Andate e… – BUONA DOMENICA! XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

I settantadue, il regno dei cieli, i pochi operai, la preghiera, l’essenzialità, la determinazione, la gioia. Sono solo alcuni degli elementi che compongono il Vangelo che la XIV domenica del Tempo Ordinario ci dona, ma sono essenziali per entrare nel cuore dell’esperienza dei discepoli.
Il grande viaggio di Gesù verso Gerusalemme è iniziato, e con il suo è iniziato anche il cammino dei discepoli verso la comprensione più autentica del Maestro, delle sue parole e di quel Regno di cui lui parla e che ora anch’essi iniziano ad annunciare.
Ogni viaggio porta con sé precarietà e incertezze, e la prima è chiara anche allo stesso Gesù: messe abbondante, operai pochi; donne e uomini pronti per ricevere l’annuncio del Regno, annunciatori pochi, e da quel che sappiamo, anche un po’ sempliciotti (almeno i dodici più famosi). Ma una messe pronta non può aspettare! Donne e uomini capaci di Dio non possono aspettare!
Armati di un prezioso senso di impotenza, indifesi come agnelli tra lupi, audacemente coscienti di poter essere respinti, forti solo di aver scoperto il segreto della pace e di volerlo condividere, così partono i discepoli, e vanno lì dove la storia li porta. Non ci sono percorsi scelti o preferiti. A spalancare le strade dell’annuncio ci pensano gli eventi, quelle situazioni ordinarie che sono il luogo per eccellenza dentro il quale il regno di Dio accade, si realizza, dona senso alla storia. Luogo così lontano dai nostri progetti pastorali, dalle nostre scelte ponderate, da quei destinatari privilegiati così ben puntualizzati nelle nostre scelte apostoliche!
Gesù dice: «Andate… e non portate… Andate, e dite: “Pace a questa casa!”… Andate, e dite: “È vicino a voi il regno di Dio!”». E lo dice a noi, oggi, perché noi non siamo diversi da quei settantadue. Lo ripete oggi in questa concreta situazione storica. Ce lo dice sapendo quanto sia difficile andare…
Andare… Perché solo oltre le nostre paure e resistenze c’è la gioia. Perché solo nell’affidarti puoi alzare gli occhi e scoprire il tuo nome inciso nei cieli.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Come agnello tra i lupi

Come agnelli tra lupi, a mani vuote
e avendo solo te come unica sicurezza,
così, Signore, insegnaci a stare,
ad andare, a restare.

Gli eventi che ogni giorno ci sorprendono,
l’inaspettato cambio di passo della nostra vita,
un incontro che non avremmo immaginato…
questa sia la casa nella quale entrare
per annunciare pace, la tua pace, Dio della vita,
quella pace che è compiersi sorprendente
del tuo regno in noi. Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Lc 10,1-12.17-20)

La messe è abbondante,
ma sono pochi gli operai

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città».
I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».

Liturgia completa su >>> CLICCA QUI

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

I nostri social:

Classificazione: 5 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.