e folcloristici. La nostra catechesi non deve assecondare questo andazzo, con l’illusione di giovarsene, ma contrastarlo intelligentemente e senza dogmatismi, aiutando i ragazzi a distinguere la verità storica dalle modalità poetiche e artistiche con le quali è raccontata, a cominciare dal presepio. Questa operazione critica occorre farla anche quando si propongono ai ragazzi immagini e filmati che raccontano la nascita e la vita di Gesù con cartoni animati che «piacciono tanto», ma che possono essere fuorvianti, se recepiti alla stregua di quelli su maghi e supereroi che abbondano nei canali televisivi.

GESÙ «VERO DIO»: Gesù è vero Dio: lo ha affermato e dimostrato con le sue opere, impossibili a noi uomini; ha perdonato i peccati, ha guarito i malati, ha fatto tornare in vita i morti, è risorto dalla morte. Ci sono prove che è tutto vero? Sì! Gli amici vissuti con lui hanno sacrificato la loro vita per testimoniare quello che Gesù ha detto e fatto. Tale testimonianza non si è mai interrotta fino a oggi, a volte anche a costo della vita. Nel cammino seguireraccontare i miracoli e le parabole è importante seguire la sobrietà dei Vangeli, senza arzigogoli e sentimentalismi:
• le cinque righe della pecora perduta (Lc 15,4-6) non devono diventare la telenovella della pecorella che vaga belando tra burroni e spine;
• la parabola del Padre misericordioso (Lc 15,11-32) non deve trasformarsi in quella dei porcellini che rubano le carrube allo sventurato giovanotto;
• quella del buon samaritano (Lc 10,29-37) non è il manifesto del volontariato, ma la sintesi della proposta cristiana: «Va’ e anche tu fa’ così».
• Stessa attenzione per i miracoli. È importantissimo sottolineare che Gesù non li compie per meravigliare la gente e per portarla dalla sua parte, come fanno i maghi, gli illusionisti, i prestigiatori, (i politici!), ma per confortare la fede di chi ha il coraggio di credere in lui e di ricorrere a lui, riconoscendolo Figlio di Dio.

GESÙ IN «SÌ»: Guai far conoscere Gesù ai bambini come quello che non vuole che si faccia, che si dica, che si vada, che si veda… I catechisti devono giocarsi tutto sulla capacità di dimostrare che i no di Gesù, in realtà, sono grandi sì.

Nel parlare di Gesù, i catechisti devono prendere coscienza che i bambini/ragazzi non sono «piccoli cristiani», ma «grandi pagani», zeppi di proposte di vita, assorbite in modo inconsapevole e acritico, alternative o contrarie a Gesù e al suo messaggio. È fondamentale che i catechisti abbandonino il ruolo dell’insegnante per entrare in quello del missionario, consapevoli che niente di ciò che propongono è scontato. Perciò tutto deve essere ragionato, discusso, provato. I ragazzi devono imparare che ciò che propone Gesù non è quello che viene facile, che fanno tutti, che va di moda, che si gusta e diverte, ma quello che richiede impegno e coraggio di andare contro corrente.

Di seguito proponiamo un’attività da svolgere in gruppo con i ragazzi.
Dividere i ragazzi in gruppetti e affidare, a ciascun gruppo, alcune riviste, anche di quelle dedicate ai ragazzi e alle ragazze, per analizzare, in un confronto reciproco:
– il tipo di messaggi proposti;
– su quali dimensioni della persona tali messaggi cercano di fare presa: intelligenza, volontà, sentimenti, inconscio, istintualità, sensualità, corpo…;
– se aiutano il ragazzo o la ragazza a crescere nella sua integralità;
– se li rispettano come persone, nella loro unicità e dignità;
– se favoriscono una relazione significativa e promuovente con gli altri;
– quali finalità si propongono.
È importante affidare, poi, a ogni gruppo un brano del Vangelo, fra quelli citati nell’articolo (o altri), e invitare ad analizzarlo con la stessa griglia utilizzata precedentemente individuando qual è la proposta e il progetto di Gesù per noi.
Confrontare le due proposte evidenziate e aiutare i ragazzi a decidere da che parte stare, per scegliere «la vita» e donare «vita e amore agli altri».

Questo e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi sul numero di Novembre dell’inserto Ragazzi & Dintorni dossier mensile di Catechisti Parrocchiali.

Per info, abbonamenti e novità:

—> Clikka sull’immagine <—

CATECHISTI PARROCCHIALI – Dicembre 2011: NOI CREDIAMO ALL’AMORE

È NATO IL SALVATORE

di F. Carletti – A.M. D’Angelo

La rappresentazione in ogni casa della venuta di Gesù, è incentrata sulla statuetta del bambino Gesù nel presepe, posta sulla mangiatoia, circondata da Maria e Giuseppe, oltre che dal bue e dall’asinello. Un Dio che si affida a persone umane, che appare fragile, che suscita in noi tenerezza, che ha bisogno di noi per realizzare il suo progetto di salvezza… e non lo compie mai senza l’uomo!
Possiamo accostarci al Figlio di Dio con questo atteggiamento di tenerezza e ammirazione, stupore e curiosità.
Sarà bello allora realizzare la nostra statuetta del bambino Gesù per vivere momenti di raccoglimento durante questo speciale periodo di Natale.

In continuità con il numero di novembre, dove si proponeva la costruzione di una mangiatoia, in questa scheda operativa si descrive come realizzare con i fanciulli la statuetta del bambino Gesù, usando sagome di polistirolo. La statuetta potrà essere posta, poi, sopra la mangiatoia e tenuta in camera o in altre parti della casa come simbolo del Natale, per vivere in famiglia brevi momenti di preghiera. Materiale: una pallina di polistirolo del diametro di 4 cm, un ovetto di polistirolo di 6 cm di altezza, stuzzicadenti, un pennellino, colori a tempera.
Al lavoro:
Si uniscono le due sagome di polistirolo attraverso un normale stuzzicadenti.
Si dipingono le due sagome con i colori a tempera come nella foto.
Si attende che la tempera si asciughi (per velocizzare si può lasciare per qualche minuto all’aperto).
A questo punto con un pennarello si possono disegnare gli occhi e la bocca, le braccia e decorare a piacimento.

Un consiglio importante: per motivare fanciulli e ragazzi nella realizzazione di questi oggetti, è bene mostrare, prima d’iniziare l’attività, un esempio di prodotto finito. I fanciulli hanno bisogno di vedere, per entusiasmarsi e impegnarsi, cosa realizzeranno, altrimenti è più facile che si perdano d’animo o sbuffino prima ancora di mettersi all’opera.

La sera, durante le feste di Natale, ci si ritrova davanti alla mangiatoia con il Bambino e il lumino acceso, comodamente seduti. Un tenue sottofondo musicale. Il papà o la mamma legge lentamente il brano della nascita di Gesù (Mt 1,18-24).
Si posa lo sguardo sul Bambino per qualche minuto, rimanendo in silenzio, poi si prega:

Gesù, sei solo un bambino nella
culla, eppure sei già capace di parlarmi.
Sì, davanti a te, non è possibile far tacere
sentimenti ed emozioni, messaggi
che ci dicono semplicemente quanto
tu e il Padre ci amate!
Tu, Figlio di Dio, che non ti dimentichi di noi!
Tu, Figlio di Dio,
che hai scelto di stare con noi!
E tu, Dio Padre, che in Gesù
sei stato fedele alle tue promesse!
Gesù, sei solo un bambino
nella culla, ma sei Dio vicino a noi!
Se teniamo la tua luce accesa,
possiamo vederti sempre.
Aiutaci a riempire il nostro lume
con l’olio dell’amore, perché tu risplenda
nei nostri cuori e nei nostri gesti.
Grazie, Gesù!

Questi e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi nel numero di Dicembre di Catechisti Parrocchiali, dove è anche possibile vedere le foto del lavoro finito.

Per vedere il sommario di Catechisti Parrocchiali di Dicembre 2011 clicca qui

Per info e abbonamenti:

