Noi crediamo in te! – BUONA DOMENICA! IV DI QUARESIMA – ANNO A

« Andò, si lavò e tornò che ci vedeva». Gv 9,7

In molti, da Nord a Sud, siamo accomunati da uno stesso digiuno… Un digiuno forzato, che mai avremmo pensato potesse caratterizzare la nostra quaresima: il digiuno eucaristico. Eppure al di là della nostra nostalgia, della nostra amarezza, con noi o senza di noi, con la nostra consapevolezza o nella nostra distrazione, la luce continua a splendere e a noi tocca non sprecarla.
Non siamo soli: Dio continua a raggiungerci con la sua Parola, vera e propria mensa alla quale sfamarsi. Ed è così che anche oggi, anche privati del dono eucaristico, possiamo decidere se consentire al Signore di illuminare la nostra vita.
Proprio come il cieco di cui il Vangelo ci parla, ci ritroviamo ciechi e disorientati. Anche in noi lo spettro di quella domanda: «Che male abbiamo fatto per meritare questo castigo? Chi ha peccato?».
Eppure anche per noi la stessa risposta: qui, ora, in questa fragilità, in questa impotenza, in questo buio, possono manifestarsi le opere di Dio. Possono… ma non si manifestano senza di noi.
Abbiamo bisogno di guardare questo momento storico con gli occhi della fede.
Abbiamo bisogno di ricevere dal Signore quella luce che ci permetta di scoprire dove Dio ci sta accompagnando.
Abbiamo bisogno di ascoltare come ci stia chiedendo di vivere.

Ma non possiamo farlo senza di lui.
E allora chiediamoglielo. Chiediamogli luce, chiediamo che questo momento duro sia solo del fango che la sua grazia laverà da questa nostra storia personale e comunitaria. Chiediamogli di scoprire nel buio gli sprazzi luminosi della sua presenza.
A noi è chiesta solo una parola, la risposta a una domanda: «Credi tu nel Figlio dell’uomo? Credi in Colui che per te ha donato tutto? Credi in Colui che si è fatto carne per salvare la tua carne?».

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Apri i nostri occhi

Scarica la preghiera

Signore Gesù, luce del mondo,
i nostri occhi sono annebbiati,
gli occhi del nostro cuore sono incapaci
di vedere oltre questi giorni difficili e dolorosi.
Splendi per noi, splendi su di noi.
Splenda la luce della tua Parola
nelle nostre case.

Tu, luce del mondo, liberaci da ogni tenebra,
ridonaci la luce, riconsegnaci alla luce.
Noi crediamo in te, Signore.
Noi sappiamo di essere custoditi dalle tue mani:
a te, Signore, noi ci affidiamo. Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Gv 9,1-41. Di seguito la Forma breve:  Gv 9, 1.6-9.13-17.34-38).

In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita; sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va’ a lavarti nella piscina di Sìloe», che significa “Inviato”. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: «Non è lui quello che stava seduto a chiedere l’elemosina?». Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma è uno che gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!».
Condussero dai farisei quello che era stato cieco: era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: «Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo». Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest’uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato». Altri invece dicevano: «Come può un peccatore compiere segni di questo genere?». E c’era dissenso tra loro. Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?». Egli rispose: «È un profeta!». Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori.


Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell’uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui.

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.