RAGAZZI & DINTORNI – Aprile 2011 – Timore di Dio

COME TERRA BUONA

di Alessandra Beltrami

All’interno dell’articolo una proposta di celebrazione sul dono del “Timor di Dio” da proporre ai ragazzi.
Al centro della stanza dove si svolge l’incontro, sul tavolo o su un leggio, si pone il libro della Bibbia, con accanto un cero acceso e un cestino.
Si predispone un cartellone con, al centro, un disegno o un’immagine di Gesù, e dei pennarelli colorati. Si comincia l’incontro introducendo il significato del dono: lo Spirito Santo, con i suoi molteplici doni, allarga il cuore a una nuova conoscenza di Dio e del suo amore. Ci fa anche scoprire che siamo «piccoli» dinanzi alla grandezza di Dio. Con il dono del timore di Dio, egli agisce in noi, generando un sentimento di gratitudine e di rispetto verso il Padre; questa inclinazione nulla ha a che vedere con «la paura di Dio». Aprendoci all’azione dello Spirito, ci affideremo alla potenza della parola del Signore, abbandonando ogni atteggiamento di orgoglio e di presunzione.
Si prosegue con un canto utile a creare un clima di raccoglimento e di invocazione allo Spirito Santo.
A questo punto si procede con la condivisione in gruppo e con un gesto: ogni ragazzo, per esprimere un sentimento di fiducia o di affidamento al Signore, è invitato a scegliere un oggetto che gli appartiene e a deporlo nel cestino, accanto alla Bibbia, motivando la scelta. Può deporre un paio di occhiali, nel desiderio di vedere la realtà, i bisogni degli altri, con gli occhi di Dio; un orologio, per indicare che vuole dedicare tempo alla preghiera ogni giorno; un giornale, per impegnarsi nel quotidiano con gesti di carità; una penna, per affidarsi al Signore perché scriva il suo amore nella sua vita; una sciarpa, per mettersi sotto le ali di Dio; oppure un piccolo gioiello, per scegliere Dio come unica ricchezza.
Il catechista spiega il significato del gesto che rappresenta l’«offerta di qualcosa di noi», che ci fa diventare terreno adatto ad ascoltare e accogliere la Parola che sarà seminata in noi attraverso l’ascolto della Parola contenuta nel Vangelo di Matteo 6,25-34.
A questo punto il catechista approfondisce quanto proclamato e spiega ai ragazzi il senso del momento successivo: il nostro cuore, nutrito dalla parola di Dio e animato dallo Spirito del timore, è ora pronto ad affidarsi umilmente a lui e a riconoscere la sua costante presenza nella storia e nella vita di ciascuno di noi. Forti di questa scoperta, possiamo esprimere, con gioia, la nostra adesione a lui e il desiderio di seguire Gesù, apponendo il nostro nome sul cartellone vicino all’immagine di Gesù.
Dopo un tempo di silenzio i ragazzi scrivono il proprio nome sul cartellone, uno per volta, mantenendo un clima di silenzio e di preghiera. Al termine, si prega, a cori alterni, il salmo 103.
Si conclude questo momento di preghiera con un canto finale dopo aver pregato la Supplica allo Spirito Santo qui proposta:


Vieni, Spirito Santo, e suscita
una nuova Pentecoste nella
tua Chiesa! Scendi su tutte le
persone e su tutti i popoli del mondo.
Purificaci dal peccato e liberaci da ogni inganno
e da ogni male! Infiammaci con il tuo fuoco
di amore! Insegnaci a capire che Dio è tutto:
tutta la nostra felicità e la nostra gioia. Vieni a
noi, Spirito Santo, e trasformaci, salvaci, riconciliaci,
uniscici. Insegnaci ad essere totalmente di
Cristo, totalmente tuoi, totalmente di Dio Padre.
Te lo chiediamo per l’intercessione della beata
Vergine Maria, Madre di Gesù, Madre nostra e
Regina della pace. Amen.

Questo e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi sul numero di Aprile dell’inserto Ragazzi & Dintorni dossier mensile di Catechisti Parrocchiali.

Per vedere il sommario di Ragazzi & Dintorni clicca qui

Per info e abbonamenti:


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...