CATECHISTI PARROCCHIALI – Maggio 2011: Testimoni nell’era digitale

È TEMPO DI BILANCI

di Franca Feliziani Kannheiser

Nel percorso di un anno catechistico non può mancare il momento del bilancio per ripercorrere con i fanciulli, attraverso la conversazione, il racconto o il disegno, i momenti più significativi del tempo che si è condiviso. Non deve essere «una verifica di tipo scolastico» di ciò che il fanciullo ha appreso, ma piuttosto la memoria e la narrazione gioiosa di un viaggio che ci ha visti protagonisti insieme e di cui riviviamo le esperienze più belle, ma anche quelle difficili o problematiche, per cogliere il significato e gli effetti del percorso realizzato.
La dinamica può avere come oggetto:
il ricordo del primo incontro e di come il gruppo si sia trasformato nel tempo per una migliore conoscenza e interiorizzazione del messaggio;
• ciò che è piaciuto di più e di meno del nostro viaggio insieme;
• che cosa abbiamo scoperto di nuovo su noi stessi, su Gesù, sulla Chiesa, ecc.
Una volta in cerchio, ogni fanciullo riceve tre cartoncini di colore diverso o con tre simboli differenti:
cartoncini gialli o con il simbolo del sole;
• cartoncini grigi o con il simbolo della pioggia;
• cartoncini verdi o con il simbolo di un ramo fiorito.
Nel cartoncino giallo, ognuno scrive un momento bello che ha vissuto nel gruppo; in quello grigio, un’esperienza negativa; in quello verde, un suggerimento per il prossimo anno.
Il catechista raccoglie i cartoncini in una grande scatola che pone al centro del gruppo. I cartoncini sono estratti, letti e discussi.
A questo punto si continua l’incontro leggendo il seguente racconto:
«C’era una volta un cuoco che andava in giro per i paesi della contea a insegnare ricette di piatti saporiti. Era famoso perché possedeva una polvere magica che rendeva squisiti i suoi piatti. Ogni paese aspettava con trepidazione e curiosità il suo arrivo, sicuri di imparare qualcosa di nuovo. Era, infatti, molto creativo e sapeva utilizzare bene le risorse dei diversi luoghi. Nei paesi dei pescatori, insegnava a pescare e a cucinare il pesce; nei paesi dei cacciatori, a cacciare e a cucinare la carne; nei paesi degli agricoltori, a coltivare la terra e a cucinare le verdure.
Un giorno arriva in un paese molto povero, dove decide di insegnare la ricetta del minestrone. Va in piazza con la sua grande pentola: vi mette l’acqua, un po’ di sale e la sua polvere d’oro, ingrediente magico che rende squisite le sue pietanze.
Dopo un po’ l’assaggia e dice, come tra sé e sé, che mancherebbe una cipolla. Subito uno che ha sentito corre a casa sua per prendere una cipolla. Egli la mette nella pentola. Dopo un po’ assaggia nuovamente e dice: «Uhm! mancherebbe una patata». Chi ha sentito si precipita a prendere una patata che lui mette in pentola. Dopo un po’ assaggia di nuovo e dice: «Uhm! mancherebbe una carota» e chi ascolta è ben felice di contribuire con la sua carota. Poi mano a mano si accorge che manca un peperone, una zucchina, un po’ di prezzemolo, uno spicchio d’aglio e così via sino a quando è soddisfatto del sapore del minestrone.
È proprio squisito. Gli abitanti lo gustano e ognuno dice che non aveva mai mangiato un minestrone così buono: tutto merito della polvere magica del cuoco…
Lui invece sa che il merito è un altro. Ma questo è il suo segreto».
Alla luce del racconto chiediamo:
• Qual è la polvere magica che ha reso squisito il minestrone?
• Che cosa c’entra questo racconto con l’anno catechistico che si sta concludendo?
• Qual è stato il mio contributo al suo «sapore»?

Questi e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi  nel numero di Maggio di Catechisti Parrocchiali

Per vedere il sommario di Catechisti Parrocchiali di Maggio 2011 clicca qui

Per info e abbonamenti:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...