Archivi tag: cantalavita

Buona domenica!

Cristo Gesù pur essendo nella condizione di Dio,
non ritenne un privilegio l’essere come Dio,
ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo
diventando simile agli uomini.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi (Fil 2,6-11)
ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE – Anno A-

 

La parola a…
don Roberto Seregni

Che strano festeggiare l’esaltazione di uno strumento di tortura. Ve l’immaginate la festa dell’esaltazione della sedia elettrica? Oppure una piccola ghigliottina appesa ai muri delle case o al collo dei fedeli? Non voglio essere blasfemo, ma solo provare – almeno un po’ – a rivivere quello scandalo che ha attraversato i discepoli nel vedere il loro Rabbì incamminato verso la morte in Croce. I dodici probabilmente si aspettavano di tutto, ma quella fine proprio no. Avevano lasciato ogni cosa per Lui, affascinati dalla sua parola, dai suoi miracoli, dalla sua intimità con Dio e poi se lo vedono lì. Irriconoscibile. Impotente. Sulla Croce.
Provo ad immaginare i loro pensieri….
Dov’è finito quel Rabbì potente che libera dai demoni e dalle malattie?
Dove si è nascosto quel profeta che incanta le folle con sue parole cariche di novità e di bellezza?
Dove è quell’uomo meraviglioso che ha saputo guardare nei nostri cuori e farci sentire amati e accolti come nessuno mai aveva saputo fare?
Dove sei Gesù, Rabbì? Dov’è finito tutto quello che hai promesso?
La festa che oggi celebriamo ci libera dalla tentazione di farci un Dio a nostra immagine e somiglianza, un Dio che risponde ai nostri bisogni e alle nostre attese. Il Crocifisso ci salva innanzitutto da una falsa immagine di Dio. Non il Dio che vuol essere servito e riverito, ma il Dio che serve e dona la vita. Non il Dio che spadroneggia, ma il Dio che ama senza misura. Non un Dio onnipotente nel castigo, ma un Dio onnipotente nell’amore, nella misericordia e nel perdono. Esaltare la Croce significa esaltare il volto nuovo e inedito con cui il Cristo rivela Dio e si presenta come la trascrizione storica della Sua bellezza e del Suo amore. La Croce è il miracolo definitivo di Cristo, è l’apertura eterna sul cuore di Dio, sulla verità di un amore che si dona senza misurare, senza pesare, senza aspettare di essere ricambiato.
Penso a te, che ti consideri un fallito perché tua moglie ti ha lasciato e ora ti trascini da un bar all’altro. Penso a te, che anneghi nei sensi di colpa per una scelta sbagliata vecchia di vent’anni. Penso a voi, che vi sentite dei genitori falliti perché vostro figlia ha smesso di mangiare. Penso a te, che ti senti una nullità perché non riesci a trovare un lavoro. Quelle braccia crocifisse e spalancate sono per voi. Sono l’abbraccio incandescente di un amore che è più forte di ogni fallimento e di ogni caduta. Sono la presa sicura di chi ti accoglie così come sei, ti risolleva dal fallimento e dalla caduta, ti fa sentire forte sulla pelle il gratis dell’amore. Quello vero. Quello che ti lascia senza fiato. Quello da contemplare in silenzio con una sola parola sulla labbra: grazie.

 

…e per riflettere puoi scaricare: Il verbo si è fatto carne

Buona domenica è anche una newsletter che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente sulla tua casella di posta elettronica… Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… Scrivi a buonadomenica e la riceverai…

 

Buona domenica!

“Qui non abbiamo altro
che cinque pani e due pesci”

Dal Vangelo di Matteo (Mt 14,13-21)
XVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO -Anno- A

 

La parola a…
Don Paolo Curtaz

Animo, discepoli, coraggio fratelli e sorelle!
Ci siamo saziati del cibo della Parola, del vino e del latte gratuito del Padre, come profetizzato da Isaia, e sappiamo che nessuna difficoltà ci può separare dall’amore di Cristo, come sperimenta san Paolo, consumato dalle difficoltà dell’annuncio.
Siamo chiamati a donare quel poco che abbiamo, a condividere con inattesa incoscienza tutto ciò che siamo, per somigliare almeno un poco a questo Dio che riempie i cuori.
Un Dio adulto che ci crede e ci rende capaci di cambiare il volto della Storia.
Questa è la Chiesa, quella del cuore di Dio, non quella delle nostre elucubrazioni: l’insieme di coloro che hanno conosciuto l’immensa tenerezza di Dio e che mettono a disposizione ciò che sono, ciò che fanno, perché Dio sazi l’umanità stanca.

 

 …e per riflettere puoi scaricare: Non è ancora morto

 

Buona domenica è anche una newsletter che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente sulla tua casella di posta elettronica… Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… Scrivi a buonadomenica e la riceverai…

 

Buona domenica!

Fratelli,
noi sappiamo che tutto concorre al bene,
per quelli che amano Dio,
per coloro che sono stati chiamati,
secondo il suo disegno.

Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai Romani (Rm 8,28-30)

 

Il regno dei cieli è simile
a un tesoro nascosto nel campo
.

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,44-52)
XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO -Anno- A

 

La parola a…
don Paolo Curtaz

Trovare il senso, trovare Cristo, trovare Dio, avviene sostanzialmente in due modi. O ti capita, come per il contadino che sta arando e inciampa nel tesoro fortuitamente. O perché lo cerchi con ostinazione, come il mercante di perle che passa la vita a cercare la perla più bella. Ma, nell’un caso come nell’altro, la parabola dice che per possedere il tesoro, per non lasciarselo scappare, occorre pagare, anche a costo di vendere tutto.
Dio è gratis, ma è faticoso accoglierlo per le tante resistenze che incontriamo nel nostro cuore. Il Regno è presente, ma è faticoso riconoscerlo in mezzo al delirio in cui viviamo. La fede è dono, ma è faticoso impegnarsi per conservarla in mezzo alla dimenticanza. È una fatica onesta, bella, a tratti dolorosa, che va nella direzione del “lasciarsi fare” più che del “fare”, che ha a che fare con l’affidarsi.

Ne vale la pena, dice Matteo.

 

…e per riflettere puoi scaricare: Liberate questi doni

Buona domenica è anche una newsletter che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente sulla tua casella di posta elettronica… Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… Scrivi a buonadomenica e la riceverai…

 

Avrete forza dallo Spirito…

… che scenderà su di voi e mi sarete testimoni!

 

Dal 17 al 23 luglio ci siamo ritrovati ad Alba, in provincia di Cuneo, per vivere e condividere una di quelle esperienze che, per molti aspetti, diventano tappe importanti nella vita di tutti coloro che per scelta o per caso le vivono… misteriose coincidenze che, al di là di ogni casualità possono dirsi alla fine vere e proprie chiamate.

Da Salerno, Avellino, Napoli, Roma eravamo in 25 e tutti con la stessa possibilità: fare esperienza diretta e tangibile di Dio. Farla attraverso il canto e il gioco, attraverso la preghiera e la riflessione personale. Ma due sono le cose che hanno permesso a Dio di parlare, di essere ascoltato, di toccare e raggiungere i cuori: lo Spirito, soffio potente e inarrestabile, con i suoi 7 doni tutti da scoprire e la disponibilità di ciascuno ad accogliere nel cuore tutti quei doni che Dio aveva preparato.

 

Grazie ragazzi per aver accolto Dio senza paura… grazie per gli occhi lucidi e trasparenti che, pur nel silenzio o nelle parole smozzicate dalla timidezza o dal timore di non contenere le lacrime, hanno saputo testimoniare le meraviglie che il Signore stava operando. Grazie per la gioia e la felicità con cui avete contagiato tutti. Grazie perchè siete stati la testimonianza più forte e più bella della fedeltà di Dio.

Il Signore, che in questi giorni, ha iniziato con voi quest’opera bella la porti a compimento. Vi sostenga nell’affascinante cammino verso di Lui; vi incoraggi con le giuste persone a tendere verso i suoi orizzonti grandi… e Alba e Oropa siano solo una tappa di uno straordinario disegno che il Signore sta realizzando per voi.

 

Guarda le nostre foto!!!

 

 

Buona domenica!

“Signore non hai seminato
del buon seme nel tuo campo?
Da dove viene la zizzania?”

Dal Vangelo di Matteo (Mt 13,23-43)
XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO -Anno- A

 

La parola a…
Don Paolo Curtaz

Io credo che il Regno avanzi.
E mi stupisco nel crederlo, mi commuovo davanti al silenzioso grano che cresce nello sguardo di chi ama, nel gioco puro del bambino, nel gesto generoso di chi – in nome e per conto del Rabbì Figlio di Dio – pone gesti di luce nelle tenebre fitte.
Pazienza, discepoli di colui che è venuto a portare il fuoco, pazienza nelle nostre povere e poco credibili comunità parrocchiali, pazienza nel vedere – nude – le fragilità dei nostri compagni di viaggio, pazienza quando un connaturale istinto di superiorità ci fa giudicare – con piglio tutto
devoto – i fratelli che ancora (e sempre) misureranno la loro debolezza.
Abbi pazienza con te stesso, fratello che leggi.
Sappiamo bene che la voglia di dividere il mondo in buoni (noi) e cattivi (loro) ha portato i discepoli su orribili sentieri di violenza, in passato.
Per i cristiani il nemico non è mai l’altro, è dentro ciascuno di noi.
Senza cadere in perniciosi autolesionismi, guardiamo dentro noi stessi la zizzania (e – per una volta – chiamiamola per nome!) e guardiamo al grano buono seminato dal Signore. La contraddizione abita in ciascuno di noi, in me che scrivo. E’ pericoloso pensare di strappare definitivamente la zizzania prima che il grano sia giunto alla sua piena maturazione.
Pazienza, amico che leggi, se ti sembra che troppe tenebre ancora rovinino la tua vita: abbiamo tutta la vita per imparare a vivere, pazienza se pensavi di essere un prete migliore, un catechista migliore, un marito migliore, uno studente migliore: talvolta la bruciante esperienza del limite (Pietro insegna) ci spalanca la diga della misericordia. E ci rende simile a questo saggio padrone del campo.
Il mondo non ha bisogno di superuomini (supercristiani?) perfetti, ma di discepoli consapevoli del proprio limite, che attendono con passione al loro lavoro, amando questo mondo seminato a grano, consapevoli del proprio e dell’altrui limite, limite che Dio riempie di tenerezza.

 

…e per riflettere puoi scaricare: Fuoco purificatore

Buona domenica è anche una newsletter che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente sulla tua casella di posta elettronica…Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… Scrivi a buonadomenica e la riceverai…

 

Buona domenica!

Il seme seminato nella terra buona
è colui che ascolta la Parola
e la comprende.

Dal Vangelo di Matteo (Mt 13,23)
XV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno A –

 


La parola a…
Don Paolo Curtaz

Dio parla all’umanità, e lo fa continuamente, e lo fa generosamente, lo fa senza pentirsi. Lo fa con discrezione, senza urlare. Per ascoltare la sua Parola occorre prima imparare il silenzio del cuore, occorre aprire l’udito dell’anima, la vibrazione dell’essere profondo. Forse per questo molti accusano Dio di tacere, perché non hanno ancora imparato ad ascoltare. Siamo talmente disabituati all’ascolto! Gesù ne è certo: Dio semina e semina con generosità, con un pizzico di follia, non ha paura di gettare la Parola sull’asfalto, non lesina la sua voce…
Si propone Dio, non si impone. Mai. Ci lascia liberi. Sempre.
La parabola dice chi è l’uomo. L’uomo che è creato per relazionarsi, per dire, per dirsi, per ascoltare, per ascoltarsi. L’essere umano è, prima di ogni altra cosa, uditore, ascoltatore.
Chi produce frutto? Chi lascia germogliare il seme?
Chi ascolta la Parola, chi la cerca, chi la desidera.
Chi è stupito di potere ascoltare, chi è meravigliato di essere amato.
Chi è il terreno buono della parabola?
Io credo che “terreno buono” sia chi si è riconosciuto almeno un po’ nei precedenti terreni. È terreno buono chi, con semplicità, ascoltando questa parola, ha sentito nel suo cuore la durezza, l’incostanza, la preoccupazione, e teme di perdere la Parola.
Sei deluso della tua nascente vita di fede? Fatichi a restare fedele al Signore?
Hai grande nostalgia di Dio ma la vita ti inganna?
Leggi queste parole e senti un tuffo al cuore?
Buone notizie, fratello, la Parola sta crescendo in te.
Beati noi, invasi dalla Parola.

 

…e per riflettere puoi scaricare: Frutti di santità

Buona domenica è anche una newsletter che puoi ricevere, ognisettimana, direttamente sulla tua casella di posta elettronica… Vangelo, riflessioni novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… Scrivi a buonadomenica e la riceverai…

 

Buona domenica!

“Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra,
perchè hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti,
e le hai rivelate ai più piccoli.
Sì, o Padre, perchè così hai deciso nella tua benevolenza…”

 Dal Vangelo di Matteo (Mt 11,25-30)
XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno – A

 

La parola a…
don Paolo Curtaz

…Ascolta chi è piccolo, chi è fragile, chi è spalancato allo stupore.
Gesù stesso è turbato da questa scoperta. Tra i suoi discepoli sono i poveracci a prevalere.
I notabili, i religiosi e i devoti, i ricchi, a parte qualche eccezione, tentennanno, dubitano, avvitano il proprio pensiero su loro stessi.
Deprimente.
Gesù esulta: nel mondo prevale, allora come oggi, la logica del potente.
Dio, invece, preferisce gli sfortunati e i perdenti. E dei perdenti ne fa discepoli.
Dei deboli i propri testimoni, dei balbuzienti i propri proclamatori.
BUFFO DIO. SAPESTE QUANTO LO AMO. SAPESTE QUANTO MI AMA.
Prendo volentieri il suo giogo sopra di me.
Non ho trovato nulla di più bello, di più vero, di più luminoso.
Lo so, crederci sul serio è folle.
Vivere incentrati sulla mitezza è folle.
Vivere nel rispetto profondo del corpo, nella sinfonia con lo spirito è fuori moda.
Scegliere il profilo basso è perdente.
Pazienza, continuerò a correre il rischio di credere nel Dio più pazzo che esiste.
Seguirò le poche tracce di luce che ho scoperto davanti a me.

 

…e per riflettere puoi scaricare: Dio è

Buona domenica è anche una newsletter che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative…
Scrivi a
buonadomenica e la riceverai…