CATECHISTI PARROCCHIALI – Ottobre 2010: Alleanze educative

Preparare l’incontro di catechesi

di Franca Feliziani Kannheiser

 

Ogni evento importante è da prepararsi con cura e ogni incontro catechistico, anche quello che avviene in una semplice stanza di una piccola parrocchia, con fanciulli spesso iperattivi o distratti, è un momento prezioso, perché occasione irripetibile di incontro con Gesù e con la comunità che lo testimonia. Proprio questa consapevolezza deve spingere il catechista a non improvvisare, ma a predisporre il percorso da fare insieme con accuratezza e intelligente elasticità.
Una buona guida sa che la condizione indispensabile perché un’impresa riesca è la conoscenza dei compagni di viaggio, cioè del gruppo che deve condurre al traguardo.
Il catechista cercherà ogni occasione per conoscere i fanciulli che gli sono affidati, consapevole che proprio sulla qualità della relazione che saprà stabilire con loro si gioca in gran parte la disponibilità a farsi coinvolgere nella vita della comunità cristiana in cui sperimentare l’incontro con Gesù vivente.

Un rapporto autentico non si improvvisa né si inventa.
Esso nasce dalla volontà di mettersi in gioco e richiede al catechista di lasciare fuori dalla porta della stanza dell’incontro i problemi personali. Almeno per un’ora mettiamo il nostro cuore e la nostra mente a completa disposizione dei ragazzi.
Solamente in questo modo possiamo sperare di ottenere qualche risultato.
Iniziare un incontro con nervosismo e impazienza, oppure gravati da pregiudizi è il modo migliore per destinarlo al fallimento.
I fanciulli possiedono antenne sensibilissime: colgono immediatamente lo stato d’animo dell’adulto, leggono più nel suo sguardo che nelle sue parole, scoprono, dietro sorrisi di facciata, durezze e diffidenze.
Il singolo ragazzo e l’intero gruppo si comporteranno in larga parte secondo la fiducia o la sfiducia che riporremo in essi.
Spesso non ci si accorge che il detto popolare «a pensar male ci s’indovina sempre!» si avvera, in quanto è proprio la diffidenza a creare le condizioni per l’incomprensione e i fraintendimenti, a mettere l’altro sulla difensiva e a scoraggiarlo nel suo sforzo di cambiamento.
Fidarci dei nostri fanciulli, credere nella loro capacità di bene è il modo migliore per sviluppare in loro una sana autostima, condizione necessaria per scoprire l’altro come persona uguale a me, degna di rispetto e d’amore.
Molto tempo, dunque, deve essere dedicato alla conoscenza dei fanciulli, non soltanto attraverso domande dirette, ma piuttosto osservandoli giocare, lavorare, interagire; ascoltando i loro racconti, in cui esprimono preferenze, paure, desideri e speranze.

Questi e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi nel numero di Ottobre di Catechisti Parrocchiali

Per vedere il sommario di Catechisti Parrocchiali di Ottobre 2010 clicca qui

Per info e abbonamenti:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...