Tra note e realtà – L’abitudine

Tu, per quello che mi dai, quell’emozione in più,
ad ogni tua parola…

Perché la solitudine che non sorride mai,
diventa l’abitudine e non la scelta che tu fai…
La vita può sorprenderti in tutto quel che fa

e dove non lo immagini incontri la felicità.
E sono qui con te. E non ti lascerò
ti chiedo di fermarti qui
e stare insieme a te…

Tu, che sei vicino a me, (così vicino a me)
che sei parte di me (così dentro di te)
come una sensazione…
sei le parole e la musica

per una nuova canzone…
Per quello che tu sai (e lo sai…)
Per quello che mi dai (anche tu…)
Per un amore semplice ma grande più che mai.

(A.Bocelli – L’abitudine)


Febbraio…
mese degli innamorati!Ormai è un classico!

Verona: Romeo e Giulietta e il loro amore eterno.
Terni: San Valentino e la sua speciale predilezione per gli innamorati.
Perugina: fabbriche iper-attive per la produzione degli ancora più classici: “Baci” o “Bacetti”… dipende dall’intensità e dalla frase.

Tu e Io: l’eterno alternarsi di due piccolissimi pronomi che, consentitemelo, fanno la differenza…
…e la fanno sempre!
Negli incontri, nelle relazioni, in amore.
Ma quale amore? Amore da chi e amore per chi?
L’amore non è mai anonimo, nasce sempre da una persona unica e irripetibile che ama, che fa di se stessa un dono, che si apre al mistero di un incontro, che lascia entrare dentro di sé l’altro nella sua totalità e nel suo limite. Amore… meraviglioso incontro di due misteri e di due libertà… di due verità che fino a ieri non si conoscevano.

Se questo è Amore, perché la solitudine?
Buona la domanda! E se si rispondesse che è necessaria?!
Mi dareste torto oppure, spero, mi chiedereste il perché.
La solitudine non ti sorride mai, ti chiude, ti rende arido se la subisci, se tenti disperatamente di fartene una ragione, se non la scegli, se le permetti di diventare un’abitudine, ma la solitudine ha la potenza misteriosa e segreta di aprirti alla vita, di renderti forte.
La solitudine o forse la solitarietà (e non è un errore) è la tua possibilità di diventare persona, è il tuo ponte verso l’altro, è dimostrare a te stesso che nel flusso di un mondo che corre tu sai stare in piedi, scegliere se camminare o fermarti.

Vivila! Cogliene l’attimo e la preziosità; sia ponte verso il futuro e mai rimpianto per il passato.
Ma soli per sempre? Soli… da soli?
No, mai! Soli, con l’aiuto degli altri perché sono proprio loro ad arricchirci, specchio delle nostre stesse ricchezze.
Soli, solo per essere più liberi (interiormente) di incontrare l’altro, di lasciarci toccare profondamente dall’altro. Da un Altro che ha un volto e un nome, una storia e una libertà. Da un Altro che sta per diventare la mia stessa storia e la mia stessa libertà.
E’ l’amore. Né io e né tu siamo la stessa cosa. Siamo creature nuove, pronte a generare amore per sempre e per tutti.

…Se puoi agisci, scegli e vivi in modo tale che l’altro senta sempre di essere amato… con o senza “Baci”.

di suor Mariangela fsp

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...