CATECHISTI PARROCCHIALI – Marzo 2012 – IL VOLTO DEL FRATELLO

UN IMPEGNO QUOTIDIANO

di F. Carletti – A.M. D’Angelo

La catechesi è un percorso per crescere come cristiani e rassomigliare sempre più a Gesù. Per raggiungere tale obiettivo occorre esercitarci, giorno per giorno, concentrando la nostra attenzione sui piccoli gesti e sugli atteggiamenti nei confronti delle persone e delle cose.
Come cristiani non possiamo migliorarci se non comprendiamo la necessità di allenarci, assumendo, momento per momento, comportamenti positivi. Decidere di migliorare in generale non porta a nulla, se non a demoralizzarci per l’impossibilità di vederne i frutti. Un impegno concreto è, invece, misurabile e verificabile, ma soprattutto, posso osservarne gli esiti,

Assunto un impegno, non possiamo dimenticarcene.
In più, se esso è preso insieme con gli altri componenti della famiglia, possiamo aiutarci a vicenda nel ricordarcelo e nel trovare la spinta a compierlo giorno per giorno.
Vi proponiamo di realizzare un calendario di Quaresima che coinvolga l’intera famiglia dei ragazzi: prendete un foglio con indicati i giorni della settimana; in corrispondenza del giorno che stiamo vivendo, posizioneremo il nostro agnello, per ricordarci di Gesù, l’Agnello di Dio, che per amore si è preso l’impegno più grande di tutti: sacrificare la sua vita per la nostra salvezza.

Materiale: 1 foglio di carta bianco di almeno 220 gr, pennarelli colorati, forbici, colla stick, colla vinavil, nastro di velcro, cotone idrofilo.
Per realizzare il calendario:
• Si disegna un agnello sul foglio di carta.
• Si ritaglia la figura e si applica la colla vinilica sul corpo.
• Si attacca sulla colla il cotone idrofilo, in modo da dare morbidezza e spessore alla pancia dell’agnellino.
• Si attacca dietro all’agnello un quadretto di velcro.
Realizziamo ora il calendario sul quale l’agnello verrà spostato giornalmente per ricordarci del nostro impegno quaresimale.
• Prendiamo di nuovo il foglio di carta di 220 gr e vi disegniamo una tabella con i giorni della settimana. In corrispondenza di ogni giorno applichiamo un quadretto di velcro, che costituisce l’appoggio per l’agnello.
• Il calendario potrà essere colorato e decorato a piacere.

In casa si appende il calendario della Quaresima in un posto ben visibile e abbastanza frequentato, meglio se consente anche di stare comodi.
Il fanciullo, la sera, dopo cena, presenta ai genitori «l’agnellino» che ha ricevuto a catechismo, o invita i genitori a costruirlo con lui.
Il papà lo tiene nel palmo della mano e lo propone all’osservazione di tutti.
La mamma, dopo un po’ di silenzio, legge lentamente il brano di Gv 1,29-34.
Dopo un momento di raccoglimento il papà spiega il senso del gesto: Giovanni Battista presenta Gesù come «l’agnello di Dio»: la sua persona, i gesti, le scelte, la morte in croce, hanno segnato il corso della storia e del mondo! Mentre noi, oggi, non facciamo che correre e sopraffarci a vicenda! Non siamo capaci di fermarci accanto a un malcapitato; e quando arriviamo a casa, la sera, quasi non abbiamo voglia di guardarci in viso e scambiarci un sorriso. Continuiamo a «correre» per metterci davanti al televisore!
Dopo ancora qualche istante di silenzio la mamma sottolinea: È vero, Gesù è un agnello indifeso, ma capace di sacrificare se stesso per tutti noi!
Ora tocca al fanciullo intervenire: all’incontro di catechesi tutti ci siamo impegnati in gesti concreti di amore e di servizio, soltanto «per amicizia». Vogliamo impegnarci anche come famiglia?

In questo modo tutta la famiglia può impegnarsi e ritrovarsi la sera “attorno” all’ «agnellino» per condividere i piccoli-grandi gesti di amore concreto, vissuti nella giornata; poi, posizionando l’agnello nella casella del giorno corrispondente si prega insieme:

Signore Gesù, Agnello di Dio
che hai dato la vita per noi,
aiutaci a saperci fermare,
per fare quattro passi con un amico;
a rinunciare alla televisione,
per guardarci negli occhi e ascoltarci;
a dirci spesso con gesti di affetto:
«Ti voglio bene». Amen.

Questi e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi nel numero di Marzo di Catechisti Parrocchiali.

Per vedere il sommario di Catechisti Parrocchiali di Marzo 2012 clicca qui

Per info e abbonamenti:

RAGAZZI & DINTORNI – Febbraio 2012 – Fedeltà

COME ALBERI SULLA RIVA DEL FIUME

di Fausto Negri

Un ragazzo sempre indeciso su come doveva agire, chiese al suo maestro spirituale: «Come posso sapere che cosa devo “fare”?». Il maestro lo portò in giardino e, davanti a vari tipi di piante che erano lì cresciute, rispose: «Crescendo, nel posto dove sei, nel momento in cui vivi, con le persone che hai intorno… Come gli alberi!». La vita è come un albero: per crescere ha bisogno di tempo e di durata; solo allora si può radicare.

Viviamo nella società del «tutto e subito». L’impegno prolungato, la durata non sembrano avere un grande indice di gradimento. Oggi si ritiene che nulla duri per sempre. Farsi assorbire troppo profondamente e coinvolgersi emotivamente, prendere impegni di lungo periodo, vincolarsi indissolubilmente con le persone è, per tanti, una cattiva idea. Tutto ciò che oggi fa bene, domani può essere veleno. E, così, molti oggi hanno paura di legarsi con fedeltà a un’altra persona, di dedicarsi con perseveranza a un progetto, perché hanno paura di non poter garantire per sé e per gli altri.
I media ci forniscono questo falso messaggio: c’è un modo semplice e rapido per ottenere tutto ciò che desideriamo; si può perdere dieci chili in una settimana; imparare in poco tempo una lingua straniera; diventare disc-jockey senza fatica; arricchirsi, giocando pochi soldi al momento giusto. Troppe persone si lasciano ingannare da questi specchietti per allodole e adottano una filosofia di vita che spesso li porta alla rovina. Si concentrano, infatti, sull’atto del consumo invece che su quello della produzione, sul piacere immediato piuttosto che sulla soddisfazione a lungo termine.
Siamo, dunque, invitati continuamente a prendere la vita come viene, a frammenti, aspettando che ciascun frammento sia diverso dal precedente.
Cresce la mentalità del disimpegno e della discontinuità, prende forza la cultura dell’adesso e della fretta.

Il termine fedeltà deriva dal latino «fidelis», da «fides», fede. Ha dato origine alla parola «fedele», per indicare il credente esemplare.
La fedeltà è la base delle virtù, perché la virtù è l’essere fedeli alla legge del bene. Essa esclude il tradimento, di qualsiasi genere, e presuppone amore, perché si può essere fedeli soltanto se si ama; implica perseveranza, dal momento che il suo problema è quello di superare il tempo, di sfuggire alla noia, all’abitudine, alle tentazioni esteriori del compromesso, dell’incostanza e della slealtà; non si riferisce solo all’amore coniugale né ai soli tradimenti marito-moglie, ma riguarda qualsiasi ambito di vita. Tutti abbiamo bisogno di persone su cui contare, che ci diano sicurezza e protezione e ciò ci fa bene; è dinamica. La disponibilità a camminare sulla stessa strada con un amico, ad esempio, è la promessa di essere fedele e fidato in tutti i cambiamenti che ci possono essere.
La fedeltà non è quindi immobile, ma viva. Un amico fedele è un dono prezioso.
Non ha bisogno per esprimere la sua amicizia di fare particolari giuramenti. Sa stare vicino, far sentire importanti, cogliere il proprio valore, anche dopo uno sbaglio o una delusione;

L’impegno oggi fa paura. Eppure gli psicologi affermano che l’indecisione costante ha effetti nefasti sulla vita delle persone. Un proverbio dice: «La strada che porta all’inferno è lastricata di buone intenzioni». Se si abbandonano continuamente i propri propositi e progetti, si arriva a non avere più fiducia né in se stessi né nella vita: ci si prepara l’inferno già ora.
La dinamica da proporre ai ragazzi può seguire il seguente schema chiedendo ai ragazzi di verificare nella propria vita:
- quali propositi o impegni hanno assunto;
- se sono stati perseguiti, nonostante le difficoltà?
- hanno chiesto consiglio o aiuto a qualcuno?
- quali sentimenti hanno vissuto?
E’ importante ricordare ai ragazzi che non si è obbligati alla riuscita o al successo, ma all’impegno, perché la sola grandezza è provare. Sono persone di rilievo coloro che, alla base della loro esistenza, hanno messo tre requisiti fondamentali:
• l’essere motivati;
• l’aver stabilito alcuni traguardi;
• aver lavorato sodo per raggiungerli.
Si realizza chi si dedica con tenacia a un compito.

Questo e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi sul numero di Febbraio dell’inserto Ragazzi & Dintorni dossier mensile di Catechisti Parrocchiali.

Inoltre  prossimamente ON LINE l’aggiornamento del materiale per il post riservato ai lettori della rubrica Musica di Catechisti Parrocchiali – Febbraio 2012. Per accedere è necessaria la password indicata nell’articolo.

—> TUTTO PASSA, COGLI L’ATTIMO! <—

Per vedere il sommario di Ragazzi & Dintorni di Febbraio 2012 clicca qui

Per info e abbonamenti:

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.414 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: