Archivi tag: emorroissa

Scelti, ma per cosa? – Buona domenica! – XV TEMPO ORDINARIO – Anno B

«Né pane, né sacca, né denaro» (Mc 6,8).

Scelti, chiamati e mandati: è questo ciò che i cristiani dovrebbero essere… Perché in fondo «Chiesa-ekklésia» non è null’altro che raduno, assemblea di chiamati.
Lo erano i Dodici. Lo erano i settantadue discepoli. Lo erano le donne. Lo erano anche le folle. E in fondo lo siamo anche noi: siamo dei chiamati e mandati.
Ma per fare cosa?discepoli emmaus
Siamo indubbiamente chiamati a restare con il Maestro; a nutrire mente, cuore e desideri della sua presenza; a lasciarci trasformare dalla sua Parola che può realmente renderci nuovi… ma è sufficiente? Siamo chiamati semplicemente per ricevere? Per essere soggetti passivi della grazia, del suo amore?
Comodo!
Il Vangelo chiude così: «Essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano» (Mc 6,12). E la chiusura fa pendant con l’apertura: «Chiamo a sé e prese a mandarli».
Prego su questi pochi versetti e non riesco a non pensare a noi: noi, chiusi nelle nostre Chiese (a eccezione di particolari eventi organizzati); noi, al sicuro delle nostre comunità religiose; noi, bloccati nelle nostre case di cui garantire il benessere… anche se il vicino ha problemi; noi, strenui sostenitori della difesa delle nostre nazioni; noi abitanti del villaggio globale che del mondo vogliono le risorse, ma che rifiutano di raccogliere le lacrime.
Noi, discepoli della Via, che di quel Cristo stiamo diventando scandalo.
Noi, testimoni di cosa? Di un Vangelo ostentato e puntualmente tradito dalle nostre logiche individualistiche e nazionalistiche di esistenza!
In molti ultimamente si stanno impegnando a liberare il mondo dallo straniero.
Ma, noi credenti, dovremmo essere quelli chiamati ad andare, anche nelle piazze, per liberare fratelli e sorelle, anche stranieri, dalle attuali disumane logiche del mondo.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Chiamati ad andare

Andare, liberi e leggeri, questo ti chiediamo, Signore…
Imparare ad andare sciolti da ogni sicurezza
e avendo con noi il solo carico di amore e misericordia
che ci chiedi di liberare nel mondo.
Nulla, neppure la polvere del rimpianto ci rallenti.
Nulla, neanche l’umano fallimento ci blocchi.
Insegnaci ad andare per far brillare nel mondo
la tua presenza che libera e accoglie,
perdona e guarisce tutti senza alcune differenza.
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA  (Mc 6,7-13)

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche.
E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro».
Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook, google plus e twitter.

XV TO_ preghiera
Scarica la fotopreghiera
XV TO_fb
Scarica la cover per facebook
XV TO_twitter
Scarica la cover per twitter
XV TO_google
Scarica la cover per google

Invisibile! – Buona domenica! – XIV TEMPO ORDINARIO – Anno B

«Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua» (Mc 6,4).

Continua a leggere Invisibile! – Buona domenica! – XIV TEMPO ORDINARIO – Anno B

Questione di fede – Buona domenica! – XIII TEMPO ORDINARIO – Anno B

«Non temere, soltanto abbi fede!» (Mc 5,36).

Tutte le volte che mi fermo a pregare in compagnia della pagina di Vangelo proposta in questa XIII domenica mi vengono in mente domande per le quali spesso non trovo risposte.mano tesa, emoroissa, lopez
La pagina tratta dal Vangelo di Marco ci mette davanti l’esperienza di Giairo, padre distrutto e disarmato dalla malattia della figlia per la quale chiede la guarigione. E come se non bastasse, l’evangelista, per convincerci ulteriormente, ci racconta anche la guarigione della donna con emorragie di fronte alla quale tutti i medici si erano arresi.
Due storie di malattie incurabili perfettamente guarite. Quale il messaggio? A un primo livello potremmo dire: «Beh, facile! Chi ha fede ottiene!». «Per chi crede Dio spalanca tutte le porte».
Ecco di fronte a queste facili e banali risposte, mi viene una domanda, che puntualmente pongo a chi si accontenta di questi semplicistiche conclusioni: «E gli altri? I non miracolati? Sono tutti miscredenti?».
No, le domande che questo Vangelo mi muove nel cuore non le rivolgo mai a Dio, perché so già cosa lui mi direbbe. Le rivolgo a quei credenti benpensanti che dividono il mondo in giusti e ingiusti, in bianco e nero, in buoni credenti e credenti mediocri.
Per Dio le cose non funzionano così: per lui ogni guarigione di cui il Vangelo racconta non è uno schiaffo in faccia dato a chi ha sperimentato la sconfitta di una malattia e la morte prematura di qualcuno. No. Non lo è. Per lui Giairo e l’emorroissa sono la storia di un uomo e di una donna senza alcuna speranza a cui lui ha teso una mano. La loro guarigione è prima di tutto interiore: l’incontro con Gesù li ha riaperti alla fiducia, alla relazione con l’altro e con Dio. Quel «Abbi fede» altro non significa. Aprirsi! Aprirsi a lui, anche quando tutto sembra ormai perduto. Aprirsi!

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Fede Signore!

Se avessimo fede, Signore,
riusciremmo a toccarti.
Se avessimo fede
potremmo vederti.
Se avessimo fede
ci sarebbe semplice credere
alle tue parole.
Se avessimo fede
potremmo contare
sul tuo amore.
Se avessimo fede
oseremmo anche parlarti.
Fede, null’altro che fede:
semplice e disarmata.
Fede: libera e certa
come la fiducia
di un bambino che sa
di essere amato.
Non ti chiediamo altro, Signore:
insegnaci ad avere fiducia in te.
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA  (Forma breve Mc 5, 21-24.35b-43)

In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia 6447figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
Dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo.5054
Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook, google plus e twitter.

XIII TO_ preghiera
Scarica la fotopreghiera
XIII TO_fb
Scarica la cover per facebook
XIII TO_google
Scarica la cover per google
XIII TO_twitter
Scarica la cover per twitter