Lode a te – BUONA DOMENICA! Solennità della santissima Trinità – ANNO A

Cosa possiamo dire a commento della festa della Santissima Trinità? Cosa c’è da capire?
Forse nulla… forse ci è chiesto solo di contemplare. Ed è il Vangelo a suggerircelo. Sono solo tre versetti, quelli che la liturgia ci offre, ma sono traboccanti di Dio, delle sue logiche, dei suoi motivi.
La nostra generazione è impastata di mentalità scientifica. Ogni cosa ha bisogno di prove perché si possa dire che esista. E questo pensiero macina il cuore, mina la fiducia, indebolisce l’affidarsi. Eppure ci sono mondi infiniti che si muovono nell’invisibile, nel non-tangibile, nel non verificabile.
Penso semplicemente all’amore. All’amore che accarezza, certamente, ma anche all’amore che pota per curare, che frena per difendere, che toglie per prevenire… a quell’amore, a volte esigente, che ti fa sentire solo, disarmato… ma che altro non sta facendo se non farti crescere, maturare, renderti libero


Ecco, è questo l’amore che oggi la liturgia ci chiede di contemplare: la totalità di un amore che ha portato Dio a uscire fuori da se stesso per raggiungere noi e liberare la vita, consegnarci alla gioia, renderci capaci di Lui. Amore misterioso e immotivato, amore illogico e a tratti insensato. E il perché del dono non va cercato in null’altro se non nell’amore.
Qualcuno dirà: «Ma non si poteva usare un sinonimo? Amore ripetuto tante volte in poche righe…».
No, non si poteva usare un sinonimo, perché è l’amore l’unica realtà che deve saltarci in mente tutte le volte che sentiamo la parola «Trinità». È l’amore che lega il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo all’umanità. È l’amore che ha fatto sì che nella perfezione avesse un posto privilegiato la creatura. È l’amore che ci permette di respirare lo stesso Spirito di Dio. È l’amore che costantemente ci solleva dal peccato e ci riporta nel palmo della mano di Dio.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Crediamo in te

Noi crediamo in te, Trinità Santissima;
crediamo nella straordinaria forza
di quell’amore che ci ha raggiunti in Gesù
e ci ha resi figli.
Crediamo nella disarmante immensità
di quell’amore che gratuitamente
ci ha redenti.
Crediamo nella tenace determinazione
di quell’amore che senza condizioni
si è piegato su di noi e ci ha sollevato.
Noi ti lodiamo e benediciamo, Dio,
Padre del Signore Gesù,
poiché in lui ci hai donato lo Spirito dell’amore
che può trasformare la nostra vita in un capolavoro.
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Gv 3,16-18).

In quel tempo, disse Gesù a Nicodèmo:
«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».

Liturgia completa su >>> CLICCA QUI

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Un canto per riflettere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.