PRONTI! – BUONA DOMENICA! I AVVENTO – ANNO A

Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà . Mt 24,42

Il Vangelo, questa volta, incute un certo timore… ha un che di minaccioso. I giorni di Noè che vengono citati non furono giorni di salvezza… non per tutti almeno. In molti – si narra – mangiano, bevono, prendono moglie. La loro vita scorre ruotando attorno ai loro bisogni e, dice il Vangelo, «non si accorsero di nulla». Di cosa poi si sarebbero dovuti accorgere?
Dall’altra parte c’è Noè che ha certamente moglie, figli, e come tutti gli altri mangerà e berrà. Quindi apparentemente niente di diverso… ma Noè si accorge dell’appello di Dio e risponde. Ascolta, vede e fa le sue scelte di adesione a Colui che chiama e spinge a uscire da se stessi e dal proprio piccolo mondo.
Ecco, forse sarà così… forse è così! La venuta di Dio tra noi è una chiamata a uscire dal nostro mondo; è un invito ad accorgerci di ciò che accade oltre noi; è un appello ad aprirci, ad abbattere le corazze per accogliere il dono. Quale? Essenzialmente uno: il donarsi di Dio. Il farsi di Dio a noi vicino.
E allora no, il Vangelo non è minaccioso, ma semplicemente onesto: ci mette sul chi va là. Ci dice onestamente quale sia l’atteggiamento migliore per accorgersi della presenza di Dio, del suo entrare nella nostra storia. Il punto non è sapere il giorno. Non è conoscere il dono. Ciò che conta è vivere in funzione di quel giorno, in forza di quel dono, in vista di quell’incontro.
Ogni vita per avere un senso ha bisogno di un orientamento: il credente sceglie di avere in Dio il suo senso, la sua meta, il suo orientamento. E non per vivere semplicemente proiettati verso l’aldilà, ma per accogliere il passaggio di Dio qui e ora; per rispondere a lui oggi, per fargli spazio in questo nostro mondo. Accettando di non conoscere… né il come né il quando. Vegliare, attendere, essere pronti: questo conta.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

Siamo pronti, Signore, vieni!

 Siamo pronti, Signore Gesù: 
lampade accese e olio di scorta,
pronti per vegliare nella notte
e attendere la tua venuta;
pronti ad accorgerci dei raggi di salvezza
che attraverseranno la nostra vita;
pronti a scattare verso di te
per accogliere l’immenso dono.
Siamo pronti, Signore, anche se stanchi.
Pronti, anche se provati dalla lunga notte.
Pronti, anche se delusi e disorientati.
Vieni, Signore Gesù, sorgente di speranza!
Amen.

DAL VANGELO DELLA DOMENICA (Mt 24,37-44)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:«Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

La PREGHIERA e le COVER in formato da scaricare e condividere sui social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.