ECCOMI! – BUONA DOMENICA! I AVVENTO – ANNO A

«Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». Lc 1,28

Eccomi!
Non è propriamente la prima parola che ci viene in mente di fronte a proposte fuori dalle nostre logiche. Di solito quando qualcosa va oltre i nostri piani, la prima parola che ci viene in mente è: «Perché?», «Perché proprio a me?». E quell’eccomi si trasforma in una delle più impronunciabili parole. O almeno delle più difficili.
E invece, quanto è bella, Maria! Bella per la sua spontaneità. Bella per la sua immediatezza. Forse perché da giovani si è un po’ così… capaci di osare, capaci di affidarsi, capaci di sfidare l’impossibile. Eppure non c’è ingenuità in lei, anzi. Quella domanda – «Come avverrà questo, perché non conosco uomo?» – fa venir fuori tutto lo spessore di una donna adulta, matura, concreta.
Quello che i suoi orecchi avevano sentito poteva essere ben definito folle. E forse noi, come altri nella Bibbia, avrebbero risposto al messaggero di Dio con un sorriso… un sorriso bonario.
Ma lei no. Di fronte all’impossibile ha chiesto che le si indicassero le vie. Lei ha avuto l’ardire di chiedere a Dio quali strade intraprendere, come affrontare l’impossibile, come diventare strumento di qualcosa che per qualsiasi altra persona sulla faccia della terra sarebbe stato illogico, assurdo, visionario, folle.
E Dio, come sempre accade in questi casi, si scioglie. Lei chiede, e lui non perde tempo: risponde. E risponde indicando orizzonti immensi, anzi impensabili; mostrando cose che mai nessuno avrebbe potuto neppure immaginare; rendendo realtà una promessa.
Dio si fa carne. Il Creatore si fa creatura. E tutto questo grazie a un piccolo e anonimo sì.
E siccome Maria è una di noi… allora, è credibile che anche il nostro sì permetta a Dio di generare ancora novità impensabili, inaudite, impossibili.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Siamo pronti, Signore, vieni!

Maria, madre del «Sì», donna dell’«eccomi», 
prendici per mano e accompagnaci
lungo le vie dell’impossibile che Dio oggi
ci chiede di percorrere.
Rendi i nostri occhi trasparenti come i tuoi;
il nostro sguardo, lungimirante come il tuo;
i nostri progetti, capaci di accogliere Dio;
la nostra vita, aperta all’incredibile
che Dio continua a proporci.
Maria, madre di Dio e madre nostra,
chiedi per noi il coraggio di vivere all’altezza di Dio,
dei suoi progetti, dei suoi sogni di futuro!
Vieni, Signore e spalancaci a te.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Lc 1,26-38)

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.