Buona domenica!

Padre di immensa gloria,
tu hai consacrato con potenza di Spirito Santo
il tuo Verbo fatto uomo,
e lo hai stabilito luce del mondo
e alleanza di pace per tutti i popoli,
concedi a noi che oggi celebriamo
il mistero del suo Battesimo nel Giordano,
di vivere come fedeli imitatori del tuo Figlio prediletto,
in cui il tuo amore si compiace.

Colletta
FESTA DEL BATTESIMO DEL SIGNORE -Anno C-

 

La parola a…
don Tonino Lasconi

Il parallelo tra il battesimo di Gesù e il nostro battesimo di per sé non è esatto. Noi infatti siamo battezzati (immersi) nella morte e nella risurrezione di Gesù, non nel Giordano. Però il nome stesso della Festa spinge inevitabilmente a riflettere sul nostro Battesimo. Esso infatti ci impegna a vivere la stessa vita di Gesù, iniziata proprio sulle rive del Giordano.

Vivere la stessa vita di Gesù. Cosa significa in pratica?
Ce lo rivela l’evangelista Luca con il suo racconto. Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera. La preghiera è dialogo con Dio. Gesù quindi sta dialogando con il Padre, e il Padre gli risponde. Il cielo si aprì e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo.
Questa è la risposta del Padre: “Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento”.
Noi possiamo tradurre: “Tu sei il figlio che amo, perché corrispondi ai miei desideri, perché non mi deludi”.
Vivere l’essere battezzati in Gesù significa decidere di essere figli di Dio e di vivere come tali, cioè corrispondere ai suoi desideri, non deluderlo.
Come vive Gesù per essere amato da Dio? Il Figlio amato inizia a percorrere le vie della Palestina testimoniando che Dio è un pastore buono, che porta gli agnellini sul petto e conduce dolcemente le pecore madri; rendendo manifesta la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà, confidando non in opere giuste da noi compiute, ma per la sua misericordia.
Il battesimo non ci chiede di creare dei parchi naturali, delle zone protette, delle oasi nelle quali rifugiarci ogni tanto, lasciando la vita. Ci chiede di vivere la vita come Gesù.
Ce l’abbiamo il tempo per la famiglia?. Sì. Viviamo la famiglia come Gesù.
Ce l’abbiamo il tempo per il lavoro e lo studio? Certo.
Viviamo il lavoro e lo studio come Gesù.
Ce l’abbiamo il tempo per gli amici, per i parenti, per le relazioni sociali? Per forza!. Viviamo l’amicizia, le relazioni sociali, gli svaghi come Gesù.
Questo significa essere battezzati in Gesù.
Questo significa piacere a Dio.

 

…e per riflettere puoi scaricare: Cooperazione

Buona domenica è anche una newslettere che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente nella tua cesella di posta elettronica… Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… Scrivi a buonadomenica  e la riceverai…

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...