Buona domenica! – I di Avvento (Anno B)

«Perché, Signore,
ci lasci vagare lontano dalle tue vie
e lasci indurire il nostro cuore,
cosi che non ti tema?»

Dal libro del profeta Isaia (Is 63, 17)
I DOMENICA DI AVVENTO – Anno B

Ricominciamo.
Riflettevo, proprio ieri, passeggiando in montagna fra i larici ingialliti e la neve a poche decine di metri sopra di me, su quanti Natali ho preparato e vissuto in questa mia vita movimentata. E sono ancora qui, non a far finta che Gesù nasca, – egli è nato, è vissuto, è morto ed è risorto – ma per lasciarlo ancora nascere nella mia vita.
Fra la sua venuta e il suo ritorno ci sono io, ci siamo noi, in questo tempo.
Ogni anno ripercorriamo la storia della salvezza, ogni volta ascoltiamo gli stessi vangeli, torniamo allo stesso punto ma, come una spirale, ad un livello più profondo.
Speriamo.
Le ragioni per essere scoraggiati sono molte; la crisi economica, le difficoltà politiche, il crescente clima di rissosità, la Chiesa che sembra faticare a rilanciare la fede, schiacciata all’angolo da troppe paure e da qualche incoerenza di troppo.
Fatichiamo, poche storie.
Abbiamo bisogno di un redentore.

L’asciutta parabola con cui iniziamo la conoscenza di Marco ci spalanca un mondo.
Gesù viene a visitarci nella notte, in maniera nascosta. Possiamo fare esperienza di lui, ma diversamente da come lo hanno conosciuto i discepoli. La notte, allora, rappresenta la fatica della ricerca, la tensione ideale, la scoperta del mondo della preghiera, del mondo interiore, della spiritualità.
Anche noi possiamo incontrare nella notte il Signore.
Possiamo incontrare il Signore, come Abramo, rientrando in noi stessi, mettendoci in cammino per scoprire chi siamo. Anche a noi il Dio misterioso dice, come ad Abramo, leck leckà, vai a te stesso.
Se dedichiamo del tempo a nutrire l’interiorità diventiamo capaci di intravvedere la presenza di Dio nel quotidiano.
Possiamo incontrare il Maestro negli eventi di liberazione, quando, nella conversione, ci scopriamo capaci di non essere vittime delle nostre paure, delle nostre incoerenze, delle nostre fragilità. Alcuni, dopo una forte esperienza interiore, spalancano il loro cuore alla bellezza di Dio e si convertono, percependo un senso di liberazione dalla paura e dal dolore, dal peccato e dalla tenebra. È l’inizio di un cammino che, attraversando il deserto, ci porta al monte dell’Alleanza.
Siamo qui per darci un mese di sveglia interiore, per far nascere (ancora e ancora) Dio in noi.
È già nato, ovvio, altrimenti non stareste leggendo
queste parole anarchiche di vangelo.
È già nato, ovvio, se avete deciso di ribellarvi ad una fede esteriore e tiepida.
È già nato, ovvio, se avete deciso di mettervi a cercare Dio.

Quello che possiamo fare è stare svegli, non lasciarci travolgere dalla follia quotidiana della vita, ribellarci al pensiero dominante per vivere la nostra interiorità come dei cercatori di Dio. Iniziano il tempo della resistenza, dell’interiorità, della preghiera, della speranza.

Se Dio diventa uomo, ancora non si è stancato di noi.
Se Dio diventa uomo, allora l’uomo può imparare da Lui a diventare tutto uomo.
Se Dio diventa uomo, la vita merita Dio, e deve essere splendida, se solo la capissimo!

Dai, facciamolo bene questa volta, seguiamo sul serio la provocazione della Parola.
Aspettiamo Dio.

(PAOLO CURTAZ)

…e, per finire:
Diverse ottiche

«Buona domenica!» è una newsletter che puoi ricevere, ogni settimana, direttamente nella tua casella di posta elettronica: Vangelo, riflessioni, novità in libreria, notizie dalle missioni, iniziative… 
Scrivi a buonadomenica_fsp@yahoo.it e la riceverai…

7 Risposte

  1. Grazie per il vostro aiuto nell’aiutarci a riflettere…

  2. è bello sapere che anche attraverso questi mezzi di comunicazione si può fare e ricevere del bene!!!

  3. Buona domenica e buon cammino di Avvento. :)

  4. Grazie per gli spunti di riflessione che mi date…siete importanti per il mio cammino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.414 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: