La fiducia – alias “Dio ma che lingua parli?”/4

Il 23 e 24 gennaio 2010, presso la comunità delle Figlie di San Paolo di Salerno c’è stato il quarto incontro di formazione e spiritualità per giovani dal tema: Dio ma che lingua parli?.

Per me è stata la prima volta…Appena arrivata sono stata travolta dall’incontro con le meravigliose suore ed i ragazzi ed ho subito sentito una grande forza dentro me. Tutto è cominciato il sabato sera con la visione di un film, Kung Fu Panda, seguito da un intenso momento di riflessione, guidato in maniera eccezionale da suor Mariangela, che ci ha introdotto al tema di questo incontro: la FIDUCIA. La fiducia in noi stessi, negli altri e quindi in  Dio.
Domenica è stata un’altra giornata emozionante dove abbiamo approfondito il brano del Vangelo di Matteo (14,22-32). Tutto questo ci ha portati inevitabilmente a porci degli interrogativi: quanto realmente e concretamente ci fidiamo di Gesù? La paura, se pur legittima, può allontanarci da Dio?
Posso dire che dopo questo incontro mi sento rinvigorita nello spirito e ancora una volta ho constatato il benessere del cuore quando la Parola del Signore si fa viva in me. Ringrazio tantissimo tutti per avermi permesso di condividere questi momenti che sicuramente ho voglia di rivivere.

Marilena – Nocera Inferiore (SA)

 

Domenica 24, inoltre, durante la S. Messa del pomeriggio Maria Chiara è diventata una GEP…

(Foto 1) Nel momento dell’impegno preso davanti alla comunità delle Figlie di San Paolo di Salerno
(Foto 2) Maria Chiara con la Superiora della comunità
(Foto 3)Con alcuni degli altri GEP

 

«Fidarsi degli altri, fidarsi di noi stessi, fidarsi di Dio… E’ un dinamismo, e i rapporti costruiscono e investono fiducia. Domenica matina abbiamo approfondito questo tema soprattutto in relazione con Dio e ci siamo soffermati sul brano biblico di Matteo (14,22-29), un esempio di “Vangelo della fiducia”. L’episodio riguarda un po’ tutti noi che, come Pietro, all’inizio siamo fiduciosi, ma poi veniamo afflitti dal vento e dalle onde, dalla paura e dallo scoraggiamento, e cominciamo ad affondare. Spesso siamo uomini di poca fede. Ma Gesù tende la mano e ci afferra, portandoci in salvo. Possiamo allora credere in un Dio che ha fiducia in noi, che ci conosce in tutto ciò che siamo, che riconosce anche le nostre paure, e che vuole dirci: “Io sono con voi e lo sarò sempre!”. La S. Messa celebrata nel pomeriggio per me è stata ancora più speciale, perché sono diventata una G.E.P (Giovani evangelizzatori Paolini)! L’emozione era fortissima mentre pronunciavo il mio “impegno” e gli altri GEP lo rinnovavano!
E ora, tornata a casa, a scuola, tra gli amici e le altre attività, guardo tutto con occhi diversi… con gli occhi di un GEP!».

Maria Chiara – Puglietta (SA)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...