“Scrivo a voi giovani”!

“Scrivo a voi, giovani, perchè siete forti”… scriveva molti secoli fa l’apostolo Giovanni; e questa frase mi sta risuonando costantemente nel cuore. Ma purtroppo non riesco a pensare a voi, giovani amici, come a dei forti, come a chi ha conosciuto il Padre-Dio, come a chi ha vinto il Maligno.

Prima di scrivere questa lettera, ci ho pensato e pregato… mi sono chiesta quanto fosse giusto buttarla nel web, senza alcuna forma di mediazione, di ulteriore esplicitazione, di un confronto diretto… ma di fatto so che il web è il mondo che abitate, è il vostro spazio e, spesso, è l’unico mondo in cui riuscite a essere voi stessi.

E allora scrivere, e scrivere una lettera così, è urgente perchè è necessario che voci controcorrente possano risuonare anche lì dove di solito tuonano voci poco rispettose della vostra più intima identità, della vostra crescita, della vostra più preziosa umanità.

Cari amici, chi tra voi mi conosce, sa che non amo molto le mezze misure, sa che apprezzo la trasparenza e la chiarezza su tutti i fronti e allora, sollecitata da tante realtà contingenti, da confidenze di vostri giovani coetanei, da cammini di felicità vera stroncati solo dall’illusione di felicità apparenti e momentanee, decido di mettere mano alla tastiera e far rimbalzare qualcosa che da tanto porto nel cuore e che in certi momenti vorrei poter gridare a pieni polmoni… quando guardo, spesso impotente, molti di voi condannarsi alla morte interiore…

Giovani, ritornate a credere nella vita,
quella vera, quella che non finirà con la morte!

Giovani, imparate il sapore dolce e amaro del desiderio, del non avere tutto e subito. Chiedete, con CORAGGIO, ai vostri genitori di insegnarvi il valore del NO, chiedete loro di non viziarvi, di non concedervi tutto perchè quello che oggi vi sembra vincente, nel tempo vi renderà delle pappe molli incapaci di reggere l’urto che la vita, con le sue leggi, prima o poi causerà. SMETTETE di pretendere che tutto sia come  voi volete… potete illudervi di condizionare il piccolo mondo che vi circonda, potete, se avete un carettere forte, dominare sulle coscienze dei vostri amici… ma non illudetevi, non dominerete mai il mondo, nè il tempo, nè la vita…

E allora siate furbi, siate intelligenti, partite per tempo, imparate a vivere, ma non usurpando le coscienze, non costruendovi un mondo, delle relazioni, delle amicizie a vostra misura, perchè la misura di un uomo sarà sempre e comunque piccola.

  1. Alzate lo sguardo, guardate l’orizzonte, quello infinito!!
  2. Aprite le finestre della vostra coscienza e non abbiate paura della luce
  3. Non mentite, non costruite amicizie, mentendo a voi stessi e all’altro
  4. Puntate in alto
  5. Imparate il gusto del sacrificio
  6. Attendente
  7. Non mollate quando la strada si fa dura

Ho conosciuto persone, giovani e non solo, che hanno scelto di smettere… smettere cosa?
Smettere di camminare nella verità, di nutrirsi di confronti veri, fatti anche di scontro e di disapprovazione. Ho visto giovani, e non solo, scegliere relazioni di comodo dettate solo dalla voglia di stare bene… di sentirsi appagati…

Ho visto e vedo chi manipola anche l’affettività altrui, pur di far godere la propria…

C’è chi vi fa credere che quello che sentite sia la verità, che l’emozione vi possa governare e vi possa guidare in ogni scelta, che ogni cosa, e la vita stessa, debba essere costruita in funzione di ciò che vi fa sentire vincenti.
E allora accomodiamoci: la sessualità per esempio… “Beh dipende: uomo o donna fa lo stesso! Hai paura di stare con un uomo, beh che ti crei pippe mentali?! Stai con una donna… in fondo è anche fashion… il mondo non si stupirebbe più, o almeno, non più di tanto”. Film, pubblicità, reality, canzoni, news, opinionisti, ve lo fanno credere, no? E infondo non siete pochi a credeci… e non parlo per teorie.

“Non, sr. Ma’… non è così!”. Giusto, chiedo umilmente scusa… perchè effettivamente se vi piace l’altro sesso la situazione si ribalta, ma il risutlato no: “Ci sto perchè mi piace”; “Ci siamo lasciati, non so… mi ha deluso… e poi non lo amo più!” o ancora: “Scusa suor, che c’è di male, ci amiamo”… ok ma per quanto vi amerete? E poi? Ci riprovate? Con altri?

