Ti benedico!- BUONA DOMENICA! XIV Tempo Ordinario – ANNO A

Ascoltare le letture di questa domenica, respirare a pieni polmoni e… ringraziare. Nulla sarebbe più bello! E la parola di Dio, in questa domenica, ci prende per mano, puntualizza qualcosa e ci insegna a ringraziare. Anzi, di più. Ci insegna a benedire, che forse è l’azione più bella che le nostre parole possano fare.


Benedire Dio per i doni immensi con i quali ha arricchito la nostra vita.
Benedire Dio per la vita che ha fatto germogliare ovunque sulla faccia della terra, deserti inclusi.
Benedire Dio per l’energia che attraversa il tempo e tutto lo spazio e rinnova ogni cosa da dentro.
Benedirlo per averci resi figli. Benedirlo per averci resi liberi e capaci di liberare. Benedirlo per averci amati, per averci mostrato il suo volto, per averci resi capaci di seguire le sue audaci proposte.
Benedirlo per le volte in cui lui si fa acqua che disseta, forza che sostiene, perdono che rialza, pane che nutre.
Benedirlo… e con lui benedire la vita, ogni vita.
Quanto sarebbe bello se ogni parola che oggi le nostre labbra pronunciano fosse all’insegna della benedizione. Quanto sarebbe bello se la benedizione verso Dio si trasformasse in benedizione verso il mondo e verso chi ci vive accanto.
Anzi, smettiamo di usare il condizionale e facciamolo: benediciamo! Oggi le nostre parole portino il bene nel mondo. Noi non ci pensiamo troppo, ma le parole che pronunciamo non sono neutre. Se positive, costruiscono. Se negative, distruggono. E allora costruiamo! Proviamoci!
E se ci venisse in mente di non aver motivi per benedire, allora facciamo lo sforzo di uscire fuori dal buio di noi stessi e proviamo ad accorgerci della bellezza che ci circonda. Nel non dovuto che ci è donato. Di chi, silenziosamente, è presente.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Ti benedico, Padre

Ti benedico, Padre, Dio dell’universo!
Ti benedico, Signore del tempo e dello spazio!
Ti benedico, Dio dell’universo infinito!
Ti benedico per il tuo amore infinito,
che abbraccia il cosmo e avvolge la nostra vita.
Ti benedico per i tuoi inattesi doni,
che sorprendono e ridonano frescura
in steppe assolate.
Ti benedico per il tuo Spirito
che vive in noi e ci fa vivere.
Ti benedico per Gesù, tuo figlio e nostro Signore,
nella cui vita noi viviamo, dal cui amore siamo sollevati.
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Mt 11,25-30).

In quel tempo Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Liturgia completa su >>> CLICCA QUI

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Un canto per riflettere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.