Ricevete lo Spirito – BUONA DOMENICA! Solennità di Pentecoste – ANNO A

Sono trascorsi ben 50 giorni dalla Pasqua: è Pentecoste!
Eppure l’evangelista Giovanni abbrevia i tempi. Nel suo racconto evangelico Gesù soffia sui suoi lo Spirito Santo la sera di quello stesso giorno! Proprio di quello stesso nuovo giorno in cui Dio Padre lo ha risuscitato. Lo stesso giorno in cui la terra ha assistito stupefatta alla risurrezione. Lo stesso giorno in cui, per la prima volta, alla morte è stata strappata una vita, la Vita. Non perdete tempo a chiedere chi abbia ragione. Se Luca con i suoi 50 giorni o Giovanni con «lo stesso giorno». Non ci sono diari di bordo originali da consultare. C’è semplicemente un senso da capire. È questo che interessa a Giovanni. Perché è proprio Giovanni che ci ha raccontato come nella crocifissione, Gesù dopo aver chinato la testa abbia effuso il suo Spirito. È Giovanni che ci ha fatto sentire più volte dalle labbra di Gesù quanto sarebbe stato necessario il suo ritornare al Padre perché su di noi fosse effuso il dono dei doni: lo Spirito Santo, lo Spirito di Dio. E non «di Dio» perché appartenente a Dio. Quasi fosse un dono concesso per bontà… un’orpello del suo grande amore.

Lo Spirito di Dio che su di noi sarebbe stato effuso, è lo Spirito che è Dio. Il dono pieno della vita di Gesù si compie in questo atto definitivo: renderci capaci di essere abitati dallo Spirito di Dio, da Dio, dalla sua pienezza d’amore, dalla sua pienezza di vita. Non so come questa immensa verità non ci mozzi il fiato. Non so come riusciamo a continuare a vivere con la solita mediocrità e superficialità, sapendo chi siamo e che cosa ci è stato donato.
Noi possiamo vivere da credenti, essere testimoni dell’amore, credere nella risurrezione perché in noi vive lo stesso Spirito di Dio. Per questo noi possiamo ricostruire, possiamo perdonare, possiamo ricominciare, possiamo far vivere.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Il tuo Spirito, Signore, su di noi

Soffia su di noi, Signore risorto!
Soffia su di noi il tuo potente Spirito.
Spirito di vita, che fa scaturire il nuovo dalla morte.
Spirito di luce, che dissolve le tenebre più cupe.
Spirito d’amore, che rinnova gli abissi.

Soffia su di noi il tuo Spirito, Signore risorto,
perché in noi la vita danzi, sempre;
perché in noi il deserto fiorisca, ogni giorno;
perché in noi la pace germogli e si offra,
zampillando come acqua da sorgente.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Gv 20,19-23).

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.


Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

Liturgia completa su >>> CLICCA QUI

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Un canto per riflettere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.