E vi chiedeo: “Esiste forse un cammino di crescita nell’identità sessuale? Nello scoprirsi uomini e donne?” No!!! Non esiste!!! Ha ragione chi dice che siete ciò che sentite… ha ragione chi dice che sono le vostre emozioni a rivelarvi la vostra identità… però se scegliete questa linea, il consiglio che vi do è quello che farvi trapiantare la ragione, anzi di farvela estirpare, perchè prima o poi la ragione si sveglia, interpellerà la coscienza e le cose inizieranno a non funzionare più come i tanti “Grande fratello” o “Amici” o “Uomini e donne” vi hanno insegnato…

Ma quello che ho appena detto rispetto alla sfera sessuale lo potrei dire per tante altre cose…
Dove siete quando si tratta di vivere e di decidere chi essere? Quanto siete in grado di sostenere la solitudine, la paura, il buio, la noia… qual è il segreto della felicità? Siamo proprio sicuri di poterlo trovare nelle tantissime forme di ecstasy che ogni giorno il mondo dei media ci propone? Tutto finisce, ogni rave party finisce… ogni sballo deve mettere, prima o poi, un punto! Ogni forma di stordimento dell’anima finirà… e vi lascerà soli davanti al foglio bianco che la vita vi chiederà di scrivere…

Dove siete, ragazzi? E dove state andando?
Chi sono gli altri per voi? Cari ragazzi! E chi siete voi per voi stessi?

Il mondo non è in funzione dei vostri bisogni, anche se mamma e papà continuano a realizzare i vostri desideri da 20enni adolescenti o da 30enni non ancora adulti. Il mondo non girerà mai al ritmo delle vostre emozioni, anche se la vostra amica o amico del cuore, non ha il coraggio di contraddirvi mai, e vi giustifica sempre e voi valutate i buoni e i cattivi in forza di chi vi fa stare bene…

Tutto questo, silenziosamente vi indebolisce… vi rende incapaci di resistere, di prendere di petto la vita, di scegliere, di andare fino in fondo, di mettere il cuore in tutto ciò che fate, di scegliere una strada e accettarne tutte le conseguenze.

Coraggio, cari Giovani!
Siete più grandi del mondo che gli altri vi stanno presentando.

Energia, passione, amore, sogni, futuro, perseveranza determinazione… tutto questo vi vive dentro… non lasciatevi uccidere da chi vi presenta l’orizzonte lontano come un’utopia e vi insegna a guardare il vostro ombellico come unico punto di orientamento…

Credete! Credete in voi stessi e trattate l’altro come ALTRO
che vive ed esiste nella sua singolarità.

E se potete… ricominciate a credete in un Oltre che questa storia ha cancellato dal vostro cuore. La stessa energia che vive in voi, ed eccede il vostro micro-mondo, vive anche nell’universo ed eccede l’universo stesso. In questo Oltre a cui, per fede, diamo un nome, ricominciate a credere… vi ricondurrà al centro di voi stessi, vi aiuterà a sentire quanta vita scorre dentro, vi permetterà di scoprire una luce infinita che vive nel cuore di ognuno di voi e in ogni Altro che vi si avvicina.

Buon tutto, cari giovani amici…e sia la vostra vita, VITA!!!!

Suor Mariangela, fsp

PS. Se qualcuno vorrà obiettare, scrivere o riflettere ad alta voce, i commenti o il contatto privato via mail è a vostra disposizione.

15 pensieri su ““Scrivo a voi giovani”!”

  1. Domenico Scotto di Fasano scrive:

    “GIOVANI”

    PASSIONE, LEALTA’, GRINTA

    erano i nostri punti di forza!!!

    Si, erano, ora li abbiamo sostituiti con :

    ARRIVISMO, SLEALTA’ , SFIDUCIA.

    NO….., io non ci sto’!!!!!!

    Perchè !!!!, dobbiamo essere sempre

    quelli che vedono il bicchiere mezzo vuoto?

    Basta!!!, siamo diventati tutti”PEZZOTTI”!!!

    Si, pezzotti di un sistema che ci vuole cosi’.

    Se non siamo amici di……, non siamo nessuno!!!

    Se no vestiamo così….., non siamo nessuno!!!

