risuscitare fano

Vedere è amare – Buona domenica! – X Domenica Tempo Ordinario – anno C

«Ragazzo, dico a te, àlzati!». Lc 7,14 

Vedere, questa è una delle capacità di Gesù che ogni volta mi sconvolge e coinvolge, portandomi fuori dai miei piccoli e personali problemi di ogni giorno.
Gesù, pur accerchiato da discepoli e folle, riesce sempre a vedere oltre, a spingere il suo sguardo lì dove gli altri sono troppo distratti per vedere e accorgersi degli altri, delle loro lacrime o della loro gioia.aiutare
Gesù vede, anche questa volta, come sempre; vede e si commuove. Tutto di lui si contorce; le sue viscere, come fossero quelle di una madre per le lacrime del figlio, si commuovono, soffrono. Ve lo confesso sinceramente: questo di lui è ciò che mi sconvolge… Molto più di mille miracoli. Perché questo mi tocca, mi mette in questione, mi interpella. Ed è in fondo proprio questo, oggi, il miracolo di cui il mondo ha più bisogno: sapere che esistono persone capaci di guardare oltre i loro personali progetti e problemi; persone che, Immigrazione: arrivata nave con 294 profughi a Tarantoguardando, sappiano accorgersi e commuoversi per gli altri; persone che sappiano avvicinarsi agli altri, facendo proprie le loro sofferenze e gioie, le speranze e attese; persone che con la loro vita diventino portatori e costruttori del regno dei cieli, quel Regno in cui tutti sono amati e capaci di amore.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Signore Gesù,
sei tra noi come vita di Dio,
risplendi e doni salvezza,
ti avvicini a noi e doni luce.
Non stancarti della nostra stanchezza;
non lasciarci quando preferiamo altri a te;
non abbandonarci in balia di noi stessi.
Signore della vita,
risvegliarci dalle tante forme di morte interiore,
sollevaci dalle mille cadute,
spezza i blocchi che ci legano a noi stessi.
Gesù, Signore della vita,
riaprici alla vita: vita piena e capace di dono.
Amen.

26_Allenarsi Misericordi X TO
Scarica l’esercizio

ALLENIAMOCI IN MISERICORDIA

Come Gesù, alleniamoci ad accorgerci di chi ci vive accanto: del suo dolore, delle sue lacrime, del suo bisogno di amore.

DAL VANGELO della domenica [Lc 7,11-17]

In quel tempo, Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla.risuscitare fano
Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei.
Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre.
Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo».
Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.

La PREGHIERA  in un formato da scaricare e condividere sui social e la fotocopertina per facebook

X TO
Scarica la fotopreghiera
X TO_google
Scarica la cover per google plus
X TO_twitter
Scarica la cover per twitter
X TO_COVER FB
Scarica la cover per facebook

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...