Archivi tag: Syria

Tra note e realtà – Libera

Fa effetto ripensare a tutto quello che ho passato  
E non soffrirne più,
Sono libera come nei sogni… libera
E con la fantasia volo più su
Ogni giorno di più, ogni volta più su
E via riprendo il volo apro le mie ali al mondo
Plano lentamente amando
Sotto questo sole acceso e splendido
E mi godo ogni momento
Sesso e amore vanno a tempo
(Syria, Libera)

Non riesco proprio a non pensare alla richesta di una ragazza che qualche giorno fa mi ha chiesto di indicarle una canzone sulla libertà. La mia risposta, prima ancora del titolo, si è trasformata in un’altra domanda: «Che tipo di libertà?». Ma questa volta l’unica risposta è stata il silenzio.
Libertà cercata, sofferta, guadagnata a tutti i costi. Spazi troppo stretti, modi di vivere che non ci siamo scelti, fede che altri ci hanno imposto, tasse da pagare, lavoro che la necessità ha scelto per noi…
Quante volte la ricerca ansiosa di una libertà proclamata o assolutizzata ci chiude alla Libertà vera, quella di chi sa guardarsi dentro.
La finestra della mia stanza non ha grate, si apre su un cielo maestoso: oggi limpido e sereno, ieri o forse domani, oscuro e tempestoso.
Ma quante grate ho scelto di imporre al mio cuore?
I gabbiani aprono le loro ali al mondo e planano leggermente: simbolo di una libertà che ci fa sentire piccoli e un po’ tristi.
A chi ho permesso di legare le mie ali?

Sotto questo sole splendido mi godo ogni momento. Sesso e amore vanno a tempo”: l’estate diventa tempo di libertà…di una libertà lunga tre mesi… e poi di nuovo la realtà, la routine che inizia a ottobre, che è fatta di normalità, di cose insignificanti.
Ritorna la domanda, e questa volta è per tutti: «Che tipo di libertà?»
Qual è la libertà che cerchiamo, quella per cui saremmo in grado di lottare? Quali sono le mie finestre che chiedono di aprirsi sul mondo, quali quelle ali che vogliono aprirsi nei cieli della normalità, della quotidianità?
La necessità, gli altri, possono dirci cosa fare, a volte potranno anche condizionarci fino all’obbligo, ma solo noi potremo scegliere di volare o di planare, solo noi potremo aprirci alla verità di noi stessi e scoprire quel senso vero che sa andare sempre un po’ più oltre
Quello che fa la differenza non è avere o meno la fortuna di fare certe esperienze, ma il coraggio e la verità di viverle ad alta quota.
Mai come di questi tempi la verità è la carità più grande verso noi stessi e verso gli altri, perché solo la verità può spalancarci alla libertà… quella vera!

                                                                                   di suor Mariangela fsp

Guarda il video

Tra note e realtà – Speciale Natale!

 

Sento tra i pensieri un eco di richiamo
Bambina ti aspetto qui
a braccia aperte verso il cielo

I giorni a volte non passano…
E sento il mio amore che sta crescendo
Le emozioni che sto vivendo
C’è uno strato di pelle che ci separa.
Arriverai da lontano,
sorridendo arriverai
e mi incanterai
arriverai da lontano
e per sempre ci sarai nella mia realtà…
E’ arrivato il momento di farti vivere…

(Syria – Lettera ad Alice)

 

Semplici e cariche d’emozione!
Poche parole, quelle di Syria, ripetute come ritornelli interiori, cantati in un silenzioso e ininterrotto dialogo. L’attesa vibrante, la forza del nascere, il silenzio e il fremito dell’ora giunta, il tempo squarciato dal pianto, la gioia inenarrabile di una nascita, la tenerezza dell’unirsi in un atteso abbraccio: tutto questo ha unito Maria a Gesù come continua a unire ogni mamma al suo bambino.

 
E’ Natale!
Tempo di pienezza. Tempo di vita!
E’ il mistero di un Dio presente nella storia!
E’ la visibilità dell’Amore, in una normalità spezzata dallo straordinario!
Lo straordinario coraggio di Maria nell’accogliere un progetto più grande dei suoi stessi sogni. La straordinaria determinazione nel continuare a credere nella vita quando in tanti, troppi la mercanteggiano. La straordinaria fantasia della Vita che per sbocciare sceglie una piccolissima e insignificante cellula.

 
Buon Natale allora…
…a tutte quelle mamme, silenziosamente coraggiose, che offrono alla vita la possibilità di esistere
…a tutti i papà, troppe volte messi al margine di una storia che li vede protagonisti
…a coloro che al di là di ogni ideologia e appartenenza partitica hanno riconosciuto all’embrione la dignità di essere vivente
…a coloro che continuano a definire l’embrione solo una cosa più piccola della punta di un ago ingrandita 300 volte
… a tutti coloro che vivono, che scelgono, che sperano, che guardano il futuro con occhi limpidi
…a chi non ce la fa a raggiungere vette troppo alte

 

A tutti, semplicemente, buon Natale!


suor Mariangela fsp
e tutta la redazione di Cantalavita!