    Se no beviamo ….., tanto e non fa nulla che

    cosa è,non sappiamo piu’ sorridere!!!

    Se no giochiamo …, la fortuna non ci sorride!!!

    Se non fumiamo…, siamo scemi!!!

    Se andiamo in chiesa …, siamo mezzi matti!!!

    BASTA!!!,

    Rivoluzioniamo il sistema, impariamo prima noi

    ad essere PERSONALIZZATI!!!!

    Si , ogni uno di noi ha la sua personalità,

    il suo colore dei capelli,la sua faccia,il suo

    modo di vestire,agire e fare!!!

    Perchè dobbiamo conformarci alla massa?

    Perchè dobbiamo diventare SCHIAVI di un

    padrone che non ci vuole liberi, ma SERVI!!!

    Prima ci buttano lo stelco addosso e poi

    ci vorrebbero profumati!!!

    Giovani siamo il futuro del mondo, non

    facciamoci manomettere e usare come

    marionette.

    Usiamo la testa, sviluppiamo la coscienza e

    accresciamo la sapienza!!!

    LA VERA LIBERTA’ è quella che nasce

    da comprendere i propri errori e modificarli

    per aiutare gli altri!!!

    Finchè ne abbiamo forza,GRIDIAMOLO SEMPRE!!!:

    ” NOI GIOVANI SIAMO IL SALE DEL MONDO”

    Ce l’ha possiamo fare!!!

    Ci crediamo!!!

    E voi che ci giudicate solo!!!!, non siete stati

    giovani????

    Allora???

    Dateci una mano, invece di aprire solo la bocca!!!

    FATECI VEDERE ESEMPI DI VITA CHE VALGA LA PENA

    DI SEGUIRE!!!!

    .

  2. Grazie è un’analisi molto vera ed drammatica dei giovani. Noi educatori cristiani non smettiamo mai di portare avanti una sana e coerente Vita in nome di Gesù. E’ importante che i ragazzi diano un forte senso alla loro vita, vivono imprigionati nel presente e con indifferenza e superficialità affrontano la quotidianità. Suor Mariangela sei sempre nei nostri cuori

  3. Ebbene si, DOVE SIAMO? DOVE STIAMO ANDANDO?
    Non ci avevo mai pensato prima a queste domande. Sono le due che mi hanno maggiormente coinvolta. Grazie per avermi aiutata a comprendere che il Mondo non è in funzione dei nostri beni. Non voglio rendermi incapace di resistere, non voglio sentirmi debole, non voglio non essere in grado di prendere di petto la vita.
    Suppongo mi aiuteranno molto queste due domande, nel momento di difficoltà saranno questi interrogativi a farmi riprendere, a non buttarmi giù. Dove sono? Dove sto andando?
    Niente e nessuno mi farà mollare quando la strada si farà dura.
    Stampare questa riflessione e la terrò con me. Magistra vitae.
    Grazie ancora! Un abbraccio🙂

  4. non mi sento di dire nulla leggendo queste bellissime e forti parole.. ma solo un Grazie.. perchè questi pochi minuti hanno colpito nel mio cuore… !!

  5. Mi sono imbattuta per caso in questa lettera: è bellissima! Mi ha colpito molto. Mi sono ritrovata in quell’impegno, che ai più oggi risulta incomprensibile, dello stile di vita a cui tu richiami, suor Mariangela. Personalmente, nel mio cammino ho avvertito che iniziavo a crescere proprio quando riuscivo a non lasciarmi dominare dalle emozioni o dai sentimenti fugaci ma mi sforzavo di costruire la mia vita su qualcosa che fosse “di più”. Questo mi ha aiutato a sollevarmi dalle mie fragilità, pur non cancellandole, a sintonizzare le scelte della vita non con il “cuore” (nella banalizzazione con cui oggi lo si intende) ma con la coscienza e la fede, imparando a fissare lo sguardo non sull’io ma su Dio, non su ciò che passa, e passando destabilizza, ma su ciò che resta e che sarà. E’ un cammino che non finisce mai…ma ci rinnova sempre nella bellezza! Certo, così è più difficile trovare dei modelli di riferimento perchè il mondo oggi va in tutt’altra direzione, ma non è impossibile: semplicemente la “selezione” è più accurata. Ma forse è questo che significa “puntare in alto”…no? Quindi grazie a te: questo tuo articolo scritto così, “di getto”, è per me una preziosa conferma =) Ciao!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...