Buona domenica!

“Venne fra i suoi e i suoi non l’hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio”.

Dal Vangelo di Giovanni (Gv 1,1-18)
II DOMENICA DOPO NATALE – Anno C –

 

La parola a…
don Giovanni Berti

Nella mia mente è ancora vivo il ricordo di quando quasi 37 anni fa mi sono trasferito con la mia famiglia nella nuova casa appena costruita a Bussolengo. Avevo circa 6 anni e frequentavo l’ultimo anno della scuola materna. E’ un ricordo più forte nel cuore che nella mente. Ricordo le emozioni più che i fatti.
In tutti gli anni da prete ho cambiato diverse case e sono stato ospite in moltissimi posti diversi, ma quando penso a qual è la mia casa, quella dove ho i ricordi e i legami più forti, è ancora quella di allora.
La propria casa non è solo un tetto e quattro pareti per ripararsi e stare qualche tempo. La propria casa è il luogo che nel corso del tempo amiamo sempre ritornare, e che conserva come in uno scrigno i sentimenti più profondi.
Anche ora che per il ministero sono chiamato ad abitare in case diverse, sento forte l’esigenza di ambientarmi nella casa nuova il prima possibile, facendo di tutto per sentirla casa mia. Come ho detto sopra, non mi basta avere un tetto sopra la testa, ho bisogno di sentirmi a casa, anche se nulla potrà mai sostituire la mia casa materna.
Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi.
Dio ha scelto l’umanità come casa dove abitare.
Non un albergo per starci qualche giorno in fretta e in modo anonimo.
L
’umanità è una casa per Dio, la casa dove si riconosce e dove torna in continuazione per sentirci in pace.
Penso che per Gesù la mia vita è come per me è la mia casa di Bussolengo.
Nel momento che sono entrato nella vita, Gesù, il Verbo di Dio, si è fatto carne ed è venuto ad abitare in me.
Non sono un albergo per Gesù. Non sono uno dei tanti motel anonimi lungo la strada della storia.
Il Vangelo mostra anche il rischio della non-accoglienza. Mi mette in guardia sul pericolo quotidiano di trattare Gesù come ospite di qualche ora ed estraneo, proprio come in una stanza di albergo.
Ma l’accento rimane su questa scelta di Dio di abitare e di non perdere la propria casa in me e in ogni uomo e donna dell’umanità.

 

…e per riflettere puoi scaricare: Perline

Buona domenica è anche una newsletter che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente sulla tua casella di posta elettronica… Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… Scrivi a buonadomenica e la riceverai…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...