CATECHISTI PARROCCHIALI – Gennaio 2011: Il compiersi della Parola, oggi

La scelta di un metodo

di Franca Feliziani Kannheiser

La scelta dei metodi all’interno di un percorso di catechesi non è mai cosa improvvisata ma, al contrario, è frutto di un’attenta riflessione sugli obiettivi a cui si tende e sui contenuti, oggetto di comunicazione e di riflessione.
Nell’incontro di catechesi il fanciullo è invitato a fare esperienza concreta di comunità, a sperimentare il valore della comunicazione e della condivisione, non soltanto perché indispensabile alla crescita umana, ma perché il Signore si manifesta ed è presente «là dove sarete riuniti nel mio nome».
Ogni metodo, quindi, che favorisce l’ascolto rispettoso, lo scambio e il dialogo, permette l’esercizio dello «stile» cristiano che deve permeare tutta la vita. In questa ottica pensiamo anche a introdurre, nell’incontro di catechesi, metodi come il lavoro a coppie e i lavori di gruppo.
Lavorare in coppia può raggiungere diversi obiettivi, come quello di favorire una conoscenza più approfondita dei membri del gruppo, che si attuerà, soprattutto, con un opportuno ricambio dei partner; di stimolare processi di socializzazione, permettendo anche ai più timidi di esporre le proprie idee; di confrontarsi attivamente con i compagni.
Per evitare che il lavoro in coppia degeneri in discussioni senza fine o in bla-bla superficiali, è necessario che il catechista affidi ai due partner compiti ben precisi, come ad esempio:
• intervistarsi a vicenda sulla tematica in questione, formulando precedentemente per iscritto determinate domande;
• ricercare materiale sul tema in oggetto;
• sviluppare una tesi pro e una contro e saperla giustificare;
• riportare su un cartellone i risultati a cui si è pervenuti e verificarli, poi, con i compagni, ecc..
Attraverso il lavoro di gruppo, invece,  si possono raggiungere i seguenti obiettivi:
• un’accresciuta socializzazione: i fanciulli imparano a conoscersi, a parlare fra loro, ad ascoltarsi con attenzione…
• un aumento della cooperatività: i membri del gruppo devono accordarsi sui criteri comuni di scelta, devono saper distribuire il lavoro, tenendo conto degli interessi e delle competenze di ciascuno;
• un maggiore coinvolgimento personale: il piccolo gruppo permette anche ai più timidi di essere protagonisti; di esprimere senza paura le loro opinioni; di fare tentativi senza esporsi a tutto il gruppo.
Questi obiettivi sono raggiungibili solamente se il catechista conosce e applica correttamente i criteri di questa tecnica che richiede tempo, capacità organizzativa e (almeno all’inizio) una buona dose di flessibilità e di pazienza per riuscire a indirizzare il gruppo, pur rimanendo dietro le quinte, e senza perdere il controllo del processo educativo che si sta svolgendo.
Le fasi principali del lavoro di gruppo sono:
1a fase: scelta del tema o dei temi intorno a cui lavorare e ricognizione del materiale necessario. Il catechista propone, orienta o, soprattutto se i fanciulli non sono abituati a lavorare in gruppo, offre precise direttive. Tutto ciò avviene in assemblea. La chiarezza e la precisione che caratterizzeranno questa fase saranno decisive per l’intero processo.
2a fase: formazione dei gruppi. È un momento molto delicato: è, infatti, necessario trovare un equilibrio tra la naturale esigenza dei ragazzi di lavorare con chi trovano amico, simpatico, affine  e la necessità di non emarginare nessuno, e di estendere il processo di socializzazione così che tutti i membri del gruppo imparino a conoscersi sempre meglio.
È importante, inoltre, ricordare che il gruppo deve essere abbastanza piccolo per permettere la partecipazione di ognuno, ma anche sufficientemente numeroso per favorire uno scambio fecondo di esperienze. Il numero ottimale è di cinque/sette persone.
3a fase: distribuzione delle mansioni all’interno del gruppo. Si dovrà soprattutto attribuire il ruolo del coordinatore che avrà il compito di:
• chiarire il lavoro che il gruppo deve affrontare;
• vigilare perché ciascuno svolga la sua parte;
• fare attenzione che si rimanga nel tempo a disposizione;
• sintetizzare e riportare in assemblea le conclusioni del lavoro.
4° fase: a conclusione dei lavori, il gruppo decide in quale forma esprimere i risultati della sua ricerca (attraverso una relazione orale, un cartellone, un grafico, ecc.).
Un buon lavoro di gruppo è caratterizzato da un elevato grado di autonomia: ciò significa che il catechista deve essere chiamato in causa il meno possibile, sia per spiegare i contenuti della ricerca, sia per sedare eventuali conflitti fra i componenti.
Egli sarà, quindi, attento a non intralciare con i suoi interventi il cammino del gruppo che, per paura di sbagliare o per semplice pigrizia, potrebbe tendere a delegargli la propria responsabilità.

Questi e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi nel numero di Gennaio di Catechisti Parrocchiali

Per Per vedere il sommario di Catechisti Parrocchiali di Dicembre 2010 clicca qui

Per info e abbonamenti: