CATECHISTI PARROCCHIALI – Marzo 2012 – IL VOLTO DEL FRATELLO

UN IMPEGNO QUOTIDIANO

di F. Carletti – A.M. D’Angelo

La catechesi è un percorso per crescere come cristiani e rassomigliare sempre più a Gesù. Per raggiungere tale obiettivo occorre esercitarci, giorno per giorno, concentrando la nostra attenzione sui piccoli gesti e sugli atteggiamenti nei confronti delle persone e delle cose.
Come cristiani non possiamo migliorarci se non comprendiamo la necessità di allenarci, assumendo, momento per momento, comportamenti positivi. Decidere di migliorare in generale non porta a nulla, se non a demoralizzarci per l’impossibilità di vederne i frutti. Un impegno concreto è, invece, misurabile e verificabile, ma soprattutto, posso osservarne gli esiti,

Assunto un impegno, non possiamo dimenticarcene.
In più, se esso è preso insieme con gli altri componenti della famiglia, possiamo aiutarci a vicenda nel ricordarcelo e nel trovare la spinta a compierlo giorno per giorno.
Vi proponiamo di realizzare un calendario di Quaresima che coinvolga l’intera famiglia dei ragazzi: prendete un foglio con indicati i giorni della settimana; in corrispondenza del giorno che stiamo vivendo, posizioneremo il nostro agnello, per ricordarci di Gesù, l’Agnello di Dio, che per amore si è preso l’impegno più grande di tutti: sacrificare la sua vita per la nostra salvezza.

Materiale: 1 foglio di carta bianco di almeno 220 gr, pennarelli colorati, forbici, colla stick, colla vinavil, nastro di velcro, cotone idrofilo.
Per realizzare il calendario:
• Si disegna un agnello sul foglio di carta.
• Si ritaglia la figura e si applica la colla vinilica sul corpo.
• Si attacca sulla colla il cotone idrofilo, in modo da dare morbidezza e spessore alla pancia dell’agnellino.
• Si attacca dietro all’agnello un quadretto di velcro.
Realizziamo ora il calendario sul quale l’agnello verrà spostato giornalmente per ricordarci del nostro impegno quaresimale.
• Prendiamo di nuovo il foglio di carta di 220 gr e vi disegniamo una tabella con i giorni della settimana. In corrispondenza di ogni giorno applichiamo un quadretto di velcro, che costituisce l’appoggio per l’agnello.
• Il calendario potrà essere colorato e decorato a piacere.

In casa si appende il calendario della Quaresima in un posto ben visibile e abbastanza frequentato, meglio se consente anche di stare comodi.
Il fanciullo, la sera, dopo cena, presenta ai genitori «l’agnellino» che ha ricevuto a catechismo, o invita i genitori a costruirlo con lui.
Il papà lo tiene nel palmo della mano e lo propone all’osservazione di tutti.
La mamma, dopo un po’ di silenzio, legge lentamente il brano di Gv 1,29-34.
Dopo un momento di raccoglimento il papà spiega il senso del gesto: Giovanni Battista presenta Gesù come «l’agnello di Dio»: la sua persona, i gesti, le scelte, la morte in croce, hanno segnato il corso della storia e del mondo! Mentre noi, oggi, non facciamo che correre e sopraffarci a vicenda! Non siamo capaci di fermarci accanto a un malcapitato; e quando arriviamo a casa, la sera, quasi non abbiamo voglia di guardarci in viso e scambiarci un sorriso. Continuiamo a «correre» per metterci davanti al televisore!
Dopo ancora qualche istante di silenzio la mamma sottolinea: È vero, Gesù è un agnello indifeso, ma capace di sacrificare se stesso per tutti noi!
Ora tocca al fanciullo intervenire: all’incontro di catechesi tutti ci siamo impegnati in gesti concreti di amore e di servizio, soltanto «per amicizia». Vogliamo impegnarci anche come famiglia?

In questo modo tutta la famiglia può impegnarsi e ritrovarsi la sera “attorno” all’ «agnellino» per condividere i piccoli-grandi gesti di amore concreto, vissuti nella giornata; poi, posizionando l’agnello nella casella del giorno corrispondente si prega insieme:

Signore Gesù, Agnello di Dio
che hai dato la vita per noi,
aiutaci a saperci fermare,
per fare quattro passi con un amico;
a rinunciare alla televisione,
per guardarci negli occhi e ascoltarci;
a dirci spesso con gesti di affetto:
«Ti voglio bene». Amen.

Questi e molti altri suggerimenti per la catechesi dei ragazzi nel numero di Marzo di Catechisti Parrocchiali.

Per vedere il sommario di Catechisti Parrocchiali di Marzo 2012 clicca qui

Per info e abbonamenti:

Preghiamo la Parola – Ecco l’agnello di Dio

“Ecco l’agnello di Dio! Eccolo davanti a voi, colui che toglie il peccato del mondo! Eccolo, vi è dato perché lo seguiate, perché ascoltiate la sua voce! Eccolo, è qui; e parla il nuovo agnello dell’espiazione. Non ci saranno più sacrifici dopo di lui, perché in lui tutto è stato salvato. Dovete credere alle sue parole, restargli fedeli lungo il cammino della vita. Io ne do testimonianza, ed è vera! Lui, il Cristo mandato dal Padre è segno inconfutabile del suo amore per tutti noi. Le sue parole sono parole di perdono, di tenerezza, di amore fecondo per chi le ascolta con cuore sincero, trasparente, puro, giusto.
Davanti a voi, non c’è il tenero bambino che avete contemplato, ma la docilità di un Figlio che accoglie e vive in prima persona la volontà del Padre su di lui e su di noi; non c’è il tenero agnellino portato sulle spalle dal pastore, ma c’è il nuovo e definitivo Isacco che una volta per tutte è stato consegnato a questo mondo, ha assunto questa umana fragilità, perché tutti noi… tutti e non solo alcuni, potessimo diventare figli di Dio, da lui amati.
Su di lui lo Spirito di Dio è sceso, perché da Lui lo Spirito potesse arrivare a noi e in noi generare vita nuova. È questa la vita che siamo chiamati a vivere! Questa la vita piena che siamo chiamati a sperimentare, ad accogliere, credere e seguire.

Gv 1, 29 – 37

29Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! 30Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. 31Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
32Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. 33Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. 34E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».
Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». 37E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.

 

«Lo Spirito è disceso su di lui ed è rimasto…»
Non potete immaginare quante cose in quel momento mi siano ritornate in mente: felicità, gioia, compimento di numerose speranze… e ancora molto altro, ma non posso e non riesco a descriverlo qui, a voi… oggi! Da quando siete nati, per voi tutto è stato più che scontato. Voi non avete neppure dovuto sperare che il Salvatore delle vostre vite nascesse… voi la salvezza l’avete ricevuta come dono… e forse per questo scegliete se accettarla o meno. Noi no! Noi aspettavamo, speravamo, credevamo che il nostro Dio avrebbe pensato a noi, ancora, come una volta.
Da piccolo mio padre mi raccontava del suo servizio al tempio, la sua vicinanza a Dio, il suo parlare con lui. Solo mia madre ogni tanto mi diceva quanto fosse stata originale la mia nascita e spesso mi ripeteva: «Tu vedrai le antiche promesse realizzarsi, vedrai il Messia. Tu, Giovanni, lo hai già riconosciuto una volta, ora però dovrai mostrare al popolo il suo Salvatore». Facile? No! Di quel cugino avevo solo sentito parlare… ci eravamo incontrati poche volte… Ma quella voce che mi aveva mandato a battezzare me lo aveva detto: «Lo Spirito, quello santo, ti rivelerà ogni cosa. Lui ti indicherà il mio Cristo». E il giorno è arrivato. I profeti lo avevano detto: sarebbe arrivato come un servo. Non solo pronto a servire Dio, ma a servire ogni uomo, ogni realtà, ogni situazione umana. Eccolo e  lui è qui, oggi, per voi… È tra i peccatori, come un peccatore. Povero e beato, e su di lui scende lo Spirito di Dio…
Su di lui lo Spirito resta perché buttandovi in lui, voi stessi possiate sperimentare nuova vita… la sua Parola, se la ascolterete e accogliere in voi, se la crederete e seguirete vi immergerà nello straordinario e dinamico fiume dell’amore… quello di Dio! Eccolo davanti a voi, Parola fatta carne! Ecco l’agnello di Dio… seguitelo, credete in Lui!

 

Venite e me tutti! Insieme per pregare la Parola e adorare la presenza Eucaristica del Signore. Questo è il valore delle tracce di preghiera che settimana dopo settimana ci accompagneranno in questo anno liturgico. Offriamo le tracce da scaricare augurandoci di poter costruire tra noi, seppur virtualmente, una comunione di preghiera che ci unisca e ci rafforzi nel credere.
Buon cammino nel Signore Gesù, crocifisso e Risorto!

Chi volesse un sussidio che accompagni la preghiera per ogni tappa dell’anno liturgico, può acquistare nelle librerie paoline Attirerò tutti a me, adorazioni eucaristiche per tutto l’anno liturgico, di sr. Mariangela Tassielli, autrice anche delle tracce di preghiera che ci saranno proposte, ogni settimana.

 


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.412 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: