Siamo comunità – Buona domenica! – XXIII domenica del Tempo Ordinario – Anno A

«Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». (Mt 18,20) 

C’è una certezza che nasce spontaneamente nel cuore dopo aver letto il Vangelo della XXIII domenica: non siamo soli, siamo comunità. E questo è al tempo stesso consolazione e responsabilità.
Ci è detto in più modi: «Se tuo fratello commetterà una colpa contro di te va’ e ammoniscilo» (Mt 18,15), e ancora «Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io» (Mt 18,20). Il Vangelo sembrerebbe chiaro: l’altro mi è affidato, la sua vita e la sua salvezza sono legate al mio prendermi cura di lui. Ma l’altro è anche un’opportunità. Chiudersi nel proprio mondo, nelle proprie idee, nel proprio modo di pregare e di entrare in relazione con Dio non è sempre garanzia della sua presenza. Invece, basta essere in due a invocarlo, o semplicemente a stare insieme nel suo nome per avere la sicurezza della sua presenza tra noi.
Proviamoci, allora! Tentiamo di costruire non tanto nuove relazioni, ma di vivere ogni relazione in nome suo. E dicendo questo non penso solo alle relazioni interpersonali tra cristiani, ma anche con persone di altre fedi, di altre culture, di altri modi di pensare e vivere. Essere riuniti nel suo nome per ognuno di noi può significare farsi carico dell’altro e del suo mondo, prendersi cura della Terra e di tutto ciò che va custodito, creare nell’incontro con l’altro ponti di dialogo e non trincee violente.
Nessuno dice che sia facile, ma possiamo e dobbiamo provarci: il Vangelo è la nostra forza.
In molti pensano che riunirsi nel nome del Signore sia vedersi per pochi o tanti minuti, recitando una catena ininterrotta di preghiere, al termine delle quali spesso ognuno riprende la sua strada. Momenti molte volte privi di incontro, di ascolto di vita, di accoglienza dell’errore altrui. Siamo certi che sia questo lo stile del Vangelo?

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Seguendoti…

Non siamo soli, Signore.
L’altro con cui mi chiedi di
condividere la Terra
mi è affidato come fratello e sorella.
Insegnami a scoprirlo come
presenza forte nella mia vita;
insegnami a guardarlo con
il tuo stesso sguardo d’amore…
sguardo attento,
che sempre vuole salvare.
Insegnami a costruire incontri
fatti non di parole, anche se pregate,
ma di vita, di condivisione,
di ascolto profondo. Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA  (Mt 18,15-20)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo. In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook, google plus e twitter.

Scarica e condividi la fotopreghiera
Scarica la cover per facebook
Scarica la cover per google plus
Scarica la cover per twitter